Blue Whale – Una tredicenne salvata in extremis, stava per suicidarsi

Salvata dal suicidio a soli 13 anni. Una ragazzina della provincia di Bari sarebbe stata coinvolta nel gioco mortale Blue Whale insieme con altre quattro minorenni, amiche di chat.

Lo ha scoperto la Polizia di Stato, coordinata dalla Procura minorile di Bari, che ha ricostruito la vicenda, riuscendo a salvare la 13enne. È emerso che la ragazza era arrivata ad un livello già molto avanzato del gioco, al termine del quale è previsto il suicidio. In chat sono state scoperte foto e annunci di morte.

LEGGI ANCHE: Blue Whale: “Dietro ci sono sette demoniache”

Secondo quanto accertato dalla polizia, sarebbe stata lei ad amministrare un gruppo WhatsApp chiamato “Panda”, oltre ad aver partecipato alle chat di altri gruppi analoghi denominati “Disastro”, “Disagio” e “Deupolcuassassino” e al gioco “NoStranger”.

La ragazza aveva anche un account Instagram dove aveva pubblicato immagini che la polizia ha definito «allarmanti ed angoscianti», tra cui la foto di una stazione ferroviaria con treno in transito, e frasi come «soffro», «sto male», «voglio morire».

Analoghe frasi rinvenute nel suo diario scolastico, al cui interno era contenuto un biglietto manoscritto con la frase di addio che avrebbe lasciato alla madre il giorno del suicidio.

Le indagini sono cominciate dopo la segnalazione alla polizia da parte di alcune amiche della ragazza. I poliziotti, dopo aver informato i genitori, hanno ascoltato la ragazza e accertato che da qualche mese trascorreva molto tempo al telefono cellulare. La ragazza inoltre, non usciva, si attardava ad andare a dormire ed era diventata particolarmente taciturna.

Blue Whale

La mamma, qualche giorno prima dell’intervento della Polizia, aveva notato alcuni segni sulle braccia della figlia che però aveva addebitato ai graffi del gatto di famiglia. Lei stessa, poi, ha ammesso di essersi procurata i tagli con la lametta di un rasoio. Successivamente di aver inviato le immagini dei gesti autolesivi ad un’amica di scuola.

Le indagini

Le indagini si sono avvalse anche di verifiche tecniche sul suo telefono cellulare, che hanno consentito di risalire all’elenco dei partecipanti ai gruppi WhatsApp. Con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, coinvolte le Questure di Marche, Campania, Emilia Romagna, Sardegna, Abruzzo, Lombardia, Calabria, Puglia, Lazio, Toscana, Basilicata, Piemonte e Veneto. Le quali hanno poi proceduto all’ascolto dei minorenni ed all’escussione dei loro genitori. Appurando che altre quattro giovanissime ragazze erano inserite pienamente nel gioco ad un livello avanzato.

Si tratta di tutte ragazze adolescenti tra i 12 e i 15 anni, dal carattere introverso e scarsa vita sociale. Attaccamento morboso al telefono cellulare e partecipazione a numerosi gruppi WhatsApp e profili Instagram. Negli ultimi tempi avrebbero manifestato il proprio malessere con gesti di autolesionismo.

Fonte www.ilmessaggero.it

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome