Home News Res Publica et Societas Coronavirus, il bollettino di oggi 9 gennaio: 19.978 nuovi casi e 483...

Coronavirus, il bollettino di oggi 9 gennaio: 19.978 nuovi casi e 483 morti. I nuovi divieti dal giorno 16

Sono 19.978 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Lo rende noto il bollettino del Ministero della Salute. I guariti o dimessi sono 17.040, mentre i deceduti sono 483, per un totale da inizio pandemia di 78.394. Ieri c’erano stati 17.533 nuovi casi su 140.267 tamponi effettuati, 620 i morti

Oggi i tamponi eseguiti sono stati 172.119. Il tasso di positività è sceso all’11,6% (-0,9%) rispetto a ieri.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva in Italia sono aumentati di 6 unità con 183 nuovi ingressi giornalieri, mentre i ricoverati con sintomi sono scesi di 53. Gli attualmente positivi in Italia sono 572.842, i guariti o dimessi 1.606.630.

Coronavirus: arriva la zona bianca
Coronavirus

Ancora il Veneto la regione con più contagi

La regione con più casi è sempre il Veneto (+3.100), seguita da Lombardia (+2.506), Sicilia (+1.839), Emilia Romagna (+1.790), Lazio (+1.543) e Piemonte (+1.532). I casi totali sono 2.257.866.

Controlli e denunce

Le forze dell’ordine hanno effettuato in totale 93.387 controlli nelle ultime 24 ore per verificare il rispetto delle norme anti-Covid. Sono 680 le sanzioni elevate e 5 le persone denunciate. 12.976, invece, gli esercizi o attività commerciali controllate con 35 titolari sanzionati e 15 chiusure.

Nuovo Dpcm, ecco i divieti dal 16 gennaio

Nuove restrizioni sono previste nel Dpcm che sarà varato al termine della prossima settimana: dopo l’abbassamento della soglia dell’Rt per determinare il posizionamento nelle fasce, l’esecutivo sta pensando di imprimere un ulteriore giro di vite: se l’incidenza settimanale dei casi è superiore a 250 ogni 100mila abitanti scatta in automatico la zona rossa. La quota ideale, per non far saltare il contact tracing, è 50 casi su 100 mila abitanti: durante la seconda ondata si è raggiunto un picco di 350/400 mentre attualmente siamo, come media nazionale, fra 150 e 170. Ecco perché bisogna contenere la tendenza al rialzo.

La proposta, avanzata dall’Istituto superiore di Sanità, è stata condivisa dal Cts e dovrà essere concordata con le Regioni. Un incontro tra il governo e i governatori, Anci e Upi, è fissato per lunedì alle 10.30, convocato dal ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, a cui parteciperà in videoconferenza anche il ministro della Salute, Roberto Speranza. Intanto, il governo sta valutando la proroga dello stato di emergenza in scadenza a fine gennaio, che potrebbe essere il 31 marzo o addirittura luglio. Sulla nuova data si sta ragionando.

La fascia arancione, nel frattempo, si è già allargata: in Italia 5 regioni ( Veneto, Emilia Romagna, Lombardia, Calabria, Sicilia) da lunedì rientreranno in questa zona. E con una lettera al Governo chiedono “di fornire doverose e puntuali rassicurazioni circa un’immediata messa in campo di ristori e la loro quantificazione”. Questo per evitare, scrivono Zaia, Bonaccini, Fontana, Spirlì e Musumeci – “ulteriori penalizzazioni alle categorie colpite e per scongiurare il rischio che interi comparti vengano definitivamente cancellati dalla geografia economica delle nostre Regioni”.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,057FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

shoah.ricordare.27.gennaio.2021.

Religione 2.0: Che COS’E’ la SHOAH? A cosa serve RICORDARE? La...

Che cos'è la Shoah? Perché ogni anno, il 27 gennaio, si celebra la 'Giornata della Memoria'? Che cosa dobbiamo ricordare? Oggi vogliamo scoprire insieme a...