Home News Familia et Mens Anche se sei nella disperazione totale, Santa Rita vuole salvarti ad ogni...

Anche se sei nella disperazione totale, Santa Rita vuole salvarti ad ogni costo. Prega con lei!

Santa Rita è una delle Sante più amate ed è oggetto di una straordinaria devozione popolare perché è molto amata dal popolo che la sente molto vicina per la “normalità” dell’esistenza quotidiana da Lei vissuta, prima come sposa e madre, poi come vedova e infine come monaca agostiniana. A Santa Rita la vita non le risparmiò nulla: giovanissima fu data in sposa ad un uomo iroso e brutale col quale ebbe due figli, tuttavia con il suo tenero amore e passione riuscì a trasformare il carattere del marito e a renderlo più docile. Il marito fu assassinato e nel giro di poco tempo anche i figli lo seguirono nella tomba. Ella però non si abbandonò al dolore, alla disperazione, al rancore o al desiderio della vendetta, anzi riuscì in modo eroico a sublimare il suo dolore attraverso il perdono degli assassini del marito. Si adoperò instancabilmente per riappacificare la famiglia del marito con gli assassini, interrompendo cosi la spirale di odio che si era creata. Entrò in convento e lì visse gli ultimi 40 anni di vita in assidua contemplazione, penitenza e preghiera, completamente dedita al Signore. 15 anni prima di morire, ricevette la singolare “spina” di quella piaga che le si stampò dolorosa sulla fronte, che incessantemente le procurò i terribili dolori e le sofferenze inaudite della coronazione di spine. Fra le tante stranezze o fatti strepitosi che accompagnano la vita dei santi, prima e dopo la morte, ce n’è uno in particolare che riguarda santa Rita da Cascia, una delle sante più venerate in Italia e nel mondo cattolico, ed è che essa è stata beatificata ben 180 anni dopo la sua morte e addirittura proclamata santa a 453 anni dalla morte. Quindi una santa che ha avuto un cammino ufficiale per la sua canonizzazione molto lento (si pensi che sant’Antonio di Padova fu proclamato santo un anno dopo la morte), ma nonostante ciò santa Rita è stata ed è una delle più venerate ed invocate figure della santità cattolica, per i prodigi operati e per la sua umanissima vicenda terrena. Rita ha il titolo di “santa dei casi impossibili”, cioè di quei casi clinici o di vita, per cui non ci sono più speranze e che con la sua intercessione, tante volte miracolosamente si sono risolti.opo una riappacificazione, avvenuta pubblicamente fra i fratelli del marito ed i suoi uccisori, essa venne accettata nel monastero. Secondo la tradizione, l’ingresso avvenne per un fatto miracoloso: si narra che una notte, Rita, come al solito, si era recata a pregare sullo “Scoglio” (specie di sperone di montagna che s’innalza per un centinaio di metri al di sopra del villaggio di Roccaporena) e che qui ebbe la visione dei suoi tre santi protettori sopra citati, i quali la trasportarono a Cascia, introducendola nel monastero; era l’anno 1407. Quando le suore la videro in orazione nel loro coro, nonostante tutte le porte chiuse, convinte dal prodigio e dal suo sorriso, l’accolsero fra loro. Quando avvenne ciò Rita era intorno ai trent’anni e benché fosse illetterata, fu ammessa fra le monache coriste, cioè quelle suore che sapendo leggere potevano recitare l’Ufficio divino, ma evidentemente per Rita fu fatta un’eccezione, sostituendo l’ufficio divino con altre orazioni.

