Home News Sancta Sedes Caritas. Card. Maradiaga: da Papa Francesco approccio etico su Creato

Caritas. Card. Maradiaga: da Papa Francesco approccio etico su Creato

Pubblicità

Caritas. Card. Maradiaga: da Papa Francesco approccio etico su Creato“Una sola famiglia umana, custodire il creato”. È il tema della 20.ma Assemblea generale di Caritas Internationalis. In occasione dell’apertura dei lavori, da oggi fino a domenica, Papa Francesco celebra nel pomeriggio, alle 17.30, la Messa nella Basilica Vaticana. Stamani, presso la Sala Stampa della Santa Sede, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’evento che riunisce le Caritas di tutto il mondo. Sono intervenuti il cardinale Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga, presidente di Caritas Internationalis, Michel Roy, segretario generale dell’organizzazione, il teologo padre Gustavo Gutiérrez e l’esperto di agricoltura di Caritas India, Haridas Varikottil. Il servizio di Giada Aquilino per la Radio Vaticana:

Pubblicità

Non solo una riunione per definire piani e rafforzare vincoli, ma un’opportunità per “rispondere all’invito di Papa Francesco a creare una Chiesa povera e per i poveri”. Questo il senso dell’Assemblea generale di Caritas Internationalis – che si apre oggi con la Messa del Pontefice in San Pietr – nelle parole del suo presidente, il cardinale Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga. D’altra parte – ha proseguito il porporato che termina in questi giorni due mandati quadriennali al vertice della federazione che riunisce oltre 160 organizzazioni nel mondo e che eleggerà a breve un nuovo presidente – il tema dedicato a “Una sola famiglia umana, custodire il creato” è legato al fatto che il 2015 è un anno cruciale: il vertice sui cambiamenti climatici a Parigi, il rilancio degli Obiettivi del millennio per lo sviluppo e soprattutto la prossima Enciclica di Papa Francesco dedicata all’ecologia:

“Sappiamo certamente che l’approccio del Santo Padre non è un approccio scientifico. Faccio una parentesi: di recente sono stato negli Stati Uniti e ho già sentito critiche all’Enciclica, senza che sia stata pubblicata. L’ideologia, infatti, specialmente riguardo all’ambiente, alla Creazione, è molto fortemente legata a una visione del capitalismo che non vuole rinunciare a danneggiare l’ambiente per non rinunciare ai guadagni. E ho sentito critiche che veramente non hanno senso. Come si può criticare una cosa che non si conosce? C’è, però, tristemente questo atteggiamento in tante persone. Credo che l’approccio del Santo Padre sarà basicamente etico, dal punto di vista dell’etica, che poi è il nostro. C’è tanta discussione sul riscaldamento della terra, “è scientifico, non è scientifico”. Ma basta il senso comune. Ci farà riflettere. Penso che questo non sarà un documento in più e che sarà molto importante che tutti noi lo si prenda a cuore. A proposito della globalizzazione dell’indifferenza di cui ha parlato il Papa, sarebbe tragico che – di fronte a problemi come questi – i cristiani rimanessero indifferenti”.

Pubblicità

La questione, ha proseguito, non è soltanto quella del “riscaldamento del pianeta, ma anche avere giustizia per il Creato, difendere la dignità umana e sostenere i popoli per proteggere la Creazione”. “Non abbassiamo la guardia – ha poi esortato – sulle povertà spirituali” nelle società contemporanee. Lo sguardo, ai lavori dell’Assemblea, sarà dunque rivolto al “mondo che soffre”: è in corso – ha ricordato – “una guerra terribile, con molta indifferenza”, assistiamo a “persecuzione e morte dei cristiani”, intorno a noi persiste la fame. Quindi, non si possono dimenticare il Medio Oriente, la Repubblica Centrafricana, il Sud Sudan, l’Ucraina e, non ultimo, il Nepal scosso nelle ultime ore da un altro terribile terremoto. A guidarci nell’impegno a “proseguire uniti e conservare i poveri al centro dei nostri cuori”, ha quindi aggiunto, sicuramente quella luce “nel firmamento della Chiesa” che è mons. Oscar Arnulfo Romero: “In America Latina – ha riferito il cardinale honduregno – siamo davvero “riconoscenti” per la sua prossima beatificazione.

Il segretario generale di Caritas Internationalis, Michel Roy, ha annunciato che la federazione acquista un nuovo membro, il 165.mo: il Sud Sudan. Quindi, ha citato le altre emergenze del pianeta. Ad esempio, i 21 tifoni che hanno investito le Filippine in un anno. Tra le priorità dell’assemblea Caritas, ne ha messa in luce una in particolare:

“The first orientation is to have the Church…
Il primo orientamento è quello che la Chiesa sia una Chiesa povera per i poveri. Questo tema, in qualche modo, non è nuovo, ma è venuto molto avanti grazie a Papa Francesco. La Caritas è la Chiesa e nella Chiesa ha un ruolo speciale da giocare, per far sì che l’intera Chiesa sia coinvolta con i poveri”.

Il teologo peruviano, padre Gustavo Gutierrez, ha sottolineato che oggi ancora non siamo nell’epoca della “ post-povertà” e ha spiegato che la teologia “è una riflessione sulla pratica della carità, sulla compassione, sulla misericordia, sulla giustizia. Vista in questo modo – ha chiarito – può aiutare chi è impegnato concretamente nella pratica della giustizia e della carità”. A proposito della “teologia della liberazione” ha precisato:

“Credo che la nozione centrale della teologia della liberazione sia quella che potremmo chiamare ‘opzione preferenziale per i poveri’. Questo è il 90% della teologia della liberazione. Credo sia più chiaro adesso, grazie alla testimonianza di Papa Francesco. Ma nella questione non è tanto importante la ‘teoria della liberazione’, ma vedere l’importanza dei poveri adesso nella Chiesa e, credo, il fatto di andare di nuovo a cercare l’insegnamento dei Vangeli. È veramente ciò che conta, che è importante: questo andare verso le periferie. E questo è un tempo opportuno”.

Un esempio concreto dell’impegno Caritas è venuto da Haridas Varikottil, a proposito dell’agricoltura in India:

“One priority topic is…
Uno dei temi prioritari è la fame e la campagna ‘One human family, food for all’, cominciata nel dicembre 2013, ha l’obiettivo di radunare tutti i partner ad un solo scopo: ridurre la fame. Non fornendo cibo alle persone, ma promuovendo agricoltura, aziende agricole familiari, aziende agricole integrate. Cosa facciamo? Insegniamo alle persone come promuovere un’agricoltura sostenibile. Insegniamo loro anche come conservare, proteggere, gestire le risorse. E li guidiamo pure a mobilitare le risorse del governo”.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,914FansLike
17,749FollowersFollow
9,743FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo 3 Luglio 2020

Leggi e medita il Vangelo di Venerdì 3 Luglio 2020. Lettura...

Vangelo del giorno - Venerdì, 3 Luglio 2020 Lettura e commento al Vangelo di Venerdì 3 Luglio 2020 - Gv 20,24-29: "Mio Signore e mio...