Pubblicità
HomeNewsPax et JustitiaCard. Barbarin: cristiani in Iraq fedeli nonostante l'orrore

Card. Barbarin: cristiani in Iraq fedeli nonostante l’orrore

Card. Barbarin: cristiani in Iraq fedeli nonostante l'orroreUn momento di “fraternità, luce e fede”. Così il cardinale Philippe Barbarin, arcivescovo di Lione, descrive il momento in cui, sabato scorso, durante la sua visita in Iraq, ha consegnato ai cristiani iracheni il videomessaggio di Papa Francesco. Le parole di conforto del Papa sono state ascoltate da migliaia di fedeli al termine della processione per l’Immacolata, svoltasi la sera del 6 dicembre per le vie di Ankawa, sobborgo a maggioranza cristiana della città di Erbil dove dallo scorso agosto hanno trovato rifugio gran parte dei profughi fuggiti dall’avanzata dei jihadisti. Il cardinale Barbarin racconta la sua visita al microfono di Ciprien Viet per la Radio Vaticana:

R. – Abbiamo visto tante immagini violente, orribili riguardo all’Iraq, mentre in questa occasione abbiamo avuto immagini di fraternità, di luce e anche di fede. Quello che ammiro di più dei cristiani perseguitati – e il Papa li ha ringraziati per questo – è che sono rimasti fedeli: nonostante le persecuzioni, nessuno ha rinnegato Cristo. Era stato detto loro: “O vi convertite all’islam, o prendete lo status di ‘dhimmi’ – che è una sorta di schiavitù – oppure ve ne andate, oppure sarete uccisi”. E sono partiti tutti. Questo è un segno di fedeltà a Cristo! Certamente, poi, c’è il contraccolpo, perché non hanno più la loro casa, non hanno più il loro lavoro, i figli non vanno a scuola, hanno lo stretto indispensabile per proteggersi dal freddo, dalla pioggia, per mangiare e vestirsi… E’ tempo di verificare che abbiano quanto è necessario da un punto di vista medico e sanitario e poi che si possano far tornare i bambini a scuola. Non ci sono ambienti per accoglierli, non ci sono le classi, non c’è nemmeno materiale scolastico… E poi serve che tutti possano ritrovare un lavoro. A Erbil c’è vita, e c’è anche molto lavoro … E’ bello anche vedere che tutte le associazioni che vengono dall’Europa non portano con sé cose materiali: vengono e fanno lavorare le persone sul posto, secondo il mestiere di ciascuno. E questo, naturalmente, è molto bello.

Sull’importanza di questa vicinanza del Papa si sofferma, sempre al microfono di Ciprien Viet, anche il patriarca Louis Raphaël I Sako di Babilonia del caldei:
R. – Oh, ci ha dato molto! Intanto, un sostegno morale e spirituale straordinario. Ha visto quante persone c’erano? Erano oltre 5 mila persone in strada, davanti alla statua della Vergine Maria! Ho visto le lacrime negli occhi delle persone, lacrime di gioia e di speranza: perché sono molto colpiti da questa presenza, che è una presenza non solo di solidarietà, sia pur da lontano, ma una presenza fisica. Loro sono qui, tra noi, per condividere con noi la nostra sofferenza ma anche la nostra speranza.

D. – La processione di sabato sera è un segno: significa che i cristiani possono ancora vivere la loro fede liberamente, pubblicamente, in Iraq?
R. – Infatti. E lei ha visto anche che il dono semplice di una candela fa la festa. Hanno bisogno di un piccolo gesto perché siano rassicurati di non essere stati dimenticati o isolati. Ecco perché questa visita ha donato molto a queste famiglie sfollate.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,928FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Papa Francesco: l'udienza generale del 16 Giugno 2021

Papa Francesco. Udienza 16 Giugno: ‘Gesù, sulla croce, ha pregato per...

Papa Francesco: l'udienza generale del 16 Giugno 2021 Sintesi dell'udienza generale del Mercoledì di Papa Francesco.. Si è svolta questa mattina l'udienza generale con Papa Francesco,...