La nuova suora s’inserì nella comunità conducendo una vita di esemplare santità, praticando carità e pietà e tante penitenze, che in breve suscitò l’ammirazione delle consorelle. Devotissima alla Passione di Cristo, desiderò di condividerne i dolori e questo costituì il tema principale delle sue meditazioni e preghiere. Gesù l’esaudì e un giorno nel 1432, mentre era in contemplazione davanti al Crocifisso, sentì una spina della corona del Cristo conficcarsi nella fronte, producendole una profonda piaga, che poi divenne purulenta e putrescente, costringendola ad una continua segregazione. La ferita scomparve soltanto in occasione di un suo pellegrinaggio a Roma, fatto per perorare la causa di canonizzazione di s. Nicola da Tolentino, sospesa dal secolo precedente; ciò le permise di circolare fra la gente. Si era talmente immedesimata nella Croce, che visse nella sofferenza gli ultimi quindici anni, logorata dalle fatiche, dalle sofferenze, ma anche dai digiuni e dall’uso dei flagelli, che erano tanti e di varie specie; negli ultimi quattro anni si cibava così poco, che forse la Comunione eucaristica era il suo unico sostentamento e fu costretta a restare coricata sul suo giaciglio. E in questa fase finale della sua vita avvenne un altro prodigio: essendo immobile a letto, ricevé la visita di una parente la quale, nel congedarsi, le chiese se desiderava qualcosa della sua casa di Roccaporena; Rita rispose che le sarebbe piaciuto avere una rosa dall’orto; la parente obiettò che si era in pieno inverno e quindi ciò non era possibile. Ma Rita insistè. Tornata a Roccaporena, la parente si recò nell’orticello e, in mezzo ad un rosaio, vide una bella rosa sbocciata. Stupita, la colse e la portò da Rita a Cascia la quale, ringraziando, la consegnò alle meravigliate consorelle. Così la santa vedova, madre, suora, divenne la santa della ‘Spina’ e la santa della ‘Rosa’; nel giorno della sua festa questi fiori vengono benedetti e distribuiti ai fedeli. Il 22 maggio 1447 (o 1457, come viene spesso ritenuto) Rita si spense, mentre le campane da sole suonavano a festa, annunciando la sua ‘nascita’ al cielo. Si narra che il giorno dei funerali, quando ormai si era sparsa la voce dei miracoli attorno al suo corpo, comparvero delle api nere, che si annidarono nelle mura del convento e ancora oggi sono lì: sono api che non hanno un alveare, non fanno miele e da cinque secoli si riproducono fra quelle mura. Per singolare privilegio il suo corpo non fu mai sepolto, in qualche modo trattato secondo le tecniche di allora, fu deposto in una cassa di cipresso, poi andata persa in un successivo incendio, mentre il corpo miracolosamente ne uscì indenne e riposto in un artistico sarcofago ligneo, opera di Cesco Barbari, un falegname di Cascia, devoto risanato per intercessione della santa.

Sul sarcofago sono vari dipinti di Antonio da Norcia (1457), sul coperchio è dipinta la santa in abito agostiniano, stesa nel sonno della morte su un drappo stellato; il sarcofago è oggi conservato nella nuova basilica costruita nel 1937-1947; anche il corpo riposa incorrotto in un’urna trasparente, esposto alla venerazione degli innumerevoli fedeli, nella cappella della santa nella Basilica-Santuario di santa Rita a Cascia. Accanto al cuscino è dipinta una lunga iscrizione metrica che accenna alla vita della “Gemma dell’Umbria”, al suo amore per la Croce e agli altri episodi della sua vita di monaca santa; l’epitaffio è in antico umbro ed è di grande interesse quindi per conoscere il profilo spirituale di santa Rita. Bisogna dire che il corpo rimasto prodigiosamente incorrotto e a differenza di quello di altri santi, non si è incartapecorito, appare come una persona morta da poco e non presenta sulla fronte la famosa piaga della spina, che si rimarginò inspiegabilmente dopo la morte. Tutto ciò è documentato dalle relazioni mediche effettuate durante il processo per la beatificazione, avvenuta nel 1627 con papa Urbano VIII; il culto proseguì ininterrotto per la santa chiamata “la Rosa di Roccaporena”; il 24 maggio 1900 papa Leone XIII la canonizzò solennemente. Al suo nome vennero intitolate tante iniziative assistenziali, monasteri, chiese in tutto il mondo; è sorta anche una pia unione denominata “Opera di santa Rita” preposta al culto della santa, alla sua conoscenza, ai continui pellegrinaggi e fra le tante sue realizzazioni effettuate, la cappella della sua casa, la cappella del “Sacro Scoglio” dove pregava, il santuario di Roccaporena, l’Orfanotrofio, la Casa del Pellegrino. Il cuore del culto comunque resta il Santuario ed il monastero di Cascia, che con Assisi, Norcia, Cortona, costituiscono le culle della grande santità umbra. a cura di Ornella Felici

