Coronavirus, nuova impennata di casi anche in Italia: 17.959 nuovi contagi e 86 morti

Coronavirus: dati di oggi
Coronavirus: dati di oggi

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 17.959 nuovi casi di Covid-19 a fronte di 564.698 tamponi effettuati (martedì i contagi erano stati 15.756 con 695.136 test). Il tasso di positività si attesta al 3,2, in forte aumento rispetto al 2,3% del giorno precedente. Solo oggi i decessi sono stati 86, che portano il totale delle vittime dall’inizio della pandemia a 134.472. Guarite 9.540 persone.

Picco di casi da aprile – I 17.959 i positivi al Covid individuati nelle ultime 24 ore rappresentano il numero più alto dal 9 aprile, quando furono 18.938.

La situazione negli ospedali – Sono 791 (ieri 776) i pazienti in terapia intensiva in Italia, 5 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 62. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 6.099, ovvero 21 in più rispetto a ieri.

Lotta al Covid
Lotta al Covid (Foto di Наркологическая Клиника da Pixabay

La variante Omicron del Sars-CoV-2 è stata neutralizzata da 3 dosi di vaccino.

Lo riferiscono Pfizer-BionTech dopo test effettuati in laboratorio. Secondo quanto riporta l’Agenzia Bloomberg, la terza dose di vaccino garantisce un livello di protezione simile a quello osservato dopo due dosi contro il virus originale e le varianti finora conosciute.

Secondo uno studio, ancora in fase preliminare, condotto in Sudafrica, la variante Omicron ridurrebbe significativamente gli anticorpi generati dal vaccino di Pfizer e BioNTech. Tuttavia, le persone che sono guarite dall’infezione e hanno ricevuto una vaccinazione di richiamo avranno una maggiore protezione. Lo studio preprint, non ancora sottoposto a revisione paritaria e condotto all’Africa Health Research Institute, ha testato 14 campioni di plasma di 12 vaccinati, di cui 6 infettati precedentemente. Il calo di capacità anticorpale di neutralizzare Omicron rispetto al virus originale sarebbe di 41 volte.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome