Corea del Nord rifiuta l’invito: nessun cattolico alla Messa del Papa

COREA_tnLa Corea del Nord ha rifiutato l’invito dell’arcidiocesi di Seoul e non manderà nessun “cattolico” alla messa che il Papa celebrerà nella cattedrale Myeongdong il prossimo 18 agosto. Lo scrive l’Associazione dei cattolici nordcoreani, organismo fantoccio creato da Kim Il-sung, in una lettera in cui accusa il Sud di “non aver cancellato le esercitazioni congiunte con gli Stati Uniti, gesto che rende impossibile la visita”. Secondo un funzionario della Conferenza episcopale sudcoreana “questa lettera significa che il Nord trova difficile accettare l’invito e gestire la questione”.

L’invito era stato rivolto dall’arcidiocesi di Seoul al governo di Pyongyang lo scorso 26 maggio, e poi ripetuto nei giorni successivi. La speranza era quella di far partecipare anche una delegazione del Nord alla grande messa per la riconciliazione e la pace che Francesco celebrerà durante l’ultimo giorno della sua visita apostolica nella penisola. Secondo la lettera dell’Associazione “in queste circostanze, venire a Seoul sarebbe un passo agonizzante”.

La Costituzione nordcoreana garantisce la libertà religiosa, ma essa di fatto è inesistente nel Paese. L’unico culto ammesso è quello rivolto ai leader nazionali (il “padre della patria” Kim Il-sung e suo figlio Kim Jong-il), e i fedeli di ogni religione rischiano pene durissime – e persino la fucilazione – se vengono colti in atteggiamenti “religiosi”. Nella capitale Pyongyang esistono 3 chiese, due protestanti e una cattolica, ma sono definite “specchietti per le allodole” rivolti ai pochi turisti che visitano il Paese. In Corea del Nord non vi sono sacerdoti o monaci buddisti.

L’Associazione sostiene di avere 3mila “cattolici” fra i suoi iscritti, ma fonti di AsiaNews stimano il numero a meno di 800: si tratta per lo più di persone molto anziane, battezzate prima della Guerra di Corea (scoppiata nel 1950) e che non hanno alcun modo di praticare la fede. In alcune occasioni particolari come Natale, è possibile che i fedeli sopravvissuti si scambino un augurio “di pace”, ma nulla più di questo.

Il rifiuto espresso oggi non chiude comunque la questione: Pyongyang ha un disperato bisogno degli aiuti umanitari che arrivano dal Sud, e soltanto cristiani e buddisti hanno il permesso del governo di Seoul di preparare e inviare questi carichi umanitari. Inoltre, come spiega una fonte di AsiaNews che lavora in questo campo, “il Nord aspetta sempre l’ultimo momento per prendere la sua decisione definitiva. E il fatto che a rispondere all’invito sia stata l’Associazione e non il governo lascia qualche spiraglio di poter vedere una delegazione nordcoreana alla messa del 18”.

A cura di Redazione Papaboys, fonte: AsiaNews

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome