Home News Finis Mundi Cina: l’attentato a Urumqui ‘è opera di estremisti religiosi’

Cina: l’attentato a Urumqui ‘è opera di estremisti religiosi’

Pubblicità

L’attentato compiuto ieri nella stazione ferroviaria di Urumqi, -riferisce una nota di AsiaNews-, capitale della provincia settentrionale del Xinjiang, “è opera di estremisti religiosi, che per lungo tempo sono stati sotto l’influsso di sovversivi e indipendentisti”. Lo sostengono oggi le autorità provinciali, citate dall’agenzia di stampa ufficiale Xinhua. Nell’attacco sono morti entrambi i terroristi e un civile innocente: i feriti sono 79, di cui alcuni in gravi condizioni. Uno dei due assalitori è stato identificato: si tratta di Sedirdin Sawut, cittadino cinese di 39 anni, proveniente dalla contea di Aksu. L’attentato è avvenuto subito dopo la partenza del presidente Xi Jinping dalla regione: il leader cinese ha trascorso nel Xinjiang 4 giorni, la sua prima visita ufficiale nell’area, durante i quali ha invitato la popolazione a “comprendere meglio l’indipendentismo” di alcune frange locali per poterlo “combattere meglio”. Secondo diversi analisti ed esperti, il fatto che l’attacco sia avvenuto in coincidenza con la visita di Xi dimostra che gli estremisti “vogliono alzare il tiro” nel confronto armato con le autorità. Le autorità centrali non hanno chiarito come stiano andando le indagini sul caso. Alcuni gruppi di uighuri che vivono all’estero sostengono che almeno 100 persone siano state già arrestate, ma senza fornire dati precisi. Di certo la sicurezza nell’area è aumentata in maniera esponenziale, e alle normali forze di polizia di stanza nella regione si sono aggiunti almeno 2 battaglioni dell’Esercito di liberazione popolare.

Pubblicità

La provincia del Xinjiang è una delle più turbolente di tutta la Cina: qui vive l’etnia uighura, circa 9 milioni di persone turcofone e di religione islamica, che ha sempre cercato di ottenere l’indipendenza da Pechino. Il governo centrale, da parte sua, ha inviato nella zona centinaia di migliaia di cinesi di etnia han per cercare di renderli l’etnia dominante. Inoltre impone serie restrizioni alla libertà religiosa, alla pratica musulmana, all’insegnamento della lingua e della cultura locale. Dal 2009 è in atto un regime speciale di controllo da parte della polizia e dell’esercito cinese, imposto da Pechino dopo gli scontri nei quali quasi 200 persone persero la vita. In seguito a quelle violenze sono state inflitte centinaia di condanne a pene detentive e decine di condanne a morte. Le autorità cinesi ritengono che i responsabili delle violenze siano estremisti musulmani, ma gli esuli sostengono che Pechino “esagera” la minaccia del terrorismo islamico per giustificare la repressione contro la popolazione uighura. Negli ultimi mesi, tuttavia, si sono intensificati gli attacchi violenti che Pechino iscrive agli uighuri. Lo scorso 1 marzo 2014, un attacco contro la stazione ferroviaria di Kunming portato avanti da uomini armati di coltello ha provocato 29 morti e più di 150 feriti; il 28 ottobre 2013, l’esplosione di un suv in piazza Tiananmen ha fatto altre 3 vittime. Secondo il governo, dietro questi attacchi c’è l’etnia. a cura della Redazione Papaboys

Pubblicità

 

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,918FansLike
17,749FollowersFollow
9,748FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Carabinieri - www.varesenoi.it

Choc a Torino. Uomo di 30 anni uccide i genitori a...

Torino - Uomo di 30 anni uccide i genitori a coltellate Dopo il delitto, il 30enne è rimasto qualche ora in casa per poi iniziare...