Home News Sancta Sedes 28 settembre: Papa Francesco incontra gli anziani e i nonni del mondo

28 settembre: Papa Francesco incontra gli anziani e i nonni del mondo

IMG_5378 - CopiaCITTA’ DEL VATICANO – Si avvicina la giornata dedicata ad anziani e nonni, tutti riuniti per incontrare Papa Francesco. Domenica in piazza San Pietro sarà una festa, anche perchè ci saranno i nipoti e quindi la ‘festa’ è garantita. E’ quella ideata e organizzata dal Pontificio Consiglio per la Famiglia, che si svolgerà a piazza San Pietro domenica 28 settembre.

Il programma dell’Incontro, intitolato “La benedizione della lunga vita”, prevede per le 7.30 l’apertura della piazza ed alle 9 l’inizio della giornata: l’incontro con il Santo Padre si svolgerà tra le 9.30 e le 10.30, un’ora durante la quale il Pontefice entrerà in dialogo diretto con la piazza. 

 
Dalle 8.30 alle 9.30 invece sarà possibile partecipare a un momento di riflessione, dove si succederanno diverse testimonianze legate al tempo dell’anzianità e al suo senso più profondo. 
Alle 10.30 la celebrazione della Santa Messa presieduta da Papa Francesco e concelebrata da cento sacerdoti anziani di tutto il mondo; a conclusione della quale la preghiera dell’Angelus, come di consueto, a mezzogiorno.
L’intero Incontro sarà trasmesso in mondovisione, in diretta radio-televisiva e in streaming.
web_600_250_ITA
Lo spirito che anima l’iniziativa l’ha poi tratteggiato il suo primo promotore, il presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, Monsignor Vincenzo Paglia, che l’ha sintetizzato così: «La giornata parte dal presupposto che l’anzianità non è un naufragio ma una vocazione. Grazie a Dio si sono allungati gli anni di vita – la società lo permette – ma, d’altro canto, su questo tema, non è stata sviluppata una riflessione adeguata. Non esiste né nella politica né nell’economia, né tantomeno nella cultura.
 
A mio avviso quindi noi dovremmo, attraverso questa giornata, richiamare l’attenzione di tutti sull’importanza di questo tempo dell’esistenza umana. Sottolineando che gli anziani non sono solo oggetto di attenzione o di cura, ma che essi stessi sono anche soggetto di una nuova prospettiva di vita. Questo è il punto. Quindi va ripensata la loro vecchiaia, va ripensato il loro impegno nel mondo e nella Chiesa. E anche della Chiesa nei loro confronti. Faccio un esempio: a parte i compiti tradizionali di trasmettere la fede e di aiutare i genitori ce ne sono altri ugualmente importanti da approfondire, come quello di pregare – hanno più tempo a disposizione – e di comunicare il Vangelo – riecheggiando in questo Anna, la profetessa.
 
Sempre legata alla vecchiaia c’è poi, oltre a tutti gli aspetti civili, una cultura che gli anziani possono trasmettere, particolarmente attenta a non concepire l’indebolimento della vita come la tragedia finale ma come una testimonianza di speranza nell’aldilà». di