Accuse al Papa: e adesso si scopre che l’ex nunzio Viganò ha mentito! Ecco le prove schiaccianti per lui

Papa Francesco non ha voluto commentare l’atto di accusa che l’ex nunzio Carlo Maria Viganò ha pubblicato nei suoi confronti, chiedendo ai giornalisti di maturare da soli un’opinione. Così, in poche ore, la  redazione UCCR ha preso sul serio il memorandum di Viganò e l’invito del Papa e ha trovato prove schiaccianti che smentiscono il passaggio chiave della testimonianza del già controverso ex nunzio, facendo crollare (o, alla peggio, ridimensionando fortemente) la sua accusa al Papa.

Prima però quattro chiarimenti
1) Qual è l’accusa di Viganò: l’ex nunzio non ha accusato Francesco di aver coperto un atto di pedofilia realizzato dal card. McCarrick, lo ha accusato di non avergli dato ascolto quando lo avrebbe avvertito nel 2013 delle varie notizie/voci a carico del cardinale riguardanti rapporti sessuali con adulti (seminaristi) risalenti a cinquant’anni prima, mettendolo anche a conoscenza che Benedetto XVI gli avrebbe per questo «imposto di ritirarsi ad una vita di preghiera e di penitenza». Scrive Viganò: nonostante Francesco abbia «saputo da me il 23 giugno 2013» dei «crimini commessi da McCarrick abusando della sua autorità con seminaristi e sacerdoti», il Papa lo avrebbe «coperto ad oltranza, anzi ha fatto suoi i suoi consigli» e ha permesso che il cardinale trasgredisse l’ordine di Ratzinger. Non si parla di pedofilia, né lo accusa di aver coperto un pedofilo anche perché l’accusa dell’abuso di un minore è emersa soltanto nel 2018. Appena l’arcidiocesi di New York ha ricevuto e valutato come “credibile” tale accusa di pedofilia nei confronti di McCarrick (risalente al 1977), Francesco è intervenuto tempestivamente rimuovendolo dal ministero pubblico.

2) Operazione mediaticaAl di là dei contenuti dell’accusa, “l’operazione Viganò” non è la testimonianza di coscienza di un “coraggioso vescovo”, come viene fatta passare dai portavoce della resistenza tradizionalista. E’ semplicemente un salto di qualità nella loro guerra d’odio al Papa, avendo fallito con i manifesti anonimi e la ridicola accusa d’eresia contenuta nella “Corretio filiali”. Da giorni, nei blog degli haters di Francesco circolavano voci di una “sorpresina” per l’Incontro mondiale delle famiglie, non essendo stati in grado né di farlo annullare né di sovrastarlo mediaticamente con un incontro parallelo (invitato d’onore il card. Burke), che si è rivelato un flop (in Italia ampiamente sponsorizzato da La Nuova Bussola Quotidiana, Marco Tosatti, Aldo Maria Valli e Corrispondenza Romana). Le 11 pagine di accusa dell’arcivescovo Viganò sono state pubblicate in contemporanea sui blog della resistenza, a partire da LifeSite News (il cui fondatore John-Henry Westen aveva organizzato l’evento-flop parallelo a Dublino) lasciando trasparire l’idea di una regia. In Italia l’operazione “dimissioni del Papa” è stata affidata a Marco Tosatti e a Maurizio Belpietro (direttore de La Verità), e questo la dice lunga sulla poco professionalità della messinscena.

3) Viganò e l’oscura biografia. Qualcuno ci ha criticato per aver ricordato il passato torbido di mons. Viganò (da noi chiamato “oscuro”), dicendo che è un argumentum ad personam. In realtà, avevamo sottolineato la validità delle accuse dell’ex nunzio in quanto circostanziate da date, nomi ed incontri, ma rilevando l’assenza di prove e documenti a sostegno. Viganò dunque ci chiede di fidarci di lui, della ricostruzione che ha prodotto, delle sue supposizioni, dei suoi ricordi e della sua versione. Per questo diventa rilevante mostrare che non è affatto una persona affidabile e gli scandali che lo hanno travolto lo testimoniano (lo vedremo nel successivo punto), come tra i tanti ha anche osservato il principale vaticanista statunitense, John L. Allen«La lettera di Viganò è basata solo sulla supposizione e sulla sua connessione dei punti. Quando qualcuno si lancia in delle accuse con tanta leggerezza, è difficile sapere quanto seriamente dovrebbe essere preso. E Viganò ha una storia» che lo tradisce.

4) Viganò fece distruggere le prove di un insabbiamento di abusi. La storia di mons. Viganò è torbida come l’operazione meschina che ha messo in atto. In queste ore il vaticanista di Rai1, Aldo Maria Valli, membro della resistenza e scelto da Viganò come depositario del suo memoriale, sta dipingendo l’ex nunzio come un “nonno buono e santo”, appassionato della verità e bruciante d’amore per la sua Chiesa, tanto da dover rendere pubblica la sua testimonianza in onore a Dio. Valli però tace sul coinvolgimento del sant’uomo Viganò in appalti gonfiati e false fatturazioni, sul fatto che l’ex nunzio ha dovuto versare 180mila franchi svizzeri alla sorella Rosanna, che lo ha denunciato per appropriazione indebita di denaro, sul fatto che suo fratello, mons. Lorenzo Viganò, ha affermato pubblicamente: «mio fratello mi ha derubato, ha approfittato della mia malattia per tagliarmi fuori dalla gestione del nostro, e sottolineo nostro, patrimonio». Viene taciuto il fatto che Benedetto XVI lo cacciò negli USA e che lui si oppose mentendogli spudoratamente. Luigi Bisignani ha svelato in queste ore altre sozzure nella vita di mons. Viganò, tra cui l’essere abitudinario della creazione di falsi dossier per infangare i suoi nemici. Quel che non avevamo scritto lo abbiamo appreso solo da poco: Viganò, grazie al suo ruolo di nunzio apostolico negli USA, intervenne per far annullare un’indagine e per distruggere le prove di insabbiamento di abusi sessuali riguardanti il suo amico conservatore John Nienstedt, ex arcivescovo di St. Paul e Minneapolis (il quale ha confermato la copertura nel 2014).

 

LA BUGIA DI MONS. VIGANO’ : CROLLA L’ACCUSA A FRANCESCO
Prendendo sul serio il memoriale di Carlo Maria Viganò si ricava che l’accusa a Papa Francesco -come già detto- è quella di aver disatteso il presunto ordine di Benedetto XVI nei confronti del card. McCarrick ad una vita di silenzio e preghiera a causa della sua condotta immorale quando era prete. Viganò non porta prove dell’intervento del Papa emerito, dice solo: «Non mi è noto quando papa Benedetto abbia preso nei confronti di McCarrick questi provvedimenti, se nel 2009 o nel 2010, perché nel frattempo ero stato trasferito». Tuttavia accusa il Papa di aver lasciato che il prelato facesse vita pubblica, celebrasse messe, si recasse in Vaticano e consigliasse nomine. Ecco le parole di Viganò: «Era evidente che a partire dalla elezione di papa Francesco, McCarrick, ormai sciolto da ogni costrizione, si era sentito libero di viaggiare continuamente, di dare conferenze e interviste, ed era il consigliere più ascoltato in Vaticano per i rapporti con l’amministrazione Obama». Il Papa, ecco l’accusa di mons. Viganò (sottolineata in grassetto nel suo memoriale), «dica da quando ha saputo dei crimini commessi da McCarrick abusando della sua autorità con seminaristi e sacerdoti. In ogni caso, il papa lo ha saputo da me il 23 giugno 2013 ed ha continuato a coprirlo, non ha tenuto conto delle sanzioni che gli aveva imposto papa Benedetto».

Eppure Viganò sta mentendo. Ampliando l’ottimo lavoro di Michael J. O’Loughlin, abbiamo infatti scoperto che McCarrick faceva beata e tranquilla vita pubblica ben prima dell’inizio del pontificato di Francesco (marzo 2013). Il 29 marzo 2011, infatti, McCarrick ha testimoniato davanti al Senato degli Stati Uniti addirittura «a nome della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti», con l’obiettivo di «proteggere i diritti civili dei musulmani americani». Nel giugno 2011, McCarrick celebrava Messa per l’importante ordinazione di alcuni sacerdoti e nellottobre dello stesso anno ha concelebrato con l’arcivescovo di New York, Timothy Dolan, addirittura in Saint Patrick’s Cathedral, cioè il principale luogo di culto cattolico a New York. Nel dicembre 2011 il cardinale partecipava a Meet the press, seguitissimo programma televisivo della NBC, accettando due premi.

Il 16 gennaio 2012 McCarrick si trovava in Vaticano, ricevuto in udienza da Benedetto XVI come membro di una selezione di vescovi degli Stati Uniti e nella stessa occasione ha concelebrato la messa con il card. Wuerl e altri vescovi USA presso la tomba di San Pietro. Nell’aprile 2012, il card. McCarrick era di nuovo in Vaticano, come membro della Papal Foundation per festeggiare l’83° compleanno di Papa Benedetto. Il 28 febbraio 2013 McCarrick era addirittura presente all’incontro Benedetto XVI nello storico giorno delle sue dimissioni: il Papa emerito lo saluta, stringendogli le mani, come fece con tutti gli altri cardinali. Ironia della sorte, nel maggio 2013 (due mesi dopo l’elezione di Francesco) lo stesso arcivescovo Viganò ha felicemente concelebrato -senza alcun problema o protesta da parte sua- una messa proprio assieme al cardinale McCarrick, prima della annuale cena dei cardinali della Catholic University of America.

