Home News Sancta Sedes Beata Vergine del Rosario. Papa Francesco: contempliamo i misteri di Cristo con...

Beata Vergine del Rosario. Papa Francesco: contempliamo i misteri di Cristo con Maria, nel Rosario

“Il Rosario è una sintesi dei misteri di Cristo: li contempliamo con Maria, che ci dona il suo sguardo di fede e d’amore”. L’odierno tweet di Papa Francesco è un pensiero dedicato alla festività della Beata Vergine Maria del Rosario, celebrata dai cristiani di tutto il mondo. La preghiera del Rosario risale al secolo XIII e fu promossa in particolare dai Domenicani  e da varie confraternite.






Poi la devozione alla corona del rosario ebbe un nuovo impulso dopo la battaglia di Lepanto avvenuta il 7 ottobre del 1571, che vide la coalizione della flotta cristiana fermare l’avanzata dei turchi. Questo evento, che ebbe risonanza in tutto il mondo cristiano, spinse San Pio V ad istituire una festa di ringraziamento che prese il nome di ”Santa Maria della Vittoria”. Estesa nel 1716 alla Chiesa universale e fissata definitivamente al 7 ottobre da San Pio X nel 1913, venne in seguito denominata la festa del Rosario.

Oggi il Rosario è la preghiera più cara alla devozione popolare, capace di riunire comunità di cristiani in tutto il mondo, dando loro assistenza sia fonte di serenità e di forza. Grande impulso a questa preghiera – che prevede Ave Maria che si susseguono, precedute dal Padre Nostro e dal Gloria – è stato dato da tutti gli ultimi Papi che hanno esortato, più volte, tutti i fedeli a recitare il Rosario. Per una riflessione sulla ricorrenza del 7 ottobre e sulle parole di Francesco, sentiamo mons. Tommaso Caputo, arcivescovo e delegato pontificio per il Santuario della Beata Maria Vergine:

R. – Il Papa ci presenta proprio una sintesi della Dottrina della Chiesa sul Rosario. È quello che ci ha insegnato San Giovanni Paolo II con la Rosarium Virginis Mariae; ma prima ancora Papa Paolo VI e ancora la tradizione, il magistero della Chiesa degli ultimi secoli. È il cuore cristologico di questa preghiera mariana. Ogni dieci “Ave Maria” pensiamo ad un mistero del Rosario: sono i misteri di Cristo che ci salva. È Lui che diventa un itinerario cristologico alla scoperta di Gesù, che è il nostro Salvatore.






D. – Oggi la devozione del Rosario mostra grandi segni di vitalità…

R. – Questa mattina, alle 6.30 in Santuario, per il buongiorno a Maria, e quindi per il Santo Rosario, c’erano circa duemila persone. È una preghiera straordinaria, molto sentita da tutti. C’erano tantissimi giovani questa mattina. Ma si incontrano gruppi del Rosario dappertutto nel mondo. Si vede che è la Madonna che ci guida per arrivare a Gesù.

D. – La Santissima Vergine ha raccomandato la pratica di questa devozione apparendo a Lourdes e a Fatima con la corona in mano. Quindi è proprio una richiesta che ci viene dall’alto…

R. – Sì, ci viene dall’alto. Nelle ultime apparizioni – ricordo anche all’apparizione di Kibeho in Rwanda – la Madonna ha chiesto di pregare il Rosario. Ce lo dicono anche i Papi. San Giovanni Paolo II ci ricordava che era la preghiera preferita, prediletta, meravigliosa nella sua profondità e semplicità. Papa Francesco ci dice che è la preghiera del suo cuore, che sente moltissimo. È una preghiera che è un modo di evangelizzazione: evangelizza noi anzitutto, perché contempliamo il volto di Cristo con gli occhi della madre e ci aiuta a annunciare il Vangelo ai nostri fratelli anche.

D. – Il Rosario è senza dubbio la preghiera popolare per eccellenza. Lei consiglia un modo per recitarlo?

R. – Cominciamo con il “Padre nostro”, e il nostro animo si slancia con Cristo verso il Padre e si apre anche all’esperienza della misericordia. E poi con l’”Ave Maria”: lo sguardo si concentra nel mistero dell’incarnazione. Ma è San Giovanni Paolo II che ci ha consigliato come recitarlo, aggiungendo la clausola cristologica alla fine di ogni “Ave Maria”. E’ la Madonna che ci porta a Cristo ed è lui il nostro Salvatore.

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,925FansLike
17,749FollowersFollow
9,719FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Quando Padre Amorth raccontò di un potente esorcismo realizzato da Benedetto...

L’attuale Papa emerito era ai tempi della stesura del rituale «ad interim» uno dei membri della commissione cardinalizia incaricata di scrivere il testo. Egli è...