Home News Res Publica et Societas Coronavirus, ancora picco di contagi: 4.458 i nuovi casi nelle ultime 24...

Coronavirus, ancora picco di contagi: 4.458 i nuovi casi nelle ultime 24 ore e altri 22 decessi

In Italia ci sono 4.458 nuovi casi di coronavirus a fronte di 128.098 tamponi eseguiti (mentre mercoledì i nuovi contagi erano stati 3.678 con 125.314 tamponi).

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 22 decessi. Ci sono inoltre altri 1.060 guariti e 143 ricoverati (di cui 21 in più in terapia intensiva). Le Regioni che hanno fatto registrare il maggiore incremento di casi sono Campania (757), Lombardia (683) e Veneto (491).

Dei 65.952 attualmente positivi, 358 sono in terapia intensiva, 3.925 ricoverati con sintomi (+143) e 61.669 in isolamento domiciliare (+3.212).  I dimessi e i guariti sono complessivamente 236.363 con un incremento di 1.060.

Coronavirus
Coronavirus: norme e sanzioni (canaledieci.it)

Continua a essere la Campania, quindi, la Regione con più contagi con 9.925 tamponi eseguiti. Il totale positivi sale dunque a 16.464 a fronte di 654892 test fatti. Nelle ultime 24 ore si registra una sola vittima mentre i guariti sono 149.

Sestili: rotto argine 3% tra positivi e tamponi In Italia si è ormai rotto quello che gli esperti hanno definito “l’argine” della pandemia, ossia il valore soglia del 3% che indica il rapporto fra casi positivi e tamponi fatti. Lo ha detto il fisico Giorgio Sestili, fondatore e fra i curatori della pagina Facebook “Coronavirus: Dati e analisi scientifiche”. Il superamento di questo valore spiega l’impennata dei casi che si è registrata il 7 ottobre. Oggi i casi sono aumentati oltrepassando la soglia dei 4.400 con 120mila tamponi effettuati.

A calcolare il valore-argine del 3% era stato nella scorsa primavera lo scrittore e ingegnere Thomas Pueyo in un articolo diventato virale e da allora questa soglia ha trovato un grande consenso anche nel mondo scientifico. “E’ un valore che indica che l’obiettivo è fare tanti tamponi e trovare pochi positivi”, ha osservato Sestili. In agosto il rapporto fra casi positivi e test era appena superiore a 1, ha proseguito il fisico, ma adesso siamo oltre il 4%: “Questo significa che si è rotto l’argine e che ormai ci perdiamo moltissimi casi”. E’ un valore superiore alla soglia, ma inferiore a quello riscontrato per esempio nell’aprile 2020, quando il rapporto fra casi testati e tamponi era di circa il 10%..

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,521FollowersFollow
9,791FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Monsignor Giovanni D'Ercole si dimette

Monsignor Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli, si dimette: ‘Entro in monastero...

Monsignor Giovanni D’Ercole: mi ritiro in un convento Al suo posto viene nominato Monsignor Domenico Pompili (Vescovo di Rieti) LE DIMISSIONI - Monsignor Giovanni D’Ercole, Vescovo di...