Preghiera a Santa Rita per i casi impossibili e disperati

“O cara Santa Rita, nostra Patrona anche nei casi impossibili e Avvocata nei casi disperati, fate che Dio mi liberi dalla mia presente afflizione……., e allontani l’ansietà, che preme così forte sopra il mio cuore. Per l’angoscia, che voi sperimentaste in tante simili occasioni, abbiate compassione della mia persona a voi devota, che confidentemente domanda il vostro intervento presso il Divin Cuore del nostro Gesù Crocifisso. O cara Santa Rita, guidate le mie intenzioni in queste mie umili preghiere e ferventi desideri. Emendando la mia passata vita peccatrice e ottenendo il perdono di tutti i miei peccati, ho la dolce speranza di godere un giorno Dio in paradiso insieme con voi per tutta l’eternità. Così sia. Santa Rita, Patrona dei casi disperati, pregate per noi. Santa Rita, Avvocata dei casi impossibili, intercedete per noi (3 Pater, Ave e Gloria). Amen”.

Preghiera a Santa Rita, modello di vita

“Santa Rita da Cascia, modello delle spose, delle mamme di famiglia e delle religiose, io ricorro alla tua intercessione nei momenti più difficili della mia vita. Tu sai che spesso la tristezza mi opprime, perché non so trovare la via d’uscita in tante situazioni dolorose.Ottienimi dal Signore le grazie di cui ho bisogno, specialmente la serena fiducia in Dio e la calma interiore. Fa’ che io imiti la tua dolce mitezza, la tua forza nelle prove e la tua eroica carità e chiedi al Signore che le mie sofferenze possano giovare a tutti i miei cari e che tutti possano essere salvi per l’eternità”

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

39 COMMENTI

  1. Santa Rita protettrice dei casi impossibili,mi rivolgo a te con la speranza e la fiducia di essere ascoltata.tu conosci le mie pene.fa che lui sia un uomo sincero.portalo a me fammelo incontrare dammi qsta possibilità ne ho bisogno per capire.tu sei stata donna e madre puoi capirmi.ascolta le mie preghiere ti supplico.

  2. Bongiorno cariim mio sorelle e fratelli per e e pe a mio maa santa ea nosto cuore speto chi loro dcidera conducerea monastira santa Rita di Cascia si decda a fare una Mostire in mio io paese e mio Cita , mio numero di telefon+39-328027987 iseussa(Hseussa-Martha) Romania-Hugaria-5km

  3. preg0 per la SAN.A che mi illumini mia figlia e me per la ns lunga 0dissea familiare che il d0l0re che mi assale 0gni gi0rn0 vada via salvami guardami sana le mie ferie amen

  4. Cara santa Rita di cascia,ti prego intercedi per me sto soffrendo troppo, il mio ex fidanzato mi ha lasciato per altra,io lo amo lo stesso,aiutami tu prega con il signore Gesù Cristo.aiutami, voglio guarire, grazie sia lodata AMEN

  5. Cara santa rita tu sai cosa ho sofferto..il Signore vuole continuare a mettermi alla prova…io sono vostra umile serva…sono nelle Vs mani….ti chiedo solo un po’serenità..e se puoi cancella questi pensieri negativi dalla mia testa….domani vorrei respirare la pace già dalle prime ore del nattino..soprattutto nella mia casa..fa che siamo uniti e che si instauri un clima sereno….non chiedo niente di più….amen

  6. Cara Santa Rita da Cascia intercedi per me e la mia famiglia. Aiutaci a superare le terribili difficoltà che stiamo vivendo e allontana da noi il male delle persone che ci stanno vicino. Ti supplico donaci un pò di serenità perché siamo troppo afflitti e non ne possiamo più di tutta questa sofferenza! Con il cuore ti prego e ti supplico aiutaci! Amen

  7. Doamne , nu ne parasi , numai tu ne poti ajuta ,ai mila de copiii si de nepotii mei ,ocroteste-i ,da-le liniste si pace sufleteasca ,reusita in tot ce fac ,amin !

  8. Tu esti avocata cazurilor disperate ,ajuta-ma ,sa-mi recastig linistea sufleteasca ,ocroteste-mi familia , fa din imposibil fa sa fie posibil ,spre binele nostru amin !