Dunque è chiaro che mons. Viganò ha platealmente mentito proprio nella sua accusa “regina” a Francesco. Il card. McCarnick, al contrario di quanto afferma l’ex nunzio nel suo memoriale, ha fatto vita pubblica fino alla fine del pontificato di Benedetto XVI, presenziando perfino in Vaticano e davanti agli occhi dello stesso Papa emerito e non iniziò solo al momento dell’elezione di Francesco.

Le soluzioni sono due:
1) Benedetto XVI non intervenne per intimare al cardinale americano una vita riservata e di preghiera e quindi Viganò è un bugiardo. Crolla l’accusa a Francesco di aver disatteso tale inesistente imposizione. Viganò mente anche quando scrive di aver ricordato a Francesco il falso intervento del Papa emerito, oppure ha mentito anche a Bergoglio (dato che non ci fu nessun intervento ratzingeriano contro McCarrick).
2) Benedetto XVI intervenne nei confronti di McCarrick ma -come da noi dimostrato- lasciò che il cardinale, accusato di vita sessuale immorale, non obbedisse all’autorità del Papa e quindi celebrasse messa, partecipasse alla vita della Chiesa statunitense e alla vita del Vaticano, addirittura nel giorno del suo compleanno. Si ridimensiona così l’accusa a Francesco, in quanto fu per primo il suo predecessore a disattendere il suo stesso ordine. Viganò resta un bugiardo perché ha sostenuto che il cardinale ha disobbedito l’imposizione a vita privata di Ratzinger solo nel momento in cui è stato eletto Francesco.

L’“operazione dimissioni” imbastita dalla resistenza tradizionalista contro Francesco rischia di diventare un boomerang. Viganò dice il falso a prescindere, in quanto il card. McCarrick fece vita pubblica per tutto il pontificato di Benedetto XVI e non iniziò solo con Francesco. Viganò potrebbe dire il vero, invece, sull’intervento di Ratzinger nei confronti del cardinale -come sostengono senza remore i sedicenti ratzingeriani-, ma allora si complicapurtroppo la posizione dello stesso Benedetto XVI, il quale viene di conseguenza accusato di aver permesso al cardinale McCarrick di disobbedire al suo stesso ordine e -come già detto- frequentare liberamente l’arcidiocesi di New York e il Vaticano, con lui stesso presente. Per questo vale il commento di Massimo Faggioli«che la frangia tradizionalista accetti il rischio di danneggiare Benedetto XVI e Giovanni Paolo II dice molto della loro disperazione».

 

AGGIORNAMENTO ORE 18:00
L’Associated Press ha svelato il nome del regista dell’”operazione Viganò”, si chiama (come già avevamo sospettato) Marco Tosatti ed è il principale haters di Papa Francesco in Italia, lo stesso che pochi mesi fa ha inventato di sana pianta che Francesco aveva creato una commissione segreta vaticana per modificare l’enciclica Humanae Vitae. Secondo la ricostruzione e le sue stesse dichiarazioni, è il giornalista Tosatti ad aver scelto i tempi e aver fatto pressioni verso l’ex nunzio poiché diffondesse il suo memoriale.

 

AGGIORNAMENTO ORE 19:00
Il sociologo cattolico Massimo Introvigne ha posto una riflessione decisiva che ci era sfuggita. La citiamo integralmente: «Di “misure segrete” di Benedetto XVI contro McCarrick nessuno ha mai saputo nulla tranne Viganò, e contro altri illustri ecclesiastici accusati di molestie Papa Ratzinger prese provvedimenti pubblici e clamorosi. Se poi gli ordini del Papa tedesco furono ignorati, sarebbe stato Viganò, come nunzio apostolico e dunque rappresentante del Pontefice a Washington, a doversi dimettere». Detto in altre parole: se mons. Viganò dice il vero riguardo a questo presunto ordine di ritiro a vita privata del Papa emerito nei confronti di McCarrick, allora è lo stesso Viganò il responsabile del fatto che McCarrick abbia disatteso quell’ordine (come abbiamo dimostrato in questo articolo) durante il pontificato di Benedetto XVI, frequentando liberamente il Vaticano. Infatti, mons. Viganò era ai tempi il nunzio apostolico negli USA, cioè colui che aveva il compito di rappresentare e far rispettare l’ordine (presunto) impartito dal Papa tedesco.

Fonte: Uccr – https://www.uccronline.it

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome