Crimini di odio contro le persone LGBT in Europa, una falsità molto costosa!

L’Agenzia per i diritti fondamentali dell’Unione Europea sta per pubblicare un’indagine discutibile il prossimo 17 maggio e chiederà, nelle sue conclusioni, una legislazione più anti- discriminazione in tutti i paesi della UE. Il prezzo pagato dai cittadini europei per questa ridicola e per nulla scientifica indagine è di 370.000 euro. Le conclusioni, sembra ragionevole affermare, fossero già scritte sin dall’inizio della indagine… L’affermazione più sconvolgente del rapporto  è che un quarto delle 93.000 persone LGBT che hanno risposto al questionario, circa 20,000, hanno detto che sono state vittime di violenza fisica nel passato. Ovviamente a questa affermazione, nessuna verifica da parte della Agenzia è seguita per verificare, attraverso le polizie e le magistrature nazionali, se i dati corrispondessero alle denunce e alle relative condanne dei violenti. Vi sono, tuttavia, alcuni fatti , che devono essere presi in considerazione quando si guarda a questa relazione:  1 . Il modo in cui l’ indagine è stata condotta , è per certi versi sconcertanti .

Siamo di fronte a una seria ricerca scientifica? Prima di tutto, le uniche persone ammesse a partecipare al sondaggio sono le stesse persone che si dichiarano LGBT. Innanzitutto, ciò significa che non c’è modo di confrontare la loro percezione di sé con la percezione della società in generale. In secondo luogo , il questionario è molto lungo . Solo le persone altamente motivate a dimostrare di aver subito discriminazioni avrebbero potuto compilare il questionario e tutte le 50 domande . Più problematico ancora è il fatto che il sondaggio non si basa su fatti verificabili , ma la percezione personale dei singoli soggetti della discriminazione. Inoltre , una persona può compilare il questionario ‘seguendo la volontà’ dello schema di coloro che lo hanno predisposto. Infatti, altro aspetto molto problematico  dell’indagine sugli LGBT, è il fatto che le sue domande e le sue risposte sono molto suggestive. Suggerimenti sono fatti nelle risposte, decisioni che eccedono le competenze della FRA. Ad esempio il suggerimento che ‘un maggiore apprezzamento dello stile di vita LGBT da parte dei leader religiosi aiuterebbe ad evitare discriminazioni’.

Le carenze scientifiche del sondaggio non sono l’ unico problema della indagine della FRA, infatti anche i numeri dei risultati sembrano strani, se li approfondiamo. Pochissimi dei 23.000 crimini d’odio citati da persone LGBT anonime sono stati denunciati alla polizia. In nessun Paese Eu ci sarebbe motivo di non denunciare questi crimini violenti, eppure stranamente non si può verificarne la veridicità. Non si vuole svelare l’arcano mistero, cioè che in Europa non esiste il problema  della discriminazione LGBT e i numeri delle denunce sono bassissimi, quelli delle sentenze visibilissimi? L’autorevole Blog  “Turtle Bay” inoltre indica alcuni fatti interessanti circa i numeri trovati : Esso mostra che il numero effettivo di episodi di violenza contro le persone LGBT in realtà è piuttosto bassa , se si considera che la popolazione della Germania costituisce il 16 % della popolazione dell’UE e aveva 570.000 casi di episodi criminali che coinvolgono tutti i cittadini che subiscono violenza di vario grado nel corso dell’anno 2011 . Prendiamo ” il 16 % dei 23.000 [ assalti totali contro LGBT conteggiati nel sondaggio ] sarebbe 3,680 assalti […] Dato che la lobby LGBT [ … ] sostiene spesso che il 10 % della popolazione è gay o lesbica , sarebbero 3.680 gli assalti contro le persone LGBT all’anno – rispetto a un totale di 570.000 reati denunciati che coinvolgono vari gradi di violenza – in realtà non indicano che violenze verso le persone LGBT sono meno frequentemente attaccate rispetto alle altre persone? [Confronta : http://www.europeandignitywatch.org/de/day-to-day/detail/article/eu-fundamental-rights-agency- inventa – vittime – di – LGBT – discriminazione – in -a -new- indagine . html ? UTM = & cHash = d1b80e2cb1edb9f770bf837f48c78835]. Ciò vale ancor più, se consideriamo un piccolo dettaglio, nessuno è e può essere certo che i 23,000 casi di violenza evidenziati nella indagine siano accaduti tutti nel 2013, è ragionevole pensare che essi siano relativi a più  anni.

Due realtà molto drammatiche relative alle persone LGBT e la violenza sono interamente ignorati dalla relazione:  Prima di tutto, il fatto è che gli uomini e le donne omosessuali sono davvero più propensi a confrontarsi con la violenza nella loro vita. Tuttavia , questa maggiore rischio di violenza che stanno affrontando accade purtroppo all’interno delle relazioni LGBT. Uno studio del 2002 di Greenwood e altri certifica che: ” in un campione di popolazione rappresentativo, si dimostra la probabilità che il livello di violenza nei rapporti tra gli uomini omosessuali è notevolmente superiore al livello di violenza degli uomini contro le donne nella comunità eterosessuale. La ricerca di Greenwoodriferisce che : I cinque anni  di studi su coppie che vivono nel tessuto urbano cittadino, la prevalenza del maltrattamento fisico MSM [ uomini che fanno sesso con gli uomini ] ( 22,0 %) era significativamente più alto rispetto sia al dato annuale di violenza grave ( 3,4 %) sia a quello annuale della violenza totale ( 11,6 % ) di un campione rappresentativo di donne che si sono sposate o conviventi con gli uomini . ( p. 1968).

Un altro fatto preoccupante è il crescente numero di falsi allarmi di crimine di odio , alcuni dei quali coinvolgono uomini e donne,  essi si fanno violenza da se stessi ma sostengono di essere diventati vittime di crimini d’odio omosessuali. Negli Usa questi esempi sono numerosissimi. Charlie Rogers  (Nebraska) , che ha scolpito una croce nel petto e più tardi accusato tre uomini di essere entrati con forza nella sua casa a torturarla per il loro odio contro le lesbiche. Joseph Baken , un 22 anni (Montana) , ha utilizzato le lesioni che ha riportato su di sé, dopo una capriola andata male, accusando ignoti di averle fatto violenza per odio. Quando l’ ugandese omosessuale e attivista per i diritti sessuali David Kato è stato brutalmente assassinato , il presidente americano Obama , i funzionari dell’Unione europea e del Regno Unito hanno esortato il governo ugandese a parlare contro l’omofobia , eventi come il gay pride sono stati ospitati e il ” David Kato Vision Award ” è stato istituito . Tuttavia, è stato solo un po ‘più tardi , quando la polizia ha terminato con successo le indagini sulla morte di Kato che il motivo per il suo omicidio è venuto alla luce : era stato ucciso da una prostituto maschio che era furioso perché aveva deciso di non pagare l’ uomo per la prestazione sessuale. L’aggressione di alcuni attivisti LGBT diventa evidente anche per la violenza che le persone LGBT perpetrano nei confronti di coloro che non condividono il loro atteggiamento sessuale: un esempio molto visibile per questa ostilità è stato il recente attacco delle attiviste Femen sul ​​vescovo di Mechelen- Brussels o un minaccia di morte verbale all’organizzatore  delle manifestazioni pro-family  francesi. 

Qual è il rimedio? Altre leggi contro la violenza contro le persone LGBT? I nostri sistemi giuridici già proibiscono la violenza . Non solo contro le persone LGBT , ma contro tutte le persone. Questo è il modo civile e liberale per vietare la violenza e proteggere le vittime in una democrazia in cui deve essere chiaro che tutti gli uomini e le donne sono uguali davanti alla legge. L’ Agenzia per i diritti fondamentali suggerisce invece di avere più leggi anti-discriminazione per LGBT. Ma la legislazione anti-discriminazione crea disuguaglianza privilegiando le preoccupazioni di alcuni gruppi, le loro percezioni psicologiche sono privilegiate rispetto ai fatti. La ipotesi di direttiva anti-discriminazione viola l’autonomia personale , la libertà di coscienza e di religione ,  ma anche il diritto di disporre della propria impresa e di sviluppare il proprio businness (libertà di impresa). Il collegamento presunto e artificiale tra un numero elevato di violenza contro le persone LGBT e la questione di nuove leggi e nuova direttiva anti-discriminazione, è un depistaggio mirato nei confronti delle persone e degli stati. Una falsificazione ‘ad-hoc’ per introdurre privilegi dannosi per tutti e, aggiungiamo, una operazione molto costosa con i soldi dei cittadini. di Luca Volontè

Fonti: http://www.europeandignitywatch.org/de/day-to-day/detail/article/eu-fundamental-rights-agency- inventa – vittime – di – LGBT – discriminazione – in -a -new- indagine . html ? UTM = & cHash = d1b80e2cb1edb9f770bf837f48c78835; http://www.turtlebayandbeyond.org/2013/eu-fundamental-rights-agency/eu-fundamental-rights-agency-bogus- LGBT – indagine – rese – falso -result;  Journal of Human Sexuality ( NARTH ) , Volume 1, 2009 , S. 85-86;  http://www.huffingtonpost.com/2013/04/19/charlie-rogers-gay-sentenced-_n_3117231.html; http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2009_2014/documents/droi/dv/4_08letterfromuganda_/4_08letterfromu ganda_en.pdf;  http://www.intoleranceagainstchristians.eu/case/archbishop-of-brussels-andre-leonard-attacked.html;  http://www.intoleranceagainstchristians.eu/case/lgbt-activists-calls-for-murder-of-catholic-campaigner.html

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome