Card. Sepe: Papa a Napoli per ridare speranza e coraggio

Card. Sepe: Papa a Napoli per ridare speranza e coraggioPapa Francesco porterà a Napoli speranza, coraggio e dignità: è quanto afferma il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo della città che domani accoglierà il Pontefice. Alessandro Guarasci ha chiesto al porporato il significato di questa visita pastorale:

R. – È un segno di predilezione, di amore, un’attenzione particolare che il Papa, fin dal primo momento, ha espresso quando è stato invitato a visitare Napoli. Il Papa conosce bene anche le contraddizioni presenti nella nostra realtà, dove c’è miseria e benessere, arretratezza e sviluppo, dove c’è una grande fede, una fede viva, e però ci sono anche forme di indifferenza…

D. – State pensando a un’accoglienza particolare, qualche sorpresa, per Papa Francesco?

R. – Il Papa fa una visita pastorale, non viene a Napoli per una ricorrenza oppure una circostanza: viene per incontrare tutti. Da Scampia, dove ci sono professionisti, rappresentanti della legalità, della cultura, ma anche e soprattutto i poveri, i migranti, i rom, i clochard, il mondo del lavoro; e poi sì, i sacerdoti, gli ammalati, i giovani… Alla fine, soprattutto, prima della partenza del Papa, sul lungo mare di Napoli ci sarà una bella festa dei giovani, che gli rivolgeranno delle domande e avranno un dialogo – così come sa fare il Papa – molto fitto, molto forte con lui.

D. – Papa Francesco saprà sicuramente cogliere sofferenze e speranze di questa città. Napoli – lo sappiamo – sta vivendo una forte crisi occupazionale: la dottrina sociale della Chiesa può dare un concreto aiuto in questo senso?

R. – Da tempo anche noi vescovi ci siamo interrogati su questa crisi gravissima, che è soprattutto occupazionale e che riguarda soprattutto i giovani, per cercare di dare una risposta a questa situazione. Una crisi che prende naturalmente le famiglie che non sanno come arrivare a fine mese, una crisi che prende i negozianti… Ecco, in tutta questa realtà bisogna partire da Cristo, e quindi bisogna dare anche una formazione. Noi, come Chiesa di Napoli, da alcuni anni abbiamo messo la Dottrina sociale della Chiesa a fondamento della educazione e formazione nelle varie parrocchie, nei vari decanati e anche a livello diocesano.

D. – La sosta in mattinata a Scampia potrà in qualche modo segnare una svolta per quel quartiere?

R. – Io credo di sì, soprattutto perché Scampia si aspetta appunto questo incoraggiamento e questa speranza. Diceva Giovanni Paolo II: “Riorganizzare la speranza”; noi abbiamo detto: “Fare largo alla speranza”. Siccome in questo quartiere non ci sono solo cose brutte, ma anche tante potenzialità, io credo che la venuta del Papa costituirà certamente un impulso forte a cambiare e a ridare dignità a questa nostra gente. E’ un quartiere di circa 70.000 abitanti che aspettano dalla parola del Papa un motivo per riprendersi.

Fonte. Radio Vaticana

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome