Pubblicità
HomeNewsRes Publica et SocietasCaso Sana: assolti i parenti. Uccisa a 25 anni perché rifiutava nozze...

Caso Sana: assolti i parenti. Uccisa a 25 anni perché rifiutava nozze combinate

Il caso di Sana Cheema: assolti i parenti che l’avrebbero uccisa «per mancanza di prove certe». Uccisa perchè rifiutò le nozze combinate.

Sana Cheema

Sana Cheema aveva 25 anni quando fu portata via da Brescia nell’aprile del 2018  e portata in Pakistan, dove è stata uccisa.

Oggi un tribunale pakistano ha assolto il padre, lo zio e il fratello della ragazza «per mancanza di prove certe». I tre erano accusati della morte della 25enne, cresciuta in Italia, che fu portata via dal nostro paese per costringerla a nozze combinate proprio in Pakistan, nozze che però lei rifiutava.

Uccisa strangolata

I familiari avevano inizialmente detto che Sana era morta per cause naturali, l’autopsia rivelò che era stata strangolata, probabilmente uccisa proprio perché si rifiutava di accettare quel matrimonio combinato. Durante le indagini, i tre familiari confessarono di aver ucciso Sana perché aveva «disonorato» la famiglia. Confessione poi ritrattata.

Sana Cheema

Oggi la sentenza che però assolve i parenti: dopo tre mesi di processo, il giudice ha ordinato il rilascio del padre di Sana, Ghulam Mustafa Cheema, dello zio Mazhar Cheema e del fratello Adnan per mancanza di prove che scongiurino «ogni ragionevole dubbio».

Preghiamo per te Sana! Preghiamo perchè sia fatta giustizia nella verità

Fonte leggo.it

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,928FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

papafra.udienza.ok_.16.06.2021

Papa Francesco: la salvezza di Gesù è totale, non siamo mai...

Nell’ultima catechesi dedicata alla preghiera, Papa Francesco all'udienza generale nel Cortile di San Damaso esorta ad avere il coraggio e la speranza di sentire...