  9. Cara Santa Rita con enorme gioia sono venuta a trovarti per la prima volta sono anni che ho un dialogo con te un miracolo me lo facesti già allora Ti prego dammi la forza il tuo esempio di grande santa donna sposa madre e vedova mi è di insegnamento a perseverare nell’amore di Cristo verso il prossimo a perdonare a stare nel silenzio a nn creare discordie cn nessuno Esaudisci il mio desiderio ed io divulgherò il tuo culto anche a quelli più increduli ed indifferenti Ti amo o grande santa dei casi impossibili

  10. S . Rita ti prego aiuta mia figlia martedì che gli vada tutto bene. Ti è stata affidata quando è nata ti supplico non abbandonarla, perdonami e perdona anche lei se abbiamo peccato e perso la fede. Aiutala e aiutaci ti scongiuro ascoltami.

  11. S.Rita intercedi per mia madre affinché possa sconfiggere il male con cui ormai convive da mesi e che la sta facendo soffrire

  12. S.Rita, tu che risolvi i casi disperati, intercedi per noi e fa che al mio piccolo Francesco Paolo possa sparire la malattia che lo accompagna. Lui gia’ e’ stato a farti visita, prima che scoprissimo la sua malattia per ringraziarti della sua nascita ed è nostra intenzione tormare da Te. Ave, Pater, Gloria….

  13. Santa Rita io ti prego aiuta Filippo a guarire dalla malattia incurabile di cui soffre. Tu avvocate delle cause impossibili prega per lui e compi il miracolo che ti chiedo

  14. Ti supplico Santa Rita fa che la mia mamma stia bene deve operarsi alla colicisti ma il suo problema è che la mia mamma è cirrotica ti prego fa che vada tutto bene e fa che la mia mamma torni a casa sana e salva. Ti prego ho sempre tanto bisogno della mia mamma fammela stare bene. E se puoi fa che possa trovareu compagno che mi voglia bene e con il quale possa formare una famiglia. Ma ti supplico fa che la mia mamma stia bene e che viva a a lungo abbiamo tantissimo bisogno della nostra mamma. Grazie per avermi salvato tantissime volte da brutte situazioni grazie di tutto infinitamente a Te a Sant’Antonio a Padre Pio a Gesù Bambino a Gesù diventato uomo alla Madonnina a Santa Teresa del Bambino Gesù del Volto Santo grazie a Tutto Voi in Cielo. Giovanna

  15. Cara Santa Rita, tu che sei stata donna e moglie puoi capirmi. So di aver commesso un gravissimo peccato, so di non essermi comportata bene e sai che questa condotta sbagliata mi sta logorando. Fa’ che io viva con tranquillità questa situazione e che ottenga la pace…aiutami a sostenere questo peso. Ti prego, fa’ in modo che non ci lasciamo con rancore, ma che almeno possiamo spiegarci tutto. Io vorrei che lii si decidesse per sempre a ritornare da me. Santa Rita,Patrona dei casi impossibili, aiutami in questa situazione e intercedi per la miracolosa guarigione di mio fratello in corpo e anima. Amen

  16. Vergine di Santa Rita ti prego con tutto il cuore tu che sei mamma di proteggere i miei figli. Allontana ogni male dalla mia famiglia e dammi la serenità che tanto cerco. Ti supplico di cuore, Amen

  17. santa rita mia fammi grazia anche stavolta fa che mio marito trovi lavoro a palermo proteggi la mia famiglia e i miei figli da tutto e tutti e donaci la salute e la serenita’ Amen

  18. Cara Santa Rita tu che vedi tutto sai quanta sofferenza c’è in me ti prego fammi guarire e ti chiedo di mettere sulla mia strada un uomo mi faccia felice tu che sei la Santa dei casi impossibili…Grazie lode a te

  19. Santa Rita ti supplico di aiutarmi in questo difficile momento della mia vita.Prega per Antonio affinché non abbandoni questa famiglia.Verrò presto a farti visita e te ne sarò per sempre grata.Angela e Antonio sposi da 20 anni.

  20. Santa Rita, mi rivolgo a te che sei la santa delle cause impossibili per chiedere la grazia di poter trovare un nuovo amore, un amore sincero e tutto per me. L’uomo della vita con il quale poter formare una famiglia. Non ti chiedo di riportare a me il mio grande amore perché so che lui adesso è felice con un’altra con la donna che Dio ha voluto accanto a lui. Ma ri prego fa che Dio non mi lasci da sola e non mi permetta di esaudire il mio grande sogno: avere una famiglia. Grazie Santa Rita, fa che non perda mai la speranza in Dio nonostante tutto.

  21. Santa Rita fammi uscire dalla catastrofe in cui sono.Fammi trovare presto la persona giusta per me.Dammi forza speranza serenità .basta dolore.Ascolta le mie preghiere.Non farmi sprofondare nella disperazione.fa che ci sia ancora vita per me.Ancora gioia.Perdona i miei peccati.

  22. Mia dolce Santa so che mi aiuterai. Porta al Signore le mie suppliche per fa si che scenda lo Spirito Santo su di noi. Aiuta anche la mia amica che tanto soffre. Grazie non smetterò mai di pregati. Fa che possa venire da te a ringraziarti. Grazie Amen.

  23. Santa RITA tu conosci le mie angosce e le mie colpe. Ti supplico aiuta chi non ha colpa di quello che è successo. Ridai una famiglia alla piccola Mariarita. Fa che un giorno possa venire a ringraziarti. So di aver sbagliato ma sono sicura che il demonio di si è impossesSato di me. AIUTA MARIARITA.

  24. CARA SANTA RITA , MIA PROTETTRICE . IO CONFIDO IN TE . HO PIENA FIDUCIA IN TE . SOLO TU PUOI OTTENERMI QUESTA GRAZIA IMPOSSIBILE . SPERO IN UN TUO MIRACOLO . SANTA RITA , CON IL TUO AMORE , AIUTAMI NELLA GRAZIA CHE OGNI GIORNO TI CHIEDO, AIUTAMI AD ESAUDIRLA . ALLONTANA FRANCESCO DA TUTTE LE TENTAZIONI DELLE VITA , FA CHE POSSIAMO RECUPERARE IL NOSTRO AMORE . TI PREGO . NON MI ABBANDONARE .

  25. Aiutami ti prego. Chiedi al Signore di perdonarmi e se può aiutarmi in tutto quello che sto soffrendo. Ho tanta fiducia in te mia dolce Santa.

  26. Santa Rita Madonnina nostra dei casi impossibili e nostra Avvocata nei casi più disperati. Ti supplico per mezzo del buon Dio e di Gesù Misericordioso di accogliermi in preghiera e di esaudire queste parole. Mi inginocchia dinanzi a te implorandoti pietà dei miei sbagli, e supplicandoti con tutte le miei forze di proteggere i miei figli e il mio matrimonio. Abbi cura di aiutare me e mio marito ad essere due bravi genitori e aldilà delle nostre imperfezioni aiutaci ad essere sempre uniti fino all’ultimo respiro della mia vita. Ti supplico Madonnina mia non permettere che nessuna invidia, nessuna cattiveria, possa insediarsi nel mio matrimonio. Proteggici come solo una madre amorevole può fare con i propri figli, permettendoci di meritare il tuo ascolto. Tu, che tutto puoi esaudire, ascolta ed asaudisci quello che il mio cuore ti implora. Aiutami a purificare il mio cuore, liberami dal male, e perdonai nostri sbagli. Rendimi una persona buona e ascolta queste poche parole se pur distratte e disastrate provenienti dal profondo del mio cuore. Santa Rita pietà! Dio ti prego, pietà! La pace sia con noi e con il nostro Spirito! Amen! ❤❤❤❤❤❤❤❤

  27. Santa Rita…ti prego aiutami. La mia vita è finita il 24 APRILE 2012…ti prego fa che torna, sennò donami la grazia delle morte, sarà meno amara di quelle scene

  28. Cara Santa Rita….. ti prego non abbandonarci, sono stanca da due mesi sono con questi dolori atroci alle gambe aiutami non ne posso più.
    Aiuta i miei figli la ragazza deve sostenere il concorso è disperata , sono certa che tu andrai in suo aiuto, il ragazzo deve sostenere l’esame di stato ed all’estremo delle forze , Rita ti prego aiutaci un bacio

  29. Santa Rita credo in te,confido in te e spero alla grazie,tu vedi tutto il male che mi fanno,allontana da me tutte le persone negative,riempimi di tutto il bene che posso godere,aiuto e continuero a far stare bene chi ne ha bisogno…Santa Rita io ti adoro…amen

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,925FansLike
17,749FollowersFollow
9,725FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

tredicina.antonio.ok

Recitiamo la Tredicina a Sant’Antonio, 5 giugno 2020. E’ il 6°...

Tredicina a Sant’Antonio da Padova – 6° Giorno Ogni giorno recitate un’invocazione diversa, oggi recita: O caro Santo, che intercedi affinché tanti malati ritrovino la salute,...