Chiara Corbella ci guida dal Cielo! Il 21 settembre apre la Causa di beatificazione

La Basilica di San Giovanni in Laterano ospiterà tra una dozzina di giorni l’avvio ufficiale del processo di Beatificazione di Chiara Corbella Petrillo, la giovane mamma spentasi nel 2012 dopo aver rifiutato le cure che avrebbero messo a rischio la nascita di suo figlio
Chiara Corbella
La data era attesa con pace – scrive Vaticannews nell’edizione quotidiana –  come quando si aspetta di conoscere il momento giusto per iniziare una cosa comunque sicura. E pacifica è da anni la certezza di quelli che l’hanno conosciuta direttamente e non: Chiara Corbella Petrillo è una Santa. Dal 21 settembre questa convinzione comincerà a poggiare, oltre che sulla voce del cuore, su documenti e testimonianze del processo di Beatificazione che il cardinale vicario, Angelo De Donatis, aprirà nella Basilica di San Giovanni in Laterano, scelta per contenere la folla che si immagina verrà a festeggiare l’avvenimento.
PUOI LEGGERE ANCHE
LA STORIA DI CHIARA

Un carcinoma scoperto al quinto mese di gravidanza e la scelta di rinviare le cure che avrebbero compromesso la vita del bambino. Finalmente Chiara avrebbe dato alla luce un figlio sano. Era la sua terza maternità. Maria Letizia e Davide Giovanni erano sopravvissuti appena mezz’ora dopo la nascita a causa di gravi malformazioni. «La felicità dell’arrivo di un figlio non è stata affievolita dalla notizia del tumore», racconta Daniela Salernitano, ginecologa e amica di Chiara Corbella. «Sicuramente alla felicità si è aggiunta anche la preoccupazione, ma fino alla fine Chiara e suo marito Enrico sono stati contenti e grati a Dio del dono ricevuto».

 

Il suo sorriso aperto e solare, la sua granitica fede in un Dio buono, che neanche la perdita di due figli e la malattia hanno mai scalfito, continuano a conquistare migliaia di fedeli che si rivolgono a lei come un’amica, certi che saranno ascoltati. «Chiara viene spesso invocata dalle persone, dalle suore, dai giovani, dalle mamme in attesa e uno dei motivi per cui il suo messaggio arriva a tanti è che tutti possono immedesimarsi in lei», continua la dottoressa Salernitano. «Era una persona normale che non ha fatto niente di particolarmente eroico che non sia possibile agli altri, ha semplicemente detto tanti piccoli sì al Signore senza mai dubitare e si è sempre sentita amata, anche nella malattia».

SORRIDERE ALLA VITA
Un sì detto a piccoli passi, giorno per giorno, senza pensare al passato né al futuro, vivendo il presente come una grazia. Piccoli passi possibili (La Porziuncola) è anche il titolo di un libro che raccoglie le testimonianze di chi l’ha conosciuta: suo marito Enrico, i genitori, la sorella Elisa, fra Vito D’Amato, padre spirituale dei coniugi Petrillo, Daniela Salernitano e tanti altri. In tutte le immagini che la ritraggono Chiara è sempre sorridente, mai triste.

La sua forza e la sua straordinaria resilienza stanno nell’aver accettato la malattia sorridendo alla vita, pur sapendo che non sarebbe mai guarita.

PUOI LEGGERE ANCHE 

Parla il padre spirituale di Chiara Corbella: ‘Le ultime ore di Chiara e la grande eredità che ci lascia’

L’EREDITÀ SPIRITUALE DI CHIARA
«Lo scopo della nostra vita è amare ed essere sempre pronti a imparare ad amare gli altri come solo Dio può insegnarti. Se starai amando veramente, te ne accorgerai dal fatto che nulla ti appartiene veramente perché tutto è un dono. Come dice san Francesco: il contrario dell’amore è il possesso! Sappiamo che sei speciale e che hai una missione grande, il Signore ti ha voluto da sempre e ti mostrerà la strada da seguire se gli aprirai il cuore. Fidati, ne vale la pena!».

Era il 30 maggio 2012, il giorno del primo compleanno di Francesco. Con queste parole Chiara Corbella ed Enrico Petrillo regalavano a loro figlio una testimonianza di fede e amore, qualcosa di molto simile a un’eredità spirituale. Un mese dopo Chiara moriva a soli 28 anni. A distanza di sei anni la sua storia, raccolta nel libro Siamo nati e non moriremo mai più (La Porziuncola) ha fatto il giro del mondo con traduzioni in dieci lingue e oltre 100 mila copie vendute.

«Chiara era una ragazza vivace che faceva battute su tutto, anche negli ultimi tempi. È sempre stata positiva, guardava avanti e sapeva ascoltare. La sua vocazione era aiutare il prossimo, probabilmente ora lo sta facendo in un altro modo», commenta Roberto Corbella, padre di Chiara.






IL CAMMINO VERSO LA CAUSA DI BEATIFICAZIONE

Il 13 giugno 2017, a cinque anni dalla scomparsa, è nata l’Associazione Chiara Corbella Petrillo con lo scopo di favorire e supportare la sua causa di beatificazione. Cinque anni sono il tempo necessario che la Chiesa richiede per verificare se la partecipazione che ha accompagnato i funerali e il modo in cui ha vissuto la sua breve e intensa vita celino un seme di santità che possa germogliare nella vita dei fedeli. «Un tratto della santità di Chiara consisteva nella sua docilità. Caratterialmente era determinata per non dire testarda, tuttavia aveva imparato a essere docile sia ai fatti che le capitavano sia alle indicazioni che le venivano date, anche quando potevano contraddire il suo modo di vedere e leggere le cose. Inoltre aveva un rapporto speciale e costante con la Vergine Maria», commenta fra D’Amato.

I membri dell’Associazione sono gli stessi del Rosary Group, ragazzi e famiglie che si sono stretti intorno ai Petrillo nei momenti più difficili. «Quando abbiamo capito che la malattia di Chiara si stava aggravando, andavamo a trovarla una volta a settimana per recitare il rosario», conclude Massimiliano Modesti, marito di Daniela Salernitano e presidente dell’associazione.

«Così è nato il Rosary Group, un insieme di circa 12 famiglie che poi sono gli amici che hanno accompagnato Chiara ed Enrico in questi anni», riprende Modesti. «Ora siamo nel periodo in cui il diritto canonico ci dice che è possibile chiedere l’apertura di una causa di beatificazione. Vedendo la risonanza che la storia di Chiara ha avuto, noi amici ci siamo molto meravigliati. Ci sembra una storia davvero molto bella e desideriamo testimoniarla, chiedendo alla Chiesa se veramente è una storia di santità e ci sono le condizioni per la sua beatificazione».

PUOI LEGGERE ANCHE 

Quei giorni incredibili vissuti accanto a Chiara. Moriamo per conoscere l’amore vero di Dio!

Testo di Patrizia Ruscio – Foto di Cristian Gennari/Romano Siciliani 

Fonti: Credere – Vaticannews.va

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €10.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome