Chi mi ha mandato è veritiero, e voi non lo conoscete

Gesù arrestoRIFLESSIONE SUL VANGELO DI QUESTO VENERDI’ – È vero. Il Messia di Dio è dalla stirpe di Davide: “Quando i tuoi giorni saranno compiuti e tu dormirai con i tuoi padri, io susciterò un tuo discendente dopo di te, uscito dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno. Egli edificherà una casa al mio nome e io renderò stabile il trono del suo regno per sempre. Io sarò per lui padre ed egli sarà per me figlio. Se farà il male, lo colpirò con verga d’uomo e con percosse di figli d’uomo, ma non ritirerò da lui il mio amore, come l’ho ritirato da Saul, che ho rimosso di fronte a te. La tua casa e il tuo regno saranno saldi per sempre davanti a te, il tuo trono sarà reso stabile per sempre”(2Sam 7,12-16). Egli nascerà a Betlemme: “E tu, Betlemme di Èfrata, così piccola per essere fra i villaggi di Giuda, da te uscirà per me colui che deve essere il dominatore in Israele; le sue origini sono dall’antichità, dai giorni più remoti. Perciò Dio li metterà in potere altrui fino a quando partorirà colei che deve partorire; e il resto dei tuoi fratelli ritornerà ai figli d’Israele. Egli si leverà e pascerà con la forza del Signore, con la maestà del nome del Signore, suo Dio. Abiteranno sicuri, perché egli allora sarà grande fino agli estremi confini della terra. Egli stesso sarà la pace!” (Mi 5,1-4).

Gesù dice che le antiche profezie sono inadeguate, imperfette, vanno aggiornata alla sua vita, alla sua storia, alla sua eternità, alla sua incarnazione. Lui viene dal seno del Padre: “In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio. Egli era, in principio, presso Dio: tutto è stato fatto per mezzo di lui e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste. In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta. E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre, pieno di grazia e di verità. Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto: grazia su grazia. Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo. Dio, nessuno lo ha mai visto: il Figlio unigenito, che è Dio ed è nel seno del Padre, è lui che lo ha rivelato” (Cfr Gv 1,1-18). Questa sua verità è velata nelle Antiche Scritture. Ora è giunto il tempo che essa venga posta in piena luce. Le “origini” di Cristo sono nel tempo, ma prima ancora nell’eternità. Sono da Davide, ma molto tempo prima, eternamente, esse sono da Dio.

Dopo questi fatti, Gesù se ne andava per la Galilea; infatti non voleva più percorrere la Giudea, perché i Giudei cercavano di ucciderlo. Si avvicinava intanto la festa dei Giudei, quella delle Capanne. Ma quando i suoi fratelli salirono per la festa, vi salì anche lui: non apertamente, ma quasi di nascosto. Intanto alcuni abitanti di Gerusalemme dicevano: «Non è costui quello che cercano di uccidere? Ecco, egli parla liberamente, eppure non gli dicono nulla. I capi hanno forse riconosciuto davvero che egli è il Cristo? Ma costui sappiamo di dov’è; il Cristo invece, quando verrà, nessuno saprà di dove sia». Gesù allora, mentre insegnava nel tempio, esclamò: «Certo, voi mi conoscete e sapete di dove sono. Eppure non sono venuto da me stesso, ma chi mi ha mandato è veritiero, e voi non lo conoscete. Io lo conosco, perché vengo da lui ed egli mi ha mandato». Cercavano allora di arrestarlo, ma nessuno riuscì a mettere le mani su di lui, perché non era ancora giunta la sua ora.

Gesù sempre ha dichiarato la sua verità. Lui è il testimone della verità. Qual è la verità di Gesù Signore? Una sola: Lui è dal Padre. Il Padre lo ha inviato. Il Padre oggi gli dice cosa fare e cosa non fare. Il Padre governa per intero la sua vita. Gesù non è venuto da se stesso. Non viene da se stesso, neanche oggi. Se Lui oggi è a Gerusalemme è perché il Padre lo ha mandato. Gli ha comandato di rendergli testimonianza. Qual è la più grande testimonianza che Gesù ha reso al Padre? Che il Padre non è un Dio solitario. È il Dio che ha generato Lui e lo ha generato nell’oggi dell’eternità. Dio è vero Padre. È il Padre del suo Figlio Unigenito. Vi è una sostanziale differenza di verità sul nostro Dio. Egli è uno nella natura, ma trino nelle Persone. Padre, Figlio, Spirito Santo.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, dateci la vera fede sul Padre. a cura del Movimento Apostolico

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome