Home News Sancta Sedes 3 devozioni di Papa Francesco alla Madonna che sono davvero in pochi...

3 devozioni di Papa Francesco alla Madonna che sono davvero in pochi a conoscere

Nostra Signora della Tenerezza, Nostra Signora del Silenzio e Maria “Salus Populi Romani”

Profondamente devoto alla Madonna, Papa Francesco ha già dimostrato innumerevoli volte il suo affetto per Maria in visite, pellegrinaggi e discorsi mariani collegati alle sue più popolari devozioni: Nostra Signora di Fatima, di Lourdes, di Aparecida, di Guadalupe…

In varie occasioni, il Pontefice ha anche condiviso il suo affetto per la Vergine in devozioni poco conosciute, come le tre che riportiamo di seguito:

 

1 – Maria, “Salus Populi Romani

Salus Populi Romani” significa in latino “Salvezza del Popolo Romano”, nel senso evidentemente di “Protettrice” e non “Redentrice”.

Questa devozione è rappresentata dall’icona della Madonna con il Bambino Gesù in braccio, in stile bizantino, attribuita tradizionalmente all’evangelista San Luca, che era anche pittore.

L’icona ha delle somiglianze tipologiche con quella di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso, con la quale molti la confondono, anche se si tratta di icone diverse. È davanti all’icona della Salus Populi Romani che il Papa prega ogni volta che parte e torna da un viaggio internazionale. In queste occasioni, Francesco recita la preghiera mariana “Sub tuum praesidium” (“Sotto la tua protezione”).

2 – Nostra Signora della Tenerezza

Una delle più classiche icone mariane orientali presenta Maria, Madre di Dio, che tiene il Bambino Gesù in un braccio mentre con l’altra mano lo indica come chi indica la Via di Salvezza – che è Gesù stesso, Via, Verità e Vita. È per questo che questa icona è diventata nota come “Odigitria”, che in greco (Οδηγήτρια) vuol dire “Colei che indica il cammino”.

A partire dal modello iconico della Odigitria sono state sviluppate altre splendide opere, come la “Panagia Eleusa”. La parola greca “Panagia” vuol dire “Santissima”, o letteralmente “Tutta Santa”; “Eleusa”, parola anch’essa greca, significa “Misericordiosa” o “Tenera”. Si tratta della dolce immagine che mostra il Bambino Gesù in braccio a Maria, rappresentato con il naso o la bocca che tocca la guancia della mamma, che si china verso di Lui. Questa devozione è nota anche come Nostra Signora della Tenerezza.

Papa Francesco ha una piccola icona di Nostra Signora della Tenerezza, che gli è stata data dall’arcivescovo maggiore della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina quando erano a Buenos Aires e che si è fatto portare quando è venuto a Roma. Il Papa custodisce quell’icona con una venerazione speciale e assicura che prega tutti i giorni davanti a lei.

3 – Nostra Signora del Silenzio

La mattina del 18 maggio 2015, il Santo Padre ha benedetto un quadro con questa immagine che era stato collocato dietro sua richiesta nel Palazzo Apostolico del Vaticano per favorire il raccoglimento e la contemplazione. Benedicendo il quadro, Francesco ha rivolto una domanda: “La Vergine Maria interceda presso il Signore, perché tutti quelli che entrano nel Palazzo Apostolico possano sempre avere le parole giuste”.

L’immagine è situata tra i due ascensori dell’ingresso principale del Palazzo Apostolico, nel cortile di San Damaso.

Fra’ Emiliano Antenucci, autore di libri e predicatore di ritiri su Nostra Signora del Silenzio, ha dichiarato circa questa devozione che “il mondo di oggi è malato di rumori”; “il silenzio è una ‘profezia’ e un modo di ascoltare Dio e gli altri. La devozione a Nostra Signora del Silenzio ci chiede con una delle mani di stare in silenzio, con l’altra ci propone che quel silenzio sia di adorazione e pieno di fascino. Maria è la cattedrale del Silenzio, in cui risuona la Parola Eterna.

La ‘dittatura del rumore’ genera confusione, tristezza. Il rumore ci lascia sordi davanti alle cose che contano davvero nella vita. Il mondo ci propone l’apparenza e il rumore che ci distraggono da Dio e dall’amore per il nostro prossimo.

Il silenzio ci fa affrontare verità su noi stessi e sugli altri. Ci porta la novità di una visione rinnovata della realtà e degli altri; ci fa giudicare di meno e amare di più. Il silenzio ci apre alla misericordia di Dio, al perdono degli altri e all’aspettativa di essere migliori”.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti] per Aleteia.org

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,875FansLike
17,011FollowersFollow
9,592FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

bare ammassate in chiesa seriate

Coronavirus, la chiesa di Seriate piena di bare. La disperazione del...

La chiesa di San Giuseppe, a Seriate (Bergamo), è piena di bare di persone morte in seguito all'epidemia di coronavirus. Il parroco Don Mario: "Viene...