Home News Pax et Justitia Ban Ki-moon alla Radio Vaticana: all'Onu aspettiamo le parole del Papa

Ban Ki-moon alla Radio Vaticana: all’Onu aspettiamo le parole del Papa

Pubblicità

Ban Ki-moon alla Radio Vaticana: all'Onu aspettiamo le parole del PapaLa voce del Papa ci richiamerà ai valori morali. Sono le parole del segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon nell’intervista rilasciata alla Radio Vaticana in collaborazione con il quotidiano La Stampa, in prossimità del viaggio del Santo Padre negli Stati Uniti. Il 25 settembre Papa Francesco visiterà le Nazioni Unite e si rivolgerà all’Assemblea generale. Perché questa visita è così importante, e quali sono le sue aspettative in merito? Paolo Mastrolilli ha intervistato Ban Ki-moon:

Pubblicità

R. – We are looking forward with a great excitement to His Holiness Pope Francis’ visit to …
Aspettiamo con grande entusiasmo la visita di Sua Santità, Papa Francesco. Questo sarà il mio quarto incontro con il Papa, ma la sua prima visita alle Nazioni Unite. Nella storia delle relazioni tra le Nazioni Unite e il Vaticano, penso che questo sia il primo caso in cui un Papa faccia visita all’Assemblea generale visiti le Nazioni Unite durante i lavori dell’Assemblea generale. E’ un uomo umile con una grande umanità, è un uomo la cui voce ha una grande rilevanza morale. In particolare in questo mondo che sta sperimentando tanti conflitti, tanti profughi e migrazioni, tante violazioni dei diritti umani, il problema del cambiamento climatico, noi abbiamo veramente bisogno di una forte voce che richiami ai valori morali, come lo è quella del Papa. Questo evento vedrà riuniti oltre 150 tra capi di Stato e di governo del mondo: non ci si può immaginare un incontro di leader mondiali, compreso il Papa, più grande, più significativo, più importante di questo. Gli sono grato per la sua guida misericordiosa volta alla pace e in favore dell’umanità.

D. – Nel Mediterraneo è in corso una crisi dell’emigrazione. Recentemente, lei ne ha parlato con diversi leader europei. Pensa che l’Europa dovrebbe fare di più per accogliere i profughi?

Pubblicità

R. – I commend the leadership and global solidarity European leaders are showing, but at the same time…
Approvo l’iniziativa e la solidarietà globale che stanno dimostrando i capi di Stato e di governo europei, ma allo stesso tempo in considerazione della gravità e della proporzione di questa crisi, mi aspetterei naturalmente che i leader europei facessero di più. Le persone stanno fuggendo dalle guerre e dalle persecuzioni e per questo devono essere adeguatamente e velocemente protette. Questa è una sfida senza precedenti per il mondo intero, in particolare per l’Europa. Deve essere però notato che anche il continente europeo e i suoi abitanti hanno beneficiato di questo tipo di migrazione e ricerca della libertà e di migliori opportunità. Ora che queste europee costituiscono le più grandi e ricche economie del mondo, speriamo che mostrino la loro solidarietà globale e la loro guida misericordiosa, prendendosi cura anche di tutte queste situazioni umanitarie.

D. – Molti dei profughi vengono dalla Siria. Secondo Mosca, ora ci sono anche consulenti militari russi che operano sul campo. Lei vede in questo il rischio di un’ulteriore escalation militare in Siria?

Ban Ki-moon alla Radio Vaticana: all'Onu aspettiamo le parole del Papa



R. – There is no military solution. They have been fighting during the last four and a half years. …
Non esiste una soluzione militare. Stanno combattendo da oltre quattro anni e mezzo; sono morte oltre 250 mila persone, ci sono 4 milioni di profughi e 12 milioni di persone sono coinvolte direttamente in questa crisi. Io ho ripetutamente chiesto di risolvere questa situazione con un dialogo politico. Nel mese di giugno 2012 c’è stato un buon accordo, stipulato a Ginevra, sulla scia del quale ho cercato – attraverso il mio inviato speciale Staffan de Mistura – di instaurare gruppi di lavoro in ambito militare e della sicurezza, di tutela e protezione, di riconciliazione e sviluppo delle infrastrutture, in ambito politico e costituzionale. Quello fu un tentativo di allargare lo spazio politico nell’ambito del quale risolvere il conflitto. Io chiedo con forza ai membri permanenti del Consiglio di Sicurezza di riunirsi e di dimostrare la loro unità di intenti in questo momento difficile.

D. – Spesso i cristiani sono vittime di violenza in Medio Oriente e in diverse altre regioni. Le Nazioni Unite possono contribuire a fermare queste persecuzioni?

R. – There should be no such discrimination against anybody, …
Non dovrebbero esistere discriminazioni nei riguardi di nessuno, che siano basate sulla religione o sull’appartenenza etnica. E’ assolutamente inaccettabile perseguire e discriminare le persone in base alla loro convinzione religiosa, in base a chi tu ami o in chi tu credi … In particolare quando si tratta di migranti e di rifugiati, questi dovrebbero essere trattati con umanità e responsabilità, sotto la tutela della Convenzione internazionale dei rifugiati, il Diritto umanitario internazionale e i Diritti umani. Per questo, ancora una volta chiedo con urgenza ai leader europei che aprano i confini, che forniscano la necessaria assistenza umanitaria. Dobbiamo avere pietà nei riguardi di queste persone …

D. – L’Enciclica “Laudato si’” del Santo Padre riguarda la cura della nostra casa comune. La Conferenza degli Stati Uniti sul cambiamento climatico si terrà a Parigi alla fine di quest’anno, ma ancora lunedì il presidente francese Hollande ha messo in guardia davanti a un possibile fallimento dei colloqui, soprattutto se non si dovesse risolvere il problema del finanziamento alle nazioni emergenti. Cosa manca ancora per raggiungere un accordo globale, a Parigi, sui cambiamenti climatici?

