Home News Corpus et Salus Come vivo davvero io la Santa Messa? Ecco un piccolo 'galateo eucaristico'...

Come vivo davvero io la Santa Messa? Ecco un piccolo ‘galateo eucaristico’ per riflettere

pane e vinoOgni giorno è domenica sull’altare nel quale si consacra: ma sappiamo comportarci bene durante la Celebrazione? Abbiamo idea di cosa rappresentano i gesti che facciamo e per quale motivo vanno fatti? Tutto ciò fa parte dell’aspetto ‘liturgico’ e noi, per aiutarvi a scoprire i ‘segni’ vi proponiamo questo piccolo ‘Galateo Eucaristico’.

Entrando in Chiesa

• Osserva rigorosamente il silenzio sia per il rispetto dovuto alla presenza di Gesù, sia per non arrecare disturbo ad eventuali persone presenti.

• Segnati col segno della croce, eventualmente usando l’acqua bene­detta (che ti ricorda il Battesimo).

• Cerca subito con gli occhi il tabernacolo in cui abita il Signore Gesù. Puoi individuarlo facilmente poiché accanto ad esso o in prossimità di esso c’è la “lampada” accesa (un cero, normalmente in un involucro di colore rosso). Quella lampada è calo­re: ti invita ad avvicinarti “con calo­re”, cioè con amore al tuo Signore.

• Davanti al tabernacolo genuflet­titi, ossia piega il ginocchio destro fino a terra, con calma e dignità. Sai qual’è il significato di questo bellissi­mo gesto? Ecco: è farsi piccoli davan­ti a Lui, che è il Grande, il Sommo, l’Infinito. Piegando il ginocchio puoi dirgli: “Tu solo l’Altissimo”, oppure “Tu sei il re della gloria”. Fa come tanti malati che si presentavano a Gesù per essere guariti e, giunti davanti a lui, si buttavano a terra.

papafrancesco_9



 

• Non sederti subito: resta almeno qualche momento in ginocchio, fis­sando il tabernacolo e ripetendoti che là, in quell’angusto spazio, c’è Lui, Lui che ti guarda, che ti ascolta e che è contento di vederti lì. Poi comincia pure a par­largli. Così, come ti viene, con spontaneità e immedia­tezza, in piena confidenza.

Il contegno in Chiesa

La chiesa è luogo sacro non solo perché è consacrata dal Vescovo con una apposita cerimonia, ma soprat­tutto perché in essa abita Gesù, il Figlio di Dio, il Santo di Dio, il tuo amore. La chiesa quindi merita gran­de rispetto. Non è un luogo come gli altri, non può essere declassata.

Mantieni quindi il religioso silen­zio.

Passando davanti al tabernacolo in cui vi è conservata la SS. Eucaristia genufletti sempre: un piccolo distur­bo? Ti sembra troppo per Gesù?

7147558469_03a2e7a233_b

 

Durante la Messa

Segui esattamente le prescrizioni liturgiche (in piedi, seduti…). Al momento della consacrazione resta in ginocchio, senza paure e “vergo­gne”.

Evita di accostarti al Sacramento della Riconciliazione per seguire la celebrazione eucaristica. Puoi confes­sarti prima della Messa o in altri momenti opportuni. Al momento del­la Comunione accostati all’altare in modo ordinato, mantenendo la fila.

Non Iasciar­ti distrarre: per questo abbassa gli occhi e pensa solo a Colui che vai a ricevere. Magari ripeti nella tua mente: “ha sete di te l’anima mia” o qualcosa di simile.

Prima di ricevere la S. Comunione fai un inchino al SS. Sacramento.

Alle parole del Ministro: “Il Corpo di Cristo”, rispondi a voce chiara e con convinzione: “Amen”, che signifi­ca “È così” o ancora: “Ci credo”.

Cerca di usare in modo fruttuoso il tempo di silenzio che segue la distribuzione dalla Santa Comunio­ne: vivi il consiglio di S. Teresa che esortava a vivere con la maggiore intensità d’amore il ringraziamento dopo la Comunione: “appena comu­nicati chiudete gli occhi del corpo e aprite quelli dell’anima per fissarli in fondo al vostro cuore dove il Signore è disceso. «Vi dico, vi torno a dire e ve lo ripeterei all’infinito, che se vi abi­tuate a questa pratica ogni volta che vi accostate alla comunione, il Signo­re non si nasconderà mai” (Cammino di Perfezione cap.34, a.12).




a cura di P Giuseppe Caviglia

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

1 COMMENTO

  1. DA MILANO
    mi PERMETTO di AGGIUNGERE anche SPEGNERE i CELLULARI e TENERE a BADA i BIMBI che PIANGONO e/o URLANO in CHIESA questo è IL MIO ma SPERO NON solo IL MIO pensiero e ciò
    che VEDO/MO spesso…

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,912FansLike
17,749FollowersFollow
9,750FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Giuliano Stenghel

Giuliano Stenghel precipita su Punta Cannone. Addio al campione di alpinismo

Un malore o un eccesso di sicurezza. E Giuliano Stenghel, 67 anni, famoso alpinista di Rovereto, è precipitato nel mare che lambisce le coste...