Blue Whale, l’esorcista: ‘Dietro ci sono sette demoniache’

“Ci sono le sette dietro il Blue Whale”. Don Gianni Sini, esorcista e parroco di Nostra Signora de La Salette ad Olbia non ha dubbi. “Detro questo gioco ci sono sette che lasciano intravedere il segno demoniaco, perché il Maligno gioisce per tutto ciò che è negazione della vita dell’uomo e della sua dignità”.

Come racconta all’Adnkoronos, Don Sini ha visto da vicino gli effetti del “gioco della morte”: “La pericolosità dei gruppi che organizzano e dirigono queste attività e inducono tanti giovani a mettere in atto atti di autolesionismo fino ad arrivare al suicidio”. E ancora: “Sono venuti da me alcuni giovani, preoccupati dopo aver visto dei tagli sul braccio di un loro coetaneo”. Poi spiega: “Lo chiamano Blue Whale perché, così come la balena perde l’orientamento e va a ‘spiaggiarsi’, allo stesso modo -spiega l’esorcista- i ragazzi sono portati fuori strada, fino a perdere i punti di riferimento della loro vita”. Intanto un 19enne di origine russa residente a Cavaglià, nel Biellese, è indagato dalla procura di Biella per istigazione al suicidio, perchè sospettato di essere coinvolto nel Blue Whale.






Al momento, a quanto si apprende, non ci sono ancora riscontri su un suo possibile coinvolgimento diretto e saranno le indagini a chiarire se abbia un ruolo, e di che genere, nel “caso social” del momento. Il ragazzo, noto ai servizi sociali e alle forze dell’ordine per il suo disagio esistenziale, passato e presente, oltre che per alcuni precedenti per droga, aveva postato sul suo profilo Facebook foto e commenti sulla Blue Whale.




Fonte www.ilgiornale.it

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome