Home News Res Publica et Societas Coronavirus, l'ira del primario milanese: «Fanno i tamponi a calciatori e vip...

Coronavirus, l’ira del primario milanese: «Fanno i tamponi a calciatori e vip ma non ai medici in prima linea»

«Negano i tamponi ai medici in prima linea, anche quelli che si sentono male, ma poi li fanno tranquillamente ai vip, anche senza sintomi: questa è una grave e inaccettabile discriminazione». Uno sfogo più che comprensibile, quello di Nicola Mumoli, primario di Medicina dell’ospedale di Magenta (Milano), che dirige medici che stanno eroicamente fronteggiando l’emergenza coronavirus.

coronavirus_ira_primario_tamponi

Il dottor Mumoli ha scritto una lettera al Corriere della Sera, in cui denuncia la disparità di trattamento tra personaggi famosi e chi, invece, ogni giorno lavora rischiando il contagio. «Da settimane, con immenso e costante sforzo di tutti i miei collaboratori, curiamo oltre 130 pazienti affetti da Covid-19: non conosciamo più orari, riposo e recuperi e siamo costantemente esposti ai rischi. Finora sono 2629 i sanitari contagiati e 14 i deceduti, ma non fanno notizia perché “non fanno più rumore del crescere dell’erba”, come scriveva Ungaretti» – spiega Nicola Mumoli – «Una mia collaboratrice si è ammalata, con tutti i sintomi, ma le è stato ripetutamente negato il tampone. Poi però scopriamo che ci sono calciatori, attori e politici che, anche senza sintomi, sono risultati positivi al tampone perché hanno avuto contatto con persone sintomatiche».

Il primario poi lancia un allarme: «Possiamo solo ipotizzare un contagio da coronavirus per la mia collaboratrice, oltre a essere ragione di preoccupazione e angoscia, non le consente di applicare le linee guida in fieri sull’eventuale assunzione di farmaci antiretrovirali né di scegliere i corretti tempi del rientro al lavoro. C’è troppa ipocrisia, sono tutti pronti a celebrare il personale sanitario in prima linea ma poi si preferiscono i vip e noi torniamo alla condanna di sparire sotto quella mascherina che indossiamo ogni giorno per fare un lavoro che mai come ora consideriamo un privilegio».

di Enrico Chillè PER Leggo.it

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,880FansLike
17,125FollowersFollow
9,612FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

San Francesco Marto

Il Santo di oggi 4 Aprile 2020 San Francesco Marto, Veggente...

Oggi la Chiesa ricorda San Francesco Marto, Veggente Francisco de Jesus Marto è noto per essere stato uno dei tre "pastorelli" che avrebbero assistito alle...