Home News Italiae et Ecclesia Bagnasco agli educatori dei giovani: allenarsi nella palestra della fede

Bagnasco agli educatori dei giovani: allenarsi nella palestra della fede

Pubblicità

Continua l’impegno dell’Arcivescovo di Genova a favore dei giovani. Sono tante le occasioni in cui l’alto prelato, incontra le realtà giovanili della diocesi. I ragazzi sentono la necessità di essere seguiti, amati, stimolati. Il compito della Chiesa, come più volte ha ribadito Papa Francesco è quello di sostenere la crescita umana e spirituale dei giovani. E’ necessario “uscire” dalle sagrestie per andare verso tutti con gioia. Lasciarsi contagiare dallo spirito del Risorto, è la condizione fondamentale per risplendere come testimoni di Cristo nel mondo contemporaneo. Dunque, allenarsi frequentando “la palestra della Confessione e dell’Eucarestia”, perché “allenare gli altri ci costringe ad allenare noi stessi”. È il monito che il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, ha lanciato ieri sera durante la veglia promossa nell’ambito del XIII convegno nazionale di pastorale giovanile, “Tra il porto e l’orizzonte – le direzioni della cura educativa nella comunità cristiana”, in corso nel capoluogo ligure. Rivolgendosi agli oltre 550 tra educatori e operatori di pastorale giovanile –riferisce l’agenzia Sir-, presenti in cattedrale, il cardinale li ha invitati a “non scoraggiarsi se non riusciamo a vedere Dio nelle cose più semplici, perché troppo presi da dolori e speranze infrante. Nessuno è solo. Ognuno deve pensare a se stesso non come sventura ma come dono di Dio”. Da qui l’esortazione a non cadere nella “lamentela, a non diventare polemici ringhiosi, a non incolpare gli altri” perché così facendo “tanta acqua buona viene sprecata. Ci affatichiamo e non concludiamo”. Per indicare ai giovani la strada di Gesù, ha spiegato l’arcivescovo di Genova, “bisogna vedere la strada dell‘invisibile, vedere la luce” e per questo è necessario alimentarsi presso “la locanda di Gesù” che è la Chiesa. “I giovani – ha concluso – possono essere distratti dallo scintillio, da mille rumori ma mantengono l‘istinto della luce e del bene. Aspettano qualcuno che li accompagni. Rassicurati dalla presenza del Signore, prendiamo allora il mare con passione e ardimento e sciogliamo le vele al vento dello spirito. Su quella barca c‘è Gesù”. a cura della Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,916FansLike
17,749FollowersFollow
9,750FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Conosci la potente preghiera di affidamento alla Madonna Miracolosa? Puoi recitarla...

La preghiera di affidamento alla Madonna Miracolosa... Conosci questa bellissima preghiera di affidamento a Maria Vergine? ECCO IL TESTO DELLA PREGHIERA: Madre mia, vergine santa affido a te...