Dio permette agli uomini di fare ciò che vogliono, ma il risultato e’ una fiaba ironica della stupidità umana

Dio permette agli uomini di fare ciò che vogliono, ma questo è il risultato di una fiaba ironica e della stupidità umanaIl vescovo li vede arrivare, una folla di persone dall’aria decisa. Sospirando, si girò verso di loro: “Che cosa volete, figlioli?”. Quello che era evidentemente il loro capo si fece avanti: “Vogliamo che la Chiesa…”. Il santo vescovo li ascoltò pazientemente, poi ad un certo punto alzò la mano: “Sì, sì, credo di avere capito. A questo punto penso che sia meglio che queste che cose le chiediate direttamente a Dio.”

Si levò un mormorio di sorpresa. “Ma… disturbarlo per…” Ma il vescovo fece un cenno con la mano a liquidare l’obiezione e si avviò con passo deciso. Gli altri lo seguirono.
Dio stava potando delle viti nel suo giardino. “Sì, un attimo, ho quasi finito.” Recise un ultimo ramo e poi si sedette su un muretto. “Allora, forza, parlate” disse, con fare affabile.

Si fece avanti il capo del gruppo: “Signore, ecco, noi… vorremmo che permettessi l’uso di anticoncezionali…” Disse, quasi farfugliando. Dio scambiò un’occhiata con il vescovo: “Certo, lo permetto”. Un mormorio di sorpresa si levò tra i presenti, che cominciarono a scambiarsi pacche sulle spalle. “C’è altro, vero?” disse Dio. “Ecco, vorremmo che fossero permessi anche i rapporti omosessuali…”. “Sono permessi”, disse Dio. Da alcuni degli astanti si levarono degli “Olè”. “E anche i rapporti al di fuori del matrimonio…”. “Accordàti”, fece Dio. “La masturbazione…”. “Certo”. “L’aborto…”. “Come no. Ma aspettate, è inutile che vi sforziate di esprimerlo in parole, tanto lo posso leggere in voi cosa vorreste fare.”
Li guardò, uno per uno. “Vorreste fare del sesso quando vi va e con chi vi va? Lo permetto. Anche con dei bambini? Sì, lo permetto. Vorreste impossessarvi dei beni di chi secondo voi ha troppo? Lo permetto. Della donna, dell’uomo di un altro? Lo permetto. Anche con la forza? Con la menzogna? Lo permetto. Volete uccidere chi non sopportate? Permetto anche questo.”

Man mano che Dio parlava, tutti ad uno ad uno tacquero. Dio si alzò: “Io permetto tutte queste cose. Le permetto già. E dovreste saperlo, visto che già le fate. Tutte”. Si avvicinò, e fissò negli occhi il loro capo: “Ma quello che non posso fare è dire che tutte queste cose vi renderanno felici. Non posso proprio farvele bastare. Perché io ho fatto voi uomini in un’altra maniera.” Mentre parlava sorrideva, un sorriso triste. “Non solo il fare tutte queste azioni non vi basterà, ma vi renderà ancora più infelici, perché sono proprio il contrario del modo in cui vi ho fatto.”

Il leader del gruppo abbassò lo sguardo. Dio gli posò una mano sulla spalla: “Vi ho fatti in una certa maniera, e nemmeno io posso farvi in maniera diversa senza disfarvi del tutto. Nel fondo del vostro cuore voi non volete le cose che avete chiesto: chiedete delle cose che pensate colmino quella sete che avete, ma non sono le cose giuste. Sono le cose che qualcuno che odia voi e me vi ha suggerito proprio sapendo cosa vi succederebbe.”

Si rivolse a quelli dietro: “Voi, che già le fate, ditemi, vi hanno resi felici, o ancora più disperati e famelici? Cosa è successo, come conseguenza di quelle azioni? Quale tristezza e schifo hanno generato?” Nessuno parlò. “E quindi,” proseguì Dio, “cosa vorreste che io facessi? Che, nonostante quello che siete, quello che è, io vi dessi il permesso di sentirvi giustificati qualsiasi cosa facciate? In maniera da accusarmi anche di questo? Bene, il permesso di farlo ve l’ho dato. E ve l’ho dato fin dal principio. Si chiama libertà. Ma avete anche qualcosa d’altro, dentro, cioè la conoscenza di cosa sia bene e cosa sia male. E nemmeno io posso togliervela, perché ve la siete presa assieme alla libertà.”

Si accostò al vescovo, passò il braccio attorno alle sue spalle bianche e lo strinse a sé. “Il vostro vescovo vi può ricordare cosa io stesso ho detto ai vostri padri. Cos’è che può rendervi felici. Ma, se non lo posso io, neanche lui può cambiare la vostra natura”. “Cos’è che può renderci felici, allora?” chiese il capo del gruppo. “Già lo sai” disse Dio “stare qui assieme a me.”

A questo punto, il silenzio era totale. Neanche si sentivano più gli uccellini tra i rami del giardino. Poi, uno ad uno, i presenti si voltarono e se ne andarono.

Alla fine rimasero solo Dio e il vescovo. Il vescovo sospirò: “Credi che l’abbiano capito, stavolta?” chiese, rivolgendosi a Dio. Dio si strinse le spalle: “Come tutte le altre volte. Ma una cosa la sanno, anche se ogni volta sembrano scordarsene”. Il vescovo si girò verso Dio: “E qual è?”. Rispose Dio: “Che io li amo”.

Fonte. Blog di Berlicche

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome