Home News Italiae et Ecclesia C'è un posto anche per me a Natale? Torino: aprire le case...

C’è un posto anche per me a Natale? Torino: aprire le case a chi una casa non ce l’ha

C'è un posto anche per me a Natale? Torino: aprire le case a chi una casa non ce l'haAprire le case a chi una casa non ce l’ha. La proposta dell’arcivescovo di Torino monsignor Cesare Nosiglia. Una proposta concreta rivolta a presbiteri, diaconi, religiosi e religiose, fedeli laici e famiglie, uomini e donne di buona volontà: accogliere una persona in difficoltà per il pranzo di Natale.

Di seguito l’invito di mons. Cesare Nosiglia:

«Mentre si trovavano a Betlemme, si compirono per Maria i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio» (Luca, 2, 6-7)

La celebrazione del Natale ci rimanda direttamente all’accoglienza
Come Dio ha accolto la nostra umanità e si è fatto uno di noi nascendo a Betlemme, così ogni persona è chiamata ad accogliere gli altri, a instaurare e curare relazioni di vicinanza basate sul dono gratuito e solidale. Tanti di noi potranno sperimentare tutto questo nei giorni di Natale, riunendosi in famiglia, con gli amici, con quanti hanno un significato forte nella propria vita. Con loro mangeremo, ci scambieremo regali, ma soprattutto staremo insieme sperimentando il calore dell’amicizia e dell’amore.

Tanti, ma non tutti
Nella nostra città, come nei piccoli centri delle province, ci sono persone per le quali le feste natalizie portano con sé la tristezza della solitudine, dell’allontanamento, della sofferenza e della povertà. Più di duemila sono i fratelli che vivono in strada, costretti a questo dalla grave crisi che tutti ci circonda. Molti anziani non potranno nemmeno scambiare una parola durante il pranzo di Natale perché vivono abbandonati nei loro “alloggetti”. I carcerati vedranno Natale attraverso le sbarre delle finestre pensando ai figli e alle famiglie lontane. Tanti stranieri, qui soli, avvertiranno forte lo strappo della distanza. Qualche papà separato sarà lontano dai figli, qualche mamma sola dovrà inventarsi un motivo per giustificare la non presenza di Babbo Natale. E altri esempi si potrebbero fare.

Insieme doniamo gioia
Se ci mettiamo insieme, abbiamo la possibilità di far sentire a casa loro tante di queste persone più fragili. Se duemila anni fa a Betlemme non c’era posto per Gesù, Maria e Giuseppe, oggi a Torino un posto ci può essere. Sono le nostre case, che si aprono per invitare a pranzo una di queste persone, o una piccola famigliola. Ci vuole un po’ di coraggio, ma non è affatto difficile: basta lasciarsi guidare dal cuore. Ecco l’invito che rivolgo a me stesso e a voi cari presbiteri, diaconi, religiosi e religiose, fedeli laici e famiglie, uomini e donne di buona volontà.

Un invito che richiama le nostre coscienze
A Natale o nel tempo natalizio invitiamo a pranzo, una persona sola o in difficoltà o in povertà, per condividere insieme il calore della nostra casa. Nel palazzo dove abitiamo non sarà difficile invitare la persona anziana che vediamo solo di sfuggita, o la famiglia del compagno di classe di nostro figlio, o la persona senza dimora che incontriamo usualmente sulla porta della chiesa o del supermercato e con la quale abbiamo scambiato qualche fugace parola, o la signora straniera che fa le pulizie sulle scale del nostro caseggiato, o …
Magari parliamone con il nostro parroco, con i volontari del territorio, con gli amici. Sarà una ricerca ricca per il nostro cuore.

Proviamoci. Cerchiamoli! Potrebbe essere l’occasione giusta per iniziare una consuetudine da coltivare. Una cosa semplice che dona tanta umanità. E che può cambiare dentro.

Auguri

+ Cesare NOSIGLIA
vescovo, padre e amico

La mia speranza è non solo che questo invito venga accolto da molti, ma che questa fiammella di carità accesa ora in occasione del Santo Natale non si spenga, anzi, tutto l’anno cerchiamo di ricordarci dei meno fortunati, di chi una casa non ce l’ha, di chi non ha una famiglia a cui chiedere aiuto.

Di Alessandro Ginotta

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,824FansLike
19,845FollowersFollow
9,807FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Santo ROSARIO. 23 novembre 2020

Dalla Grotta di Lourdes preghiera del Santo ROSARIO. 23 novembre 2020....

Dalla Grotta di Lourdes preghiera del Santo ROSARIO. Lunedì 23  novembre 2020, preghiamo insieme, con il cuore nel luogo mariano, e con l'anima in...