Chi non è con me è contro di me

croppedimage701426-OrdoVirginum .tnRIFLESSIONE SUL VANGELO DI QUESTO GIOVEDI – Il gesto e le parole di Gesù ci mettono in guardia da una sicurezza che non sia fondata su di lui. Appare chiaro che in questo contesto – il brano di oggi – il muto, reso tale dal demonio, rappresenti la mancanza della parola di Dio, della fede, della lode a Dio e la sua guarigione è l’avvento della parola risanatrice di Dio.

L’atteggiamento della folla, a miracolo avvenuto, “fu presa da meraviglia”, è riconoscere la presenza di Dio. Inizia così il suo Regno, che viene sulla terra quando la lingua “dei poveri” è in grado di sciogliersi nella lode del suo Nome. A questo episodio l’evangelista ha unito il serrato confronto di Gesù con alcuni astanti intorno al suo potere di scacciare i demoni.

L’animata discussione è motivata da due diversi atteggiamenti: o Cristo è egli stesso indemoniato che può scacciare se stesso dagli ossessi, o ha un potere divino che dovrebbe dimostrare. Gesù chiarisce il secondo atteggiamento, rispondendo al primo. Contro l’insinuazione di essere indemoniato, ossia schiavo del nemico di Dio, stupendamente egli risponde che inutilmente annunzierebbe la venuta del Regno di Dio, quando questa venuta si prestasse a questo falso gioco. Ne valeva la pena? “Ma se scaccio i demoni in nome di Beelzebul, i vostri figli in nome di chi li scaccia?” Sono anch’essi indemoniati?

La conseguenza è incalzante: è all’opera il dito di Dio. Gesù annuncia che sta per realizzarsi tra loro il Regno di Dio. Ormai si richiede una scelta intransigente fra il più forte e il più debole. Cristo è molto chiaro: “O con me o contro di me”. Nella vita personale c’è questo gioco di scelte continue dove il male e il bene si osteggiano; e il credente deve saper cogliere il bene e respingere il male. dei Monaci Benedettini Silvestrini

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome