Pubblicità
HomeNewsTerra Sancta et OriensBasta guerra e basta armi: bisogna lavorare per la pace

Basta guerra e basta armi: bisogna lavorare per la pace

Basta guerra e basta armi: bisogna lavorare per la paceSiria: attaccati quartieri di Aleppo. Il timore dei cristiani
Nella giornata di ieri i quartieri centrali di Aleppo, attualmente sotto il controllo dell’esercito, sono stati attaccati su più fronti dalle milizie ribelli con colpi di mortaio, razzi e mitragliatrici pesanti, realizzando un’offensiva che viene definita “un’operazione di guerra vera e propria, senza precedenti”. Fonti della locale comunità armeno-cattolica, contattate dall’agenzia Fides, riferiscono che l’operazione è apparsa studiata con il chiaro intento di conquistare la parte della metropoli difesa dalle forze regolari, e confermano il bilancio provvisorio di 22 morti e più di 150 feriti. Riferiscono infine che l’esercito è riuscito a respingere l’attacco e la situazione oggi non registra sviluppi.

I cristiani fuggono dalla città per raggiungere la più sicura Lakatia
​Ad Aleppo, già a fine maggio, le comunità cristiane avevano messo in programma una serie di iniziative pastorali, rivolte soprattutto ai ragazzi e alle ragazze, come il “campo estivo” allestito presso la parrocchia latina per dare loro un po’ di sollievo permettendogli di uscire dalle case dove vivono costantemente reclusi, e dove spesso manca anche la luce e l’acqua. Adesso i nuovi attacchi aumentano il numero delle famiglie cristiane che cercano in tutti i modi di abbandonare la città, approfittando di momenti di tregua, per trovare riparo nella regione costiera di Latakia, presidiata più saldamente dall’esercito di Assad.

Iniziata la missione di pace dell’inviato speciale dellOnu per la Siria
“La speranza è l’ultima a morire, ma fra la gente regna un sentimento diffuso di scetticismo e vi sono poche possibilità che la missione questa volta abbia successo”. È quanto riferisce all’agenzia AsiaNews il vicario apostolico di Aleppo dei Latini, mons. Georges Abou Khazen, commentando l’arrivo ieri a Damasco dell’inviato speciale Onu per la Siria Staffan de Mistura. “Speriamo… davvero noi speriamo che vi sia una svolta positiva” prosegue il presule, ma la situazione sul campo “non è migliorata, oggi come un anno fa non vi è un fronte unito”. Rientrato oggi ad Aleppo dopo una visita pastorale nella regione costiera, il vicario apostolico avverte che quanti comandano e decidono le sorti della guerra, se continuare a combattere “non sono affatto siriani – come il Fronte di al-Nusra e i jihadisti del sedicente Stato Islamico – e di conseguenza, non hanno alcun interesse alla pace”.

Basta  guerra e basta armi: bisogna lavorare per la pace
La situazione in Siria è sempre più drammatica, conferma mons. Georges Abou Khazen secondo cui Occidente e potenze regionali del mondo arabo e mediorientale “devono smetterla di fornire armi, addestramento e sostegno” logistico e finanziario. Siamo al cospetto, prosegue il presule, di una spirale di violenza senza fine, con soldati governativi da un lato sfiancati da quattro anni di conflitto e un fronte opposto in cui “subentrano centinaia di combattenti nuovi ogni mese”. Per questo, conclude il vicario di Aleppo, “ripeto l’appello che stiamo lanciando da tempo: basta guerra, basta armi, bisogna lavorare per la pace e la riconciliazione. Non fomentate la guerra fra noi, interrompete il flusso di armi e combattenti. Servono pressioni diplomatiche, non militari perché si possa fermare il conflitto e si trovi una via reale e concreta per la pace”.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,119FansLike
20,918FollowersFollow
9,983FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Papa

Udienza generale di Papa Francesco, 12 maggio 2021. Segui ora la...

Udienza generale di Papa Francesco, 12 maggio 2021. LIVE TV dal Vaticano, dalle h. 09.15 Ritorna l'appuntamento del mercoledì con Papa Francesco, per la catechesi...