Home News Res Publica et Societas Anna ha perso braccia e gambe per un tumore che non c'è....

Anna ha perso braccia e gambe per un tumore che non c’è. Bebe Vio le dona speranza!

L’incredibile storia di coraggio e forza di Anna; ha perso braccia e gambe per un tumore che non c’è mai stato. Ha incontrato Bebe Vio che le ha donato forza e speranza.

Anna Leonori

Anna Leonori, 46 anni, di Terni, è una donna forte. La sua malattia, caratterizzata da un calvario infinito legato ad un cancro che non c’era, non le ha tolto quel sorriso disarmante e la voglia di lottare per la vita.

LEGGI ANCHE: Bebe Vio: “Racconto l’amore che vince sulla disabilità”

Un calvario che inizia nel 2014, quando ad Anna arriva la terribile diagnosi: «I medici parlano di un tumore maligno del quarto grado, che richiede un intervento molto invasivo. Rifiuto la chemio e decido di rivolgermi altrove. Dopo nuovi accertamenti vengo operata a Roma, con l’asportazione di utero, ovaie, 40 linfonodi e della vescica, sostituita con una ortotopica. Aspetto l’esito dell’esame istologico e arriva la sorpresa. E’ tutto negativo, non c’è nulla, in tutte le parti asportate non c’è neppure l’ombra di quel cancro».

Anna torna a casa e ricomincia la sua vita. Grazie al suo ottimismo che sfida la realtà e che non l’abbandonerà mai. Iniziano però anche le infezioni, con la febbre e dolori sempre più acuti per via degli interventi subiti. Va avanti così per 4 anni, tra ricoveri e dimissioni, tra viaggi all’inferno e speranze. Fino al 7 ottobre 2017.

«Avevo dolori atroci, l’ambulanza mi portò in ospedale dove sono arrivata senza sensi. Dopo qualche ora ero in sala operatoria. Da lì un mese e mezzo di coma profondo, con zero possibilità di vita. Mia mamma, che non mi ha lasciato per un istante, per tre volte andò a prendere i vestiti. Per fortuna ce l’ho fatta a raccontarla».

Anna Leonori
Da Terni il trasferimento a Cesena e la cruda realtà di fronte alla necessità di amputare gambe e braccia. «Una lotta continua per vivere. Vinta contro ogni aspettativa». Anna vuole tornare a una vita normale e pensa di andare all’Inail per le pratiche per le protesi. «Ho saputo che a Terni c’era Bebe Vio per i campionati di scherma paralimpica e l’ho incontrata. E’ stata molto disponibile. Mi ha consigliato di andare a Butrio, dove ti seguono passo dopo passo e dove non sei un numero. Posso confermare che è tutto vero. Ora però ho bisogno dell’aiuto di tutti perché le cure sono molto costose e le ho dovute sospendere» dice Anna, con due figli di 9 e 13 anni da crescere.

Sul suo profilo facebook ha avviato la raccolta fondi per tornare alla vita grazie alle cure della clinica che ha restituito il sorriso alla schermitrice: «Racconto la mia storia nasce perché vorrei aiutare e trasmettere speranza a chi, come me, ha avuto esperienze simili. Coraggio e speranza che a me ha dato la straordinaria Bebe Vio».

Fonte www.ilmessaggero.it – Nicoletta Gigli

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,916FansLike
17,749FollowersFollow
9,750FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Maya Gargiulo

Maya è stata travolta da un’auto, muore a 15 anni. Stava...

Aveva compiuto 15 anni da qualche mese, il 28 maggio, Maya Gargiulo. Al suo profilo Facebook affidava i sogni e le piccole ingenuità di...