Home News Res Publica et Societas Coronavirus Milano, 26enne licenziato per il calo di vendite si uccide

Coronavirus Milano, 26enne licenziato per il calo di vendite si uccide

Coronavirus, a Milano, in zona Navigli, un 26enne si è tolto la vita dopo essere stato licenziato per il calo di vendite dovuto all’epidemia da Covid-19: aveva appena ricevuto la telefonata dal suo datore di lavoro.

La tragedia, infatti, è avvenuta subito dopo la telefonata del suo datore di lavoro, proprietario di un negozio di alimentari in zona Navigli, che gli comunicava di averlo licenziato per via del calo delle vendite dovuto all’emergenza Coronavirus.

CORONAVIRUS

Poco dopo, il giovane di origini senegalesi ha aperto la finestra del bagno del suo appartamento, che si affaccia su un cortile interno, e si è gettato di sotto togliendosi la vita. È accaduto ieri sera, intorno alle 19.50 in via Pastorelli a Milano.

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,925FansLike
17,720FollowersFollow
9,713FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

La veggente Marija con Padre Livio commentano l’ultimo messaggio

Quello di oggi è un bellissimo messaggio che la Madonna ci ha dato – ha detto la veggente Marija in diretta con Padre Livio...