Home News Finis Mundi A Beirut, frati e giovani ripuliscono il convento dopo le bombe. Per...

A Beirut, frati e giovani ripuliscono il convento dopo le bombe. Per miracolo nessuno si è ferito

Frati e giovani ripuliscono il convento dopo le bombe

Beirut dopo la forte esplosione prova a ripartire, noi preghiamo per tutti loro!

(Fonte sanfrancescopatronoditalia.it – Gelsomino del Guercio)

LIBANO – Giovani libanesi all’opera per ripulire il convento francescano di San Giuseppe della Custodia di Terra Santa, situato nel quartiere di Gemmayzeh, reso inagibile dall’esplosione del 4 agosto nel porto di Beirut che ha provocato più di 200 morti, 5mila feriti e 300mila sfollati.

Fortunatamente nessuno dei 7 frati, dei loro collaboratori e degli ospiti è rimasto ferito – e questo è davvero miracoloso, considerato che il quartiere ha contato numerosi morti e feriti – ma i danni materiali prodotti dall’evento ammontano ad almeno 50 mila euro.

Una cifra modesta se paragonata ai 10-15 miliardi di dollari stimati di distruzioni inflitte alle strutture portuali e alle abitazioni civili della capitale libanese, ma importante quando si considerano le sue conseguenze, il fatto cioè che comporta la sospensione delle attività pastorali e caritative della comunità francescana.

In un video pervenuto al Sir dalla Custodia di Terra Santa si vedono diverse persone, tra cui molti giovani impegnati a rimuovere vetri infranti, suppellettili distrutte e a mettere al sicuro gli arredi sacri.

Su Tempi.it, Andrea Avveduto, responsabile per la comunicazione di Pro Terra Sancta, ha dichiarato: «I frati e i loro collaboratori si sono dovuti trasferire nel convento di Harissa (località 20 chilometri a nord-est di Beirut, dove sorgono il santuario e la grande statua di Nostra Signora del Libano, ndr) e l’ufficio di Pro Terra Sancta, gravemente danneggiato da crolli, è chiusoQuesto comporta la sospensione delle attività cultuali, pastorali e caritative: i frati aiutano famiglie povere libanesi e di immigrati con pacchi alimentari, pagamento di bollette e di canoni di affitto, che a Beirut sono particolarmente elevati».

Pro Terra Sancta intende riparare al più presto il convento di Gemmayzeh e aprire una linea di aiuti destinata alla popolazione libanese, che viveva in condizioni materiali molto scadenti già prima del disastro del porto di Beirut, anche a causa della grave crisi economica che attanaglia il Libano.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,904FansLike
19,011FollowersFollow
9,770FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

News recenti

La rubrica dedicata a Giovanni Paolo, 23 Settembre 2020

Giovanni Paolo II: il papa Santo. Chiedigli una grazia oggi, 23...

Pensieri e preghiera a Karol Wojtyla da vivere oggi La rubrica dedicata a Giovanni Paolo II - Mercoledì, 23 Settembre 2020 Le frasi da leggere oggi: “Ha...