Card. Sepe : ‘niente comunione a chi butta il cibo’

ostia_comunione_web--400x300NAPOLI – “La questione ambientale è una questione etica”. Lo ha detto, ieri sera, il cardinale Crescenzio Sepe, accogliendo al Museo diocesano di Napoli, i giornalisti di tutto il mondo che stanno partecipando all’XI Forum internazionale dell’informazione per la salvaguardia della natura, promosso in questi giorni da Greenaccord nel capoluogo partenopeo. “Ogni forma di egoismo è contro la visione non solo dell’uomo in quanto tale, ma è una forma di negazione di quello spirito cristiano che è basato sull’apertura all’altro e sul rispetto dell’altro – ha aggiunto -. Buttare il cibo sapendo che ci sono milioni di persone che muoiono è un disprezzare l’altro, l’umanità, è uno sconfessare se stesso, come membro della famiglia degli uomini”. Di qui la conseguenza: “Il fatto che io, in dispregio all’altro, butti un cibo che all’altro potrebbe essere di sopravvivenza è chiaro che significa che io offendo, oltre all’uomo, anche quel Dio che è il datore della vita. E questa gente non può fare la comunione”. Il porporato ha ricordato le sue parole su mafiosi e camorristi che “non possono ricevere i sacramenti, perché se io ammazzo l’altro e edifico la mia vita sulla morte degli altri come quelli che fanno i rifiuti tossici, come posso avere il coraggio di entrare in chiesa e partecipare alle celebrazioni liturgica? È una negazione. Così anche chi spreca. È un disprezzo”.

A questo proposito, il cardinale Sepe ha ricordato la parabola del ricco epulone e di Lazzaro: “Non è una mia interpretazione. Alla fine, il ricco epulone è andato nel profondo degli inferi e Lazzaro è stato esaltato. Questo è un insegnamento evangelico che deve farci riflettere nel valutare le azioni di queste persone che disprezzano l’uomo”. Il porporato ha, quindi, ribadito: “Come fai a dare la comunione a chi distrugge? Se io offendo una creatura di Dio è chiaro che io offendo anche Dio. Quando io commetto questi delitti, che facilitano o creano processi che possono riguardare anche la vita: Il mafioso che attenta alla vita è come il piromane o l’affossatore di veleni nelle terre che inquinano l’aria e le falde acquifere. Questi sono attentati alla vita e chi attenta alla vita è contro Dio”. Dunque, “se non c’è nessun segno di pentimento, niente sacramenti in chiesa per queste persone”. Rispondendo a una domanda sui 50 anni dell’enciclica di Paolo VI, “Ecclesiam suam”, il porporato ha evidenziato: “È stata un’enciclica che ha creato una svolta all’interno non solo della pastorale della Chiesa, il dialogo a fondamento di tutte le attività che la Chiesa può svolgere, ma anche per esempio un influsso enorme sulle relazioni ecumeniche e sul piano sociale. È un merito di Paolo VI e sono contento che tra qualche settimana sarà dichiarato beato da Papa Francesco”. Fonte: Agensir

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome