A te darò le chiavi del regno dei cieli

le_chiavi_di_pietroRIFLESSIONE SUL VANGELO DI QUESTO SABATO –  Per comprendere quanto oggi Gesù dice a Pietro dobbiamo rifarci alla storia antica, nella quale riveste un ruolo di spicco Giuseppe, costituito dal Faraone suo plenipotenziario. Tutta la vita del suo regno il re d’Egitto la pone nella mani di una persona, fino allora sconosciuta, anzi condannata al carcere perpetuo, che lui elegge a suo primo ministro del suo vastissimo impero. Il potere è del faraone, l’esercizio è di Giuseppe. La potestà è rel re, le chiavi del governo sono tutte le mani del figlio di Giacobbe.

Il faraone disse a Giuseppe: «Ecco, io ti metto a capo di tutta la terra d’Egitto». Il faraone si tolse di mano l’anello e lo pose sulla mano di Giuseppe; lo rivestì di abiti di lino finissimo e gli pose al collo un monile d’oro. Lo fece salire sul suo secondo carro e davanti a lui si gridava: «Abrech». E così lo si stabilì su tutta la terra d’Egitto. Poi il faraone disse a Giuseppe: «Io sono il faraone, ma senza il tuo permesso nessuno potrà alzare la mano o il piede in tutta la terra d’Egitto». Giuseppe partì per visitare l’Egitto. Giuseppe aveva trent’anni quando entrò al servizio del faraone, re d’Egitto. Quindi Giuseppe si allontanò dal faraone e percorse tutta la terra d’Egitto. Durante i sette anni di abbondanza la terra produsse a profusione. Egli raccolse tutti i viveri dei sette anni di abbondanza che vennero nella terra d’Egitto, e ripose i viveri nelle città: in ogni città i viveri della campagna circostante. Giuseppe ammassò il grano come la sabbia del mare, in grandissima quantità, così che non se ne fece più il computo, perché era incalcolabile. Finirono i sette anni di abbondanza nella terra d’Egitto e cominciarono i sette anni di carestia, come aveva detto Giuseppe. Ci fu carestia in ogni paese, ma in tutta la terra d’Egitto c’era il pane. Poi anche tutta la terra d’Egitto cominciò a sentire la fame e il popolo gridò al faraone per avere il pane. Il faraone disse a tutti gli Egiziani: «Andate da Giuseppe; fate quello che vi dirà». La carestia imperversava su tutta la terra. Allora Giuseppe aprì tutti i depositi in cui vi era grano e lo vendette agli Egiziani. La carestia si aggravava in Egitto, ma da ogni paese venivano in Egitto per acquistare grano da Giuseppe, perché la carestia infieriva su tutta la terra (Cfr. Gen 41,1-57). 

Cristo Gesù oggi dona a Pietro le chiavi del suo regno. Lo costituisce suo vicario, fondamento visibile su cui si edificherà sulla terra la sua Chiesa, custode della sua verità e della sua grazia, amministratore dei suoi misteri, ultima responsabilità di appello di ogni suo discepolo. Sant’Agostino applica a Pietro una frase dell’Impero Romano: “Roma locuta, causa finita”. Pietro parla e ogni controversia tace, finisce, si placa. La Parola di Pietro è Parola di Cristo, Parola di Dio. Dinanzi alla Parola di Dio vi è spazio solo per il silenzio adorante, la contemplazione della verità.

Pio IX, nella Pastor Aeternus, così parla del ministero di Pietro in ordine alla verità di Cristo Gesù: “Perciò Noi, mantenendoci fedeli alla tradizione ricevuta dai primordi della fede cristiana, per la gloria di Dio nostro Salvatore, per l’esaltazione della religione Cattolica e per la salvezza dei popoli cristiani, con l’approvazione del sacro Concilio proclamiamo e definiamo dogma rivelato da Dio che il Romano Pontefice, quando parla ex cathedra, cioè quando esercita il suo supremo ufficio di Pastore e di Dottore di tutti i cristiani, e in forza del suo supremo potere Apostolico definisce una dottrina circa la fede e i costumi, vincola tutta la Chiesa, per la divina assistenza a lui promessa nella persona del beato Pietro, gode di quell’infallibilità con cui il divino Redentore volle fosse corredata la sua Chiesa nel definire la dottrina intorno alla fede e ai costumi: pertanto tali definizioni del Romano Pontefice sono immutabili per se stesse, e non per il consenso della Chiesa”. Parola chiara, inequivocabile, infallibile in eterno. Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, confermateci in questa verità

Movimento Apostolico

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome