Home News Res Publica et Societas Anche il premier Conte se ne rende conto (era l'ora): "Ammorbidire le...

Anche il premier Conte se ne rende conto (era l’ora): “Ammorbidire le regole Ue o faremo senza l’Europa”

“Io chiedo un ammorbidimento delle regole di bilancio. Altrimenti dobbiamo fare senza l’Europa e ognuno fa per sé“. Lo ha detto Giuseppe Conte in un’intervista al quotidiano tedesco Bild. Il presidente del Consiglio, che ha avuto un incontro con i ministri Di Maio e Gualtieri, ha sollecitato l’Ue sulla velocità di reazione: “Non dobbiamo alla fine starcene con le mani incrociate: operazione riuscita, ma il paziente Europa è morto“.

“Non dobbiamo perdere competitività”“Non dobbiamo arretrare rispetto a Cina e Stati Uniti che mettono al momento a disposizione il 13% del loro Pil”, ha sottolineato il premier. Per poi tornare sulla questione Eurobond: “Per non perdere competitività ne abbiamo bisogno”.

L’emergenza coronavirus Sul versante della gestione dell’emergenza coronavirus, Conte ha osservato come “l’Italia stia maturando una grande esperienza” e come, se si riuscisse a uscire dalla fase critica, sia disponibile “ad aiutare anche altri Paesi”. Quello italiano è un sistema sanitario “molto efficiente ed articolato, ma è chiaro che un’emergenza così concentrata lo ha messo a dura prova. Stiamo creando 68 ospedali Covid dedicati per evitare così che anche il personale medico possa essere esposto al pericolo”.

“Presto l’Italia sarà sicura per i turisti”In Italia “ci affacciamo alla Fase 2: significa regolamentare in modo assolutamente diverso la nostra vita sociale ed economica, convivere con il virus, consapevoli che un vaccino non arriverà prima di un certo numero di mesi”, ha affermato ancora Giuseppe Conte. “Io – ha proseguito – non vedo l’ora di poter ricevere i turisti tedeschi ed europei. Sono i benvenuti e confido che per come stiamo agendo presto l’Italia diventerà il posto più sicuro in cui spostarsi. Ma è necessario che tutti i Paesi adottino misure altrettanto rigorose”.

Vertici di governo per le nuove misure Oltre ai ministri Di Maio e Gualtieri, il presidente del Consiglio Giuseppe ha incontrato anche i capi delegazione dei partiti al governo. Sul tavolo, tra le altre cose, la messa a punto del nuovo Dpcm che dovrà essere firmato nei prossimi giorni. Le misure di contenimento del coronavirus, infatti, scadono il 13 aprile e l’esecutivo dovrà prorogarle o modificarle. Al momento l’idea è quella di un’ulteriore proroga per due settimane, magari con qualche leggera modifica alle restrizioni in vigore.

FONTE: TGCOM24 

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,925FansLike
17,720FollowersFollow
9,713FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Novena allo Spirito Santo

Recita ora la potente preghiera allo Spirito Santo di Dio. Novena...

Novena allo Spirito Santo - 28 Maggio 2020 6 giorno: Il dono dell’intelligenza PREGHIERA O Spirito Santo, Amore del Padre e del Figlio, ispirami sempre ciò che...