Amore per sempre. La voce dei fidanzati dal Papa

tn.papafidanzatiCITTA’ DEL VATICANO – Niente mazzi di fiori, scatole di cioccolatini e palloncini a cuore, qui. Piazza san Pietro è punteggiata di bianco, i cuscini di raso porta anelli con lo stemma del Papa distribuiti a tutte le coppie. È un San Valentino diverso, questo che Francesco ha voluto per i 28 mila fidanzati arrivati ad ascoltare una parola di fede che li guidi nell’avventura dell’amore “per sempre”. Perché sposarsi e promettere di amarsi per tutta la vita è una scelta fuori moda e controcorrente.

Questi giovani ne sono coscienti. Sono ragazzi seri, ma gioiosi. «È vero, oggi tante famiglie si sfasciano», dicono Alfonso, 27 anni, e Valentina, 26, di Napoli, che si sposano il 19 luglio: «Ma volevamo esserci, per avere un incoraggiamento a vivere il nostro amore in un progetto di famiglia».

Gioiosi e fiduciosi. Come Antonella e Francesco di San Giovanni Gémini (Ag), lei 27 anni e disoccupata, lui 29 e insegnante di religione precario, emigrato in Toscana. «San Valentino non l’abbiamo mai festeggiato, è una festa consumistica. Ma oggi è diverso. Abbiamo dovuto fare fatto il corso prematrimoniale separatamente e volevamo un momento significativo insieme. Ci sposiamo il 13 settembre. Incoscienti? No, perché ci affidiamo alla Provvidenza».

«Questo papa ci ha fatto avvicinare alla fede», spiegano Lucia e Tommaso di Somma Vesuviana (Na), 31 anni lei, avvocato, 32 lui, commerciante, matrimonio il 3 luglio. «Il “per sempre” è un impegno notevole, per questo confidiamo che Francesco ci aiuti a superare i momenti difficili. Questo è un Papa che non parla della religione come di una cosa eterea, ma la applica al quotidiano». «”Per sempre” può far paura finché non trovi la persona giusta, poi diventa una sicurezza. Tra tanta precarietà, che almeno l’amore sia a tempo indeterminato!», dicono Francesco e Vivian, trentenni di Vittoria (Rg), che reggono uno striscione con scritto «S’abbirinica, papa Ciccio» e la data del sì: 3 giugno. «È il saluto tradizionale, si benedica».

Matteo e Annabelle, 29 e 27, sono di Milano, lui lavora in una società di servizi, lei impiegata: «Ci sposiamo entro l’anno, viviamo assieme da un mese ma vogliamo fare questa cosa controcorrente. Oggi tanti si sposano senza riflettere, le separazioni sono all’ordine del giorno. La nostra forza è la consapevolezza delle difficoltà. Con l’aiuto del Papa vogliamo crescere nella fede per riuscire ad amarci per sempre, tra noi e con i figli che arriveranno».

La maggior parte delle coppie arriva dall’Italia, ma ci saranno anche coppie africane, statunitense, asiatiche. Chi l’avrebbe mai detto in un’epoca di sentimenti liquidi e di valori in discesa? Considerando soprattutto che il titolo scelto per l’incontro è “La gioia del sì per sempre”. Neppure l’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio consiglio per la famiglia, malgrado il suo inguaribile ottimismo, si immaginava una partecipazione simile. «Anche perché – osserva – si tratta di fidanzati che, per la maggior parte, si sposeranno entro l’anno dopo aver seguito un corso di preparazione al matrimonio. Al Papa chiederanno di benedire il loro amore».

La domande al Papa riguarderanno la difficoltà del “per sempre” nella nostra società a tempo determinato. «Dai ragazzi – prosegue Paglia in una intyervista ad Avvenire – arriva una domanda implicita ma potente di aiuto e di compagnia. Il grande rischio oggi è la solitudine delle coppie che si sposano e che rischiano di trovare, anche nelle loro comunità, poco tessuto cristiano». Matrimonio quindi non solo come esito naturale di una storia d’amore, ma sempre più come gesto coraggioso e controcorrente. «Sposarsi in chiesa in un contesto sociale dove questa scelta è sempre meno compresa – riprende il presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia – significa che per questi giovani l’amore è una cosa seria. Una cosa che, come loro desiderano e apertamente dichiarano, deve durare per sempre. Coraggioso da parte loro. Incoraggiante per tutti noi, per la società e per la Chiesa».

Luca Liverani
www.annenire.it

 

Luca Liverani

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome