Home News Sancta Sedes Angelus: i santi, ultimi per il mondo ma primi per Dio. Appello...

Angelus: i santi, ultimi per il mondo ma primi per Dio. Appello per Gerusalemme

Angelus: i santi, ultimi per il mondo ma primi per Dio. Appello per GerusalemmeI santi sono persone semplici, ultimi per il mondo ma primi per Dio: è quanto ha detto Papa Francesco all’Angelus nella Festa di tutti i Santi. Nuovo appello per la Terra Santa. Decine di migliaia i pellegrini presenti in Piazza San Pietro in una splendida giornata di sole. Il servizio di Sergio Centofanti per la Radio Vaticana:

“I primi due giorni del mese di Novembre – ha detto il Papa – costituiscono per tutti noi un momento intenso di fede, di preghiera e di riflessione sulle ‘cose ultime’ della vita”. Oggi diamo lode a Dio per la schiera innumerevole dei santi e delle sante di tutti i tempi:

“Uomini e donne comuni, semplici, a volte ‘ultimi’ per il mondo, ma ‘primi’ per Dio”.

La solennità odierna – ha sottolineato – ci aiuta così a considerare una verità fondamentale della fede cristiana: la comunione dei santi. Si tratta di una unione spirituale “che non viene spezzata dalla morte, ma prosegue nell’altra vita”:

In particolare nell’Eucaristia – ha proseguito Papa Francesco – “noi incontriamo Gesù vivo e la sua forza, e attraverso di Lui entriamo in comunione con i nostri fratelli nella fede: quelli che vivono con noi qui in terra e quelli che ci hanno preceduto nell’altra vita, la vita senza fine”:

“Questa realtà ci colma di gioia: è bello avere tanti fratelli nella fede che camminano al nostro fianco, ci sostengono con il loro aiuto e insieme a noi percorrono la stessa strada verso il cielo. Ed è consolante sapere che ci sono altri fratelli che hanno già raggiunto il cielo, ci attendono e pregano per noi, affinché insieme possiamo contemplare in eterno il volto glorioso e misericordioso del Padre”.

Dio ci chiama ad essere santi come Egli è Santo – ha aggiunto il Papa – e “per chi vuole seguire Gesù sulla via del Vangelo”, Maria “è la guida sicura”, la “Madre premurosa ed attenta, a cui confidare ogni desiderio e difficoltà”. Lei, infatti, nella grande assemblea dei Santi ha il primo posto.

Dopo l’Angelus, osservando che la liturgia odierna parla della gloria della Gerusalemme celeste ha rivolto il suo pensiero alla Terra Santa:

“Vi invito a pregare perché la Città Santa, cara a ebrei, cristiani e musulmani, che in questi giorni è stata testimone di diverse tensioni, possa essere sempre più segno e anticipo della pace che Dio desidera per tutta la famiglia umana”.

Papa Francesco ha poi ricordato che oggi a Vitoria, in Spagna, viene proclamato Beato il martire Pietro Asúa Mendía, sacerdote basco, “umile e austero”, che “predicò il Vangelo con la santità di vita, la catechesi e la dedizione verso i poveri e i bisognosi” nei tempi difficili della guerra civile spagnola:

“Arrestato, torturato e ucciso per aver manifestato la sua volontà a rimanere fedele al Signore e alla Chiesa, rappresenta per tutti noi un mirabile esempio di fortezza nella fede e di testimonianza della carità”.

Ha salutato, quindi, i partecipanti alla “Corsa dei Santi” e alla “Marcia dei Santi”, promosse rispettivamente dalla Fondazione Don Bosco nel mondo e dall’Associazione Famiglia Piccola Chiesa. “Mi compiaccio per queste iniziative – ha detto – che uniscono lo sport, la testimonianza cristiana e l’impegno umanitario”.

Infine, il Papa ha ricordato che oggi pomeriggio si recherà al cimitero del Verano per celebrare la Santa Messa in suffragio dei defunti:
“Visitando il principale cimitero di Roma, mi unisco spiritualmente a quanti si recano in questi giorni presso le tombe dei loro morti nei cimiteri del mondo intero. A tutti auguro una buona festa dei Santi, nella gioia di far parte di questa grande famiglia dei Santi. Non dimenticate, per favore, di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci!”.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,049FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Olimpiadi 2021 senza Italia

Olimpiadi: l’Italia esclusa da Tokyo 2021? Atleti senza bandiera e inno....

Gli atleti italiani saranno senza bandiera alle Olimpiadi? La vicenda potrebbe incidere anche sulle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026 Gli atleti italiani alle Olimpiani di Tokyo...