Home News Terra Sancta et Oriens Ban Ki-moon in Israele, mentre continuano violenze

Ban Ki-moon in Israele, mentre continuano violenze

Pubblicità

Ancora un morto in Israele: si tratta di un palestinese di 24 anni colpito dal fuoco israeliano a Beit Awa (Hebron, Cisgiordania) dopo che, secondo l’esercito, aveva pugnalato un militare israeliano.

Pubblicità

Ban-Ki-moon

Per ridurre la tensione, sempre più alta negli ultimi giorni, il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon,  è arrivato in Israele. Ieri aveva inviato un video messaggio. Il servizio di Fausta Speranza:

Pubblicità

Non-violence requires more courage and strength than violence. At this difficult time…

“La non violenza richiede più coraggio e forza della violenza”. Ban Ki-moon parla di momento difficile e nel video messaggio si appella direttamente alle due popolazioni: chiede che “si smetta di ipotecare il futuro dei due popoli e della regione”.

Let me be clear: violence will only undermine the legitimate Palestinian aspirations for statehood and the longing of Israelis for security…
“Sia chiaro – afferma  Ban Ki-moon – che la violenza potrà solo indebolire le aspirazioni dei palestinesi ad uno Stato riconosciuto e il desiderio di sicurezza degli israeliani”.  

La riflessione di Janiki Cingoli, direttore del Centro italiano per la pace in Medio Oriente:

R. – La disperazione è tanta tra i palestinesi, soprattutto tra i palestinesi più giovani che sono nati dopo il Trattato di Oslo, che sono la maggioranza ormai della popolazione palestinese. Quindi c’è il fallimento del processo diplomatico portato avanti in tutti questi anni e c’è da reinventarsi delle formule. Si parla di un’iniziativa internazionale. Da soli, israeliani e palestinesi, non ce la fanno a costruire la pace e in questa disperazione cresce la rabbia dei giovani.

D. – Agli israeliani Ban Ki-moon dice: “La sicurezza è lecita, ma ci sono altre soluzioni rispetto a check point e muri…”

R. – Sì, fa impressione vedere costruire una barriera di separazione dentro a quella Gerusalemme, che gli israeliani stessi dicono capitale unica e indivisibile d’Israele. C’è una contraddizione in termini, direi. Il problema reale è che il governo Netanyahu non ha un orizzonte di proposte di pace: si limita a gestire, a fare il management del conflitto e non ricerca la sua soluzione. Questo alla lunga non riesce ad assicurare la sicurezza. Se non si dà uno sbocco politico, non c’è sicurezza.

D. – Ban Ki-moon in queste ore incontra i leader da una parte e dall’altra. Che cosa aspettarsi in modo operativo da questi colloqui?

R. – Temo non molto, perché il problema reale è che se il Consiglio di Sicurezza dell’Onu non avanza delle “guidelines” di soluzione del conflitto, se non viene rimosso il veto agli Stati Uniti d’America, si potranno calmare le acque per qualche tempo, ma poi sarà necessario affrontare il problema alle sue radici. E questo, in questo momento, israeliani e palestinesi non riescono a farlo. Abu Mazen, il presidente palestinese Mahmoud Abbas, è di fatto fortemente indebolito da tutto ciò che sta succedendo. Gli israeliani non paiono andare in direzione di uno slancio diplomatico e, d’altra parte, l’esplodere dei problemi di sicurezza li fa rinserrare. E’ una situazione, quindi, che senza un intervento dall’esterno, pare difficilmente risolvibile.

D. – Tradizionalmente gli Stati Uniti hanno un ruolo, ma qui l’amministrazione Obama sta per chiudere il mandato, e aprendosi il periodo delle pre-elezioni è difficile immaginare interventi…

R. – Ma la situazione è anche peggiore. La questione reale è che Obama non crede più nella soluzione del conflitto. Il fatto che nel suo ultimo intervento all’Onu non abbia citato, neanche con una parola, il conflitto israelo-palestinese, ci dice fino a che punto gli Stati Uniti si sentano scottati dal fallimento dell’iniziativa Kerry. Quindi, loro certo cercheranno di trovare delle soluzioni per quietare un po’ le acque – e non è detto che ci riescano – ma si sono ritirati dalla gestione del conflitto. Spetterebbe, quindi, un ruolo maggiore all’Europa. Federica Mogherini, l’Alto rappresentante per la politica estera, dice di voler rilanciare l’iniziativa europea, ma questa stenta ad andare avanti per le divisioni interne all’Europa, e le iniziative francesi, a volte un po’ estemporanee, non sono in grado di colmare questo vuoto.

Ban Ki-moon, arrivato a sorpresa in Israele per colloqui con le massime autorità, incontrerà anche alcune vittime delle ultime violenze.




Redazione Papaboys (Fonte it.radiovaticana.va)

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,916FansLike
17,749FollowersFollow
9,747FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Coroncina alla Divina Misericordia

Recita la potente preghiera per invocare la Misericordia di Gesù. Oggi,...

Coroncina alla Divina Misericordia - 7 luglio 2020 Gesù è apparso a Santa Maria Faustina Kowalska, religiosa polacca (1905-1938), e le ha chiesto di far...