Pubblicità
HomeNewsCorpus et SalusSei coppie Down raccontano la propria storia d'amore in questo giorno speciale...

Sei coppie Down raccontano la propria storia d’amore in questo giorno speciale di San Valentino

Simona e Lorenzo, Agnese e Nicolò, Paolo e Giulia, Elisabetta e Paolo, Matteo e Giulia e Orazio e Giulia raccontano in un breve video da quanto sono fidanzati, perché si piacciono e che cosa è per loro l’amore. In occasione di San Valentino l’Associazione Italiana Persone Down (www.aipd.it) vuole ricordare che la vita affettiva delle persone con sindrome Down, in Italia sono 25mila i maggiorenni, è una realtà importante come per la vita di tutti e che l’amore non ha alcuna barriera.

Le loro parole, confidenze e sorrisi regalano un’infinita tenerezza.
.

.

Il nostro corpo è costituito da tantissime cellule, come una casa è fatta di tanti mattoni.
Nelle cellule degli esseri umani ci sono 46 cromosomi, divisi in 23 coppie e numerati da 1 fino a 23.
23 cromosomi vengono dalla madre, 23 cromosomi vengono dal padre.
I 23 cromosomi della madre si uniscono ai 23 cromosomi del padre: in questo modo si forma una nuova cellula con 46 cromosomi.
L’insieme di questi cromosomi definisce le caratteristiche di ogni persona, che in parte vengono dai suoi genitori, in parte da come sono mischiate queste caratteristiche.
Per questo ognuno di noi ha delle caratteristiche uniche che ci rendono diversi dagli altri (per esempio il colore dei capelli, l’altezza, il colore della pelle, e tante altre cose).
Nella coppia di cromosomi numero 21 di chi ha la sindrome di Down, ci sono 3 cromosomi invece di 2.
Per questa ragione la sindrome di Down si chiama anche Trisomia 21.

La sindrome di Down si chiama così perché John Langdon Down, un medico inglese, nel 1862 ha descritto per la prima volta le caratteristiche delle persone con la sindrome di Down.
Nel 1959 lo scienziato Jerome Lejeune ha scoperto che le persone con sindrome di Down hanno un cromosoma in più nelle loro cellule.
Per questo diciamo che la sindrome di Down è una “condizione genetica”.
La sindrome di Down non è una malattia e non può essere curata: è una caratteristica della persona che la accompagna per tutta la vita.






Come si capisce che una persona ha la sindrome di Down?

Una persona con la sindrome di Down ha questa caratteristica fin dal suo concepimento, cioè fin dal momento in cui è nella pancia di sua madre.
Per sapere se il bambino che è nella pancia ha la sindrome di Down si possono fare due esami: la villocentesi oppure l’amniocentesi.

Questi esami vengono fatti da un dottore specialista.

La sindrome di Down può essere scoperta direttamente alla nascita guardando alcune caratteristiche fisiche del neonato (ad esempio gli occhi a forma di mandorla, la forma delle mani e dei piedi, ecc.) e facendo poi alcuni esami del sangue.

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,027FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera Miracolosa da recitare alla Vergine Maria

‘Preghiera Miracolosa’ a Maria Santissima per chiedere una grazia urgente. Supplica...

Preghiera Miracolosa da recitare alla Vergine Maria Conosci questa supplica a Maria per chiederLe una grazia di cui hai bisogno? Ecco il testo: Cuore Immacolato di Maria,...