Home News Res Publica et Societas Coronavirus, il problema non è finito! Uno sguardo ai focolai ancora presenti...

Coronavirus, il problema non è finito! Uno sguardo ai focolai ancora presenti in Italia, da nord a sud

A preoccupare è in primis il focolaio scoppiato in provincia di Vicenza, in Veneto: cinque persone sono risultate positive e altre 89 sono finite in quarantena dopo che un manager della Laserjet, azienda dedita alla lavorazione delle lamiere di Pojana Maggiore, è stato contagiato nel corso di un viaggio in Serbia, da dove era tornato lo scorso 25 giugno.

L’uomo, che ha partecipato a un funerale e ad una festa di compleanno quando già mostrava i sintomi dell’infezione e che ha anche rifiutato il ricovero, si trova ora in terapia intensiva e in prognosi riservata.

Coronavirus, 500.000 in lockdown vicino Pechino. Nel mondo 10 milioni di contagi
Coronavirus

Un comportamento, il suo, che ha mandato su tutto le furie il governatore Luca Zaia, che ha annunciato: “L’ordinanza di lunedì prevederà misure più efficaci per l’isolamento fiduciario per i positivi e per i contatti stretti”.

Allerta anche in Toscana, dove tra Firenze, Arezzo e le località costiere sono stati identificate piccole comunità di immigrati, in prevalenza peruviani e cingalesi, che si sono passati fra loro il virus all’interno di abitazioni sovraffollate, per un totale di 18 casi positivi.

In Piemonte sono stati individuati 13 contagi in Val d’Ossola, riconducibili a personale frontaliero, mentre si sta spegnendo il focolaio di Mondragone, in Campania.

Sempre dall’estero arriva il paziente zero del nuovo focolaio registrato a Predazzo, in Trentino: un kosovaro, di ritorno dal suo paese, ha eluso l’isolamento e ha fatto una festa per poi scoprirsi infetto. Risultato? 8 contagiati.

In Emilia-Romagna, dopo lo scoppio del focolaio nel magazzino di Bartolini, oggi Brt, in zona Roveri a Bologna, sono stati confermati 117 positivi e 2 ricoverati, ma il problema del settore logistica si sta espandendo secondo i sindacati, che hanno anche chiesto un incontro urgente al governo.

Anche il Lazio è stato costretto a far fronte a diversi focolai dalla ripartenza a oggi: esaurito quello più grave, partito dall’istituto di ricovero e cura San Raffaele Pisana, che ha portato a oltre 120 casi e 5 decessi, preoccupa ora un piccolo focolaio in zona Casilino, dove è bastata una cena di classe per far scattare l’allarme: due fratellini con i sintomi del Covid-19 si sono presentati al Bambin Gesù, dove sono risultati positivi. Sono scattati controlli a tappeto, che per ora non hanno trovato altre criticità. Infine, anche in Friuli Venezia Giulia, nello specifico a Trieste, sono state riscontrate 8 positività collegate a un ufficio di pratiche import-export che lavora con i Paesi della ex Jugoslavia.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,915FansLike
17,749FollowersFollow
9,750FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Medjugorje

Ogni giorno una lode a Maria 10 agosto 2020. Dove c’è...

Una lode a Maria 10 agosto 2020. Dove c'è l'odio Maria porta l'amore Tu sei, o Vergine Madre di...