In 10 Paesi del mondo è purtroppo presente una ‘persecuzione estrema’ contro i cristiani

Dalla Cina all’India, dall’Eritrea all’Arabia Saudita: sono in continuo aumento le persecuzioni contro i cristiani nel mondo. Il 2015 è stato l’anno nero, con un aumento del 63% dei cristiani uccisi e più del doppio del numero di chiese attaccate rispetto all’anno precedente. L’uccisione di padre Jacques Hamel, ieri in Normandia, però, è la prima di un religioso in Europa e all’interno di una chiesa.

EPA1648125_Articolo

Roberta Barbi ne ha parlato con Alessandro Monteduro, direttore della sezione italiana di Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs), Fondazione di Diritto Pontificio da 70 anni accanto ai cristiani perseguitati:

R. – Per la prima volta, per quanto ci riguarda, siamo di fronte a un chiaro attacco alla libertà religiosa e un altrettanto chiaro esempio di odio anticristiano. Non dobbiamo e non possiamo, tuttavia, indignarci soltanto nelle occasioni in cui i crimini si rivelano particolarmente efferati. In Europa, nel 2015, sono stati oltre 150 i casi di cappelle e chiese profanate, di scritte blasfeme e oltraggi di ogni tipo – appunto – a simboli della cristianità. Non ci dobbiamo stupire se da quegli oltraggi il passo successivo, poi, si concretizza nella brutalità di ciò che è avvenuto. Non ci dobbiamo stupire, perché in Medio Oriente è accaduto esattamente questo.
D. – Acs ha ricordato che negli ultimi anni un numero crescente di simboli cristiani è stato attaccato e profanato in Francia. Quello che è accaduto è segno della scristianizzazione dilagante in Europa?
R. – Questa è la questione centrale: come rispondere alla brutalità, come rispondere al fanatismo? Non c’è ovviamente una sola risposta. Certamente c’è la risposta del confronto, quella che viene da tutti definita la via del dialogo. Ma non si può essere autorevoli nel dialogo se tutta l’Europa – la comunità internazionale in primis – non riscopre con orgoglio l’identità e la radice da cui effettivamente l’Europa promana: la radice cristiana. In Francia, forse, paghiamo anche un problema di legislazioni sempre più votate alla restrizione della libertà religiosa.
D. – Mettendo insieme diversi dati, i cristiani perseguitati nel mondo risultano essere 200 milioni – 20 quelli uccisi ogni giorno – e quest’anno è salito a 10 il numero dei Paesi di “estrema persecuzione”. Come mai? Dialogo e interazione hanno fallito?
R. – Il dialogo per essere efficace, deve avere alla base una forza identitaria che non tutta la comunità cristiana probabilmente sente, avverte e indossa fino in fondo. Negli ultimi due anni, effettivamente, il grado di persecuzione ai danni della realtà, del mondo cristiano è aumentato. Erano sei, prima del 2013, i Paesi nei quali la persecuzione veniva classificata come “estrema”: le ben note e famigerate Cina, Iran, Arabia Saudita, Pakistan, Eritrea e Corea del Nord; negli ultimi due anni si sono aggiunti Iraq e Siria, ma anche la Nigeria e il Sudan. Hanno tutte – queste realtà – un’unica connotazione: sono tutte segnate dall’ascesa dell’estremismo islamico.

siria-islam-crocifissione-raqqa-cristiani

D. – Tra le cause di questo odio c’è il nazionalismo religioso – come nel caso dell’India – ma soprattutto l’ascesa dell’estremismo islamico. La domanda che si fanno molti osservatori è questa: tra dieci anni ci sarà ancora spazio per i cristiani in Medio Oriente, antica terra di provenienza?
R. – No, non ci sarà spazio. Basterebbe fare un mero calcolo e proiettare da qui a cinque anni – non dieci anni – quella che è la realtà dei cristiani in Iraq. Nel 2000 erano 1 milione e 300 mila; oggi sono meno di 300 mila. Lasciano quella nazione tra i 60 e i 100 mila cristiani ogni anno. Proiettiamo quei 300 mila rimasti nel prossimo quinquennio e la risposta è: no, non ci sarà più alcun cristiano in Iraq fra cinque anni, se la comunità internazionale tutta non decide finalmente, fino in fondo, di affrontare il problema.
D. – Cosa si può fare di concreto per difendere la nostra fede?
R. – Difendere la nostra fede significa andarne orgogliosi, significa rivendicarla, significa riscoprire effettivamente le nostre origini, le nostre radici. Non avere un impianto o un’impostazione bellica, ma significa riscoprire la bellezza dell’essere cristiano, del nostro essere cattolici. Forse, con un trasporto di questo tipo, un approccio di questo tipo, il dialogo con le altre religioni potrà avere uno sviluppo e una prospettiva futura di pace.

Redazione Papaboys (Fonte it.radiovaticana.va)

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome