Home Verbum Domini Chiunque vede il Figlio e crede in Lui ha la vita eterna

Chiunque vede il Figlio e crede in Lui ha la vita eterna

parlamidigesumadremiaRIFLESSIONE SUL VANGELO DI QUESTO MERCOLEDI’ – Gesù si è annunziato ai Giudei come il vero pane e la vera acqua, pane che sazia e acqua che disseta: “Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!”. Lui conosce il cuore di quanti lo . Gesù sa ciò che vi è in ogni uomo. Anche questa verità è affermata con somma chiarezza nel Vangelo:“Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo” (Gv 2,23-25). Sulla conoscenza interiore ed esteriore, visibile e invisibile, delle persone e delle cose, si può applicare a Gesù per intero quanto il Salmo afferma di Dio:

Signore, tu mi scruti e mi conosci, tu conosci quando mi siedo e quando mi alzo, intendi da lontano i miei pensieri, osservi il mio cammino e il mio riposo, ti sono note tutte le mie vie. La mia parola non è ancora sulla lingua ed ecco, Signore, già la conosci tutta. Alle spalle e di fronte mi circondi e poni su di me la tua mano. Meravigliosa per me la tua conoscenza, troppo alta, per me inaccessibile. Dove andare lontano dal tuo spirito? Dove fuggire dalla tua presenza? Se salgo in cielo, là tu sei; se scendo negli inferi, eccoti. Se prendo le ali dell’aurora per abitare all’estremità del mare, anche là mi guida la tua mano e mi afferra la tua destra. Se dico: «Almeno le tenebre mi avvolgano e la luce intorno a me sia notte», nemmeno le tenebre per te sono tenebre e la notte è luminosa come il giorno; per te le tenebre sono come luce. Sei tu che hai formato i miei reni e mi hai tessuto nel grembo di mia madre. Non ti erano nascoste le mie ossa quando venivo formato nel segreto, ricamato nelle profondità della terra. Ancora informe mi hanno visto i tuoi occhi; erano tutti scritti nel tuo libro i giorni che furono fissati quando ancora non ne esisteva uno. Quanto profondi per me i tuoi pensieri, quanto grande il loro numero, o Dio! Se volessi contarli, sono più della sabbia. Mi risveglio e sono ancora con te. Scrutami, o Dio, e conosci il mio cuore, provami e conosci i miei pensieri; vedi se percorro una via di dolore e guidami per una via di eternità. (Cfr. Sal 139 (138) 1-24).

È come se Gesù per un istante si fosse dimenticato del discorso sul pane della vita e si rivolge ai Giudei per svelare loro la relazione singolare che regna tra Lui e il Padre. Essere di Gesù è un dono del Padre. Ieri il Padre ha dato voi, Giudei, a Mosè. Ora vi vuole dare a me. “Se voi vi lasciate donare e venire a me, io non vi caccerò fuori, perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, mala volontà di colui che mi ha mandato”. Voi, Giudei, non dovete cambiare fede. Dovete dare verità, sviluppo alla vostra fede. Anzi, dovete dare continuità ad essa. Voi siete un dono di Dio. Dono di Dio dovete rimanere sempre. Cosa vuol fare Dio di voi? Un dono a me. Se rimanete nella vostra fede, voi entrerete nel circuito della vera vita. Se invece vi opponete a Dio e non vi lasciate fare dono, voi rimanete nella vostra morte. Sono io la vita di Dio per voi

Dio ha un grande progetto di vita per noi. Questo progetto vuole attuarlo, realizzarlo per mezzo di me. Questo progetto però non si può realizzare senza la vostra fede in me. Voi vedete me, credete in me e avrete la vita eterna. Io vi risusciterò nell’ultimo giorno. Il discorso di Gesù è sommamente teologico. Il Padre prima ha dato i Giudei a Mosè, poi a Giosuè, poi a Davide, ai Profeti, ad ogni suo messaggero ed inviato. Il Padre ora ha mandato Gesù. A Gesù vuole donare i Giudei. L’azione è tutta le Padre. È Lui che dall’eternità guida e dirige tutta la storia della salvezza. Loro non devono cambiare Dio. Devono continuare a vivere nella logica e verità della loro fede.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, insegnateci la logica della fede. a cura del Movimento Apostolico

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,012FansLike
20,894FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Parole per la Quaresima: Offline

40 PAROLE PER LA QUARESIMA. 17° giorno, Off-line (ammira la bellezza...

Affronta la Quaresima sotto la luce della fede cristiana Fai qualcosa che non inclusa uno schermo... OFF-LINE: Possiamo trascorrere ore e ore al cellulare, al tablet,...