Home News Finis Mundi Coronavirus. Il Brasile piange il clown che faceva ridere i bambini negli...

Coronavirus. Il Brasile piange il clown che faceva ridere i bambini negli ospedali

Pubblicità

Il Brasile piange il clown che faceva ridere i bambini

È lutto in Brasile per la morte di Leandro Maduro Costa, conosciuto da tutti come Potato the Clown, famoso a Rio de Janeiro per la sua attività di volontariato come clown al servizio dei bambini ammalati nell’ospedale cittadino.

Pubblicità

Si è spento a soli 44 anni a causa deò Coronavirus, che ha molto probabilmente contratto proprio mentre cercava di far divertire i piccoli pazienti. “Non ha potuto neppure realizzare il suo sogno di essere seppellito vestito da pagliaccio”, come ha raccontato al quotidiano inglese The Gaurdian l’amico e collega Felipe Alves Guimarães.

È stato straziante. Lo scorso 11 maggio hanno partecipato alla cerimonia di sepoltura solo pochi parenti a causa delle norme anti-Covid. Non ho potuto salutarlo come lui stesso avrebbe voluto né chiedere a Dio di dargli il benvenuto tra le sue braccia“.

Pubblicità

Era nato in una favela e a causa della non facile situazione economica della famiglia si era sempre adattato a fare molti lavori. Ma fare il clown era la sua vera vocazione. “È nato davvero con qualcosa di speciale” ha dichiarato sua moglie, Monique Santos, “portare un sorriso nella vita delle persone ha calmato la sua anima“.

Brasile: morto il clown Potato
Brasile: morto il clown Potato (notizie.it)

Ha trascorso la sua vita in ospedale per dare sollievo a chi soffriva, fino alla fine dei suoi giorni. I primi sintomi dell’infezione da Sars-CoV-2 sono comparsi il 4 maggio. Aveva tosse e febbre alta. Ma sembrava essere sulla via della guarigione. Su Facebook il 7 maggio ha pubblicato un post per ringraziare coloro che gli erano stati vicini con le loro preghiere. Ma neanche 24 ore dopo le sue condizioni sono peggiorate, anche perché soffriva di diabete e pressione alta, patologie pregresse che hanno compromesso il quadro clinico. “Aveva le labbra viola, non voleva andare in ospedale ma l’abbiamo costretto“, ha raccontato ancora la moglie.

Poi è arrivata la notizia del decesso: “Era una persona eccezionale. La tua felicità ha fatto bene al mondo“, si legge su alcune lettere scritte dai bambini ammalati che lui seguiva e che sono state recapitate alla sua famiglia. (Fonte fanpage.it)

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,917FansLike
17,749FollowersFollow
9,750FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Guardia Costiera

Migranti. Lampedusa: soccorso un barchino con 17 persone, 6 erano cadute...

++ Lampedusa: soccorso un barchino con 17 persone ++ Con la stagione estiva stanno riprendendo numerosi i sbarchi di migranti... MIGRANTI - A Lampedusa sono state...