Home News Ethica et Oeconomia Chernobyl: 30 anni fa il disastro nucleare, il grazie di Papa Francesco...

Chernobyl: 30 anni fa il disastro nucleare, il grazie di Papa Francesco ai soccorritori

Trenta anni fa il disastro nucleare di Chernobyl. Era il 26 aprile 1986, quando uno dei reattori della locale centrale esplose. La ricorrenza è stata ricordata dal Papa all’ultima udienza generale. Francesco ha rinnovato la preghiera per le vittime di quella tragedia, esprimendo riconoscenza per i soccorritori e per tutte le iniziative con cui si è cercato di alleviare le sofferenze e i danni. Ma che cosa ha insegnato all’umanità quel disastro?Giancarlo la Vella lo ha chiesto a Fulvio Scaglione, vicedirettore di Famiglia Cristiana:

AP3417922_Articolo

R. – Ha insegnato che certamente il tema dell’energia è un tema da maneggiare con grandissima cura, da maneggiare con moltissima attenzione. Nel tema del dominio che l’uomo vuole esercitare sulle fonti di energia – sia quelle naturali, sia quelle artificiali come in fondo è l’energia atomica – c’è tutta la storia di questi decenni, anche la storia delle guerre di questi decenni. E per quanto riguarda, nello specifico, il nucleare, abbiamo avuto anche la tragedia di Fukushima, in Giappone, a dirci che il pericolo non è scomparso ed evidentemente neanche le giuste cautele sono state prese dopo la tragedia di Chernobyl.

D. – Chernobyl ormai è una zona praticamente disabitata; 30 anni dopo esiste ancora il dramma di quanti sono stati contaminati …

R. – Io sono stato due volte a Chernobyl e l’area intorno alla centrale nucleare, per un raggio di 30 km è un’area chiusa, dove c’è stato però il dramma dei ritorni, perché soprattutto gli anziani hanno incominciato a tornare nelle loro case noncuranti del pericolo. Quell’area è una vera lezione: bisognerebbe vederla, perché dal punto di vista naturale, essendo assente l’uomo, è diventata una cosa stupenda. C’è una natura meravigliosa, rigogliosa. Però, per l’uomo è una zona morta. Il problema delle radiazioni e delle contaminazioni è stato naturalmente notevole, ma essendo avvenuto in un’epoca ancora sovietica, subito dopo è stato anche largamente rimosso. Probabilmente il vero bilancio di Chernobyl non lo conosceremo mai. Sappiamo, però, che è stato un bilancio terribile.

D. – Dopo Chernobyl, ma soprattutto dopo Fukushima, nel mondo è cresciuto il dibattito su “nucleare sì” e “nucleare no”: contemporaneamente, si è fatto molto poco per sviluppare le energie rinnovabili e ci si è affidati ancora di più a quelle fossili …




R. – Io temo che tutti gli sforzi sono stati prodotti proprio per aumentare lo sfruttamento delle energie fossili. Oggi siamo in una situazione in cui il petrolio costa meno dell’acqua da tavola e quindi, purtroppo, non si può che prevedere un incremento dell’uso delle risorse energetiche di natura fossile che sono diventate anche poco costose.

D. – Potrà esistere un nucleare sicuro?

R. – Per essere onesti, le centrali nucleari nel mondo sono molte, funzionano, e gli incidenti drammatici sono stati pochi. Il problema del nucleare è che l’incidente nucleare è sempre terrificante e quindi ci chiediamo se si può parlare di nucleare sicuro… Il nucleare, se vogliamo dirla tutta, è sicuro quando non succede nulla …




Redazione Papaboys (Fonte it.radiovaticana.va)

 

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,881FansLike
17,086FollowersFollow
9,607FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

san francesco di paola

I miracoli e le profezie di San Francesco di Paola. Ed...

Che fosse un grande taumaturgo San Francesco di Paola lo si sapeva bene, ma sembra che fin dal passaggio dello stretto di Messina i prodigi...