R. – First of all, I am grateful to His Holiness Pope Francis for his Papal Encyclical which he announced …
Prima di tutto, devo dire che sono riconoscente a Papa Francesco per la sua enciclica, pubblicata a giugno. Quando sono stato ricevuto in udienza ad aprile, mi disse che si sarebbe impegnato fortemente a lavorare insieme alle Nazioni Unite per affrontare il problema e i fenomeni del cambiamento climatico. Disse che il fatto di non ridurre l’emissione di gas serra è “moralmente indifendibile”. Questo è l’unico posto in cui l’umanità può vivere, e le generazioni che seguiranno dovranno poter continuare a beneficiare di una vita in armonia con la natura. Ora, per quanto riguarda questi negoziati, sono preoccupato per la lentezza con cui procedono. Ecco perché comprendo quello che ha detto il presidente francese Hollande. Per quanto riguarda il sostegno finanziario, sono in stretta collaborazione con il presidente Hollande e con il cancelliere tedesco, la signora Angela Merkel, con il presidente del Perú, Humala; insieme collaboriamo strettamente con il presidente della Banca mondiale e con i vertici del Fondo monetario internazionale, e anche con il segretario generale dell’Uis, per presentare un impianto politicamente credibile per reperire 100 miliardi di dollari entro il 2020, e poi fornire ai Paesi in via di sviluppo 100 miliardi di dollari all’anno, in particolare a quei Paesi meno sviluppati e agli Stati insulari in via di sviluppo. Quei Paesi non sono storicamente responsabili dei fenomeni climatici e non hanno alcuna possibilità di provvedere a una mitigazione o a un adattamento di questa situazione. Spero che riusciremo a trovare questi denari e fornire assistenza finanziaria e tecnologica, in modo da poter trovare un accordo universale a Parigi, nel prossimo dicembre.

D. – La prossima Assemblea generale adotterà l’Agenda di sviluppo sostenibile post-2015. Quali saranno i punti chiave per affrontare i problemi della povertà e dell’ineguaglianza economica, e per mettere l’economia al servizio della gente, come Papa Francesco ha chiesto nella sua recente visita in Bolivia?

R. – Later this month, leaders of the world will come to the United Nations and will adopt …
Verso la fine del mese, i leader del mondo verranno alle Nazioni Unite e adotteranno l’Agenda per lo sviluppo sostenibile che comprende 17 obiettivi di sviluppo sostenibile. Questi obiettivi rappresentano una visione di cambiamento lungimirante e ad ampio spettro dei leader mondiali, per rendere questo mondo migliore per tutti, un mondo nel quale nessuno sarà lasciato indietro, in modo che tutte le persone che vivono sulla Terra possano farlo con dignità e in armonia con la natura, con il nostro pianeta Terra. Questo è l’unico luogo nel quale viviamo. Essa comprende tutti gli ambiti della nostra vita, con lo sradicamento della povertà. Tutto questo è incentrato sulla persona e rispettoso dell’ambiente. Dobbiamo imparare a vivere in armonia con il nostro pianeta Terra, con la nostra natura. Questo è l’intendimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Io mi aspetto che tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite riflettano su questi 17 obiettivi e li incorporino nelle loro politiche nazionali nel campo dell’economia, del sociale e dell’ambiente, e ne facciano leggi nazionali vincolanti, in modo che nel 2030 potremo vivere in un mondo di prosperità, benessere, eguaglianza e giustizia. Tutto questo prevede anche buon governo e società democratiche e pacifiche. Spero sinceramente che sulla base di questi obiettivi di sviluppo sostenibile, possiamo rendere questo mondo migliore per tutti, un mondo nel quale nessuno sarà lasciato indietro.

D. – Cosa pensa dell’accordo nucleare con l’Iran?

R. – I warmly welcomed this nuclear deal, done among P5+1 and Iran. …
Ho accolto molto favorevolmente questo accordo nucleare, siglato tra il P5+1 e l’Iran. Sono consapevole che in merito ci sono preoccupazioni e critiche. Ma per quanto ne sappia io, in quanto segretario generale delle Nazioni Unite e fondando anche sulla mia esperienza personale di negoziatore – quando ho trattato con la Corea del Nord di questioni nucleari – credo che questo sia un accordo molto migliore, meglio strutturato e molto più rigoroso che potrà trattenere l’Iran dall’acquisire armi nucleari per il futuro prevedibile. Perciò spero veramente che questo accordo sia ratificato da tutte le parti coinvolte; le Nazioni Unite sono pronte a garantire per l’implementazione di questo processo, monitorando e verificando per il tramite dell’Agenzia atomica internazionale. Anche questo sarà un contributo a portare pace e sicurezza in Medio Oriente e anche oltre.




A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,917FansLike
17,749FollowersFollow
9,747FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

scapolare-Madonna-del-Carmelo

Novena alla Madonna del Carmelo. Recita la potente supplica del 5°...

Novena alla Madonna del Carmelo. Recita la potente supplica del 5° giorno, 11 luglio 2020 La Regina del Monte Carmelo è la patrona dei carmelitani...