Affondano due barconi diretti in Grecia: tra vittime, bambini e donne

Le acque del Mediterraneo sono state teatro in queste ore di nuove tragedie. In due distinti naufragi di barconi che tentavano di arrivare in Grecia sono morti almeno 16 migranti. Ungheria, Croazia e Slovenia hanno intanto adottato ulteriori misure per arginare i flussi. 

Barconi

Un’imbarcazione è naufragata nel disperato tentativo di raggiungere l’isola di Lesbo. Almeno 12 migranti sono morti e altri 25 sono stati tratti in salvo. Quattro persone, tre bambini e una ragazza, hanno invece perso la vita al largo dell’isola di Kalymnos. Se la Grecia è al collasso, il resto dell’Europa orientale adotta nuove misure contenitive. Da stanotte l’Ungheria ha chiuso i confini con la Croazia e ha intenzione di costruire una barriera pure alla frontiera con la Romania, dopo aver già eretto in estate un muro di filo spinato lungo i 175 chilometri di confine con la Serbia. Zagabria ha iniziato ad inviare i profughi in pullman verso la Slovenia. Lubiana ha bloccato le linee ferroviarie con l’Unione europea e la Croazia e il premier Miro Cerar ha annunciato che l’esercito affiancherà la polizia nel controllo delle linee di demarcazione. La Marina Militare e la Guardia Costiera italiane hanno intanto soccorso al largo della Libia sei gommoni con a bordo oltre 600 migranti. In Svezia, a Kanna, una scuola in disuso, ma appena restaurata per accogliere 80 rifugiati, è stata distrutta da un incendio doloso.

Il servizio è di Giada Aquilino (Fonte it.radiovaticana.va)

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

1 COMMENTO

  1. E’ un problema che non si vuole risolvere, intanto sul posto, da dove provengono,non si può proprio fare niente???? Per il tragitto è così assurdo mettere a disposizione dei traghetti normali, senza aspettare che inevitabilmente qualcuno muoia. E’ assurdo ascoltare le notizie che si susseguono di quanti morti ieri, l’altro ieri, oggi e per forza anche domani, Siamo tutti responsabili!!!!! Ma non possiamo proprio fare niente????? Dovrebbe essere il primo problema da risolvere prima almeno dei 3.000 euro in contanti!!!!!!!!Bisognerebbe che tutto il mondo si fermasse unito, perché sono persone, fratelli!!!!!!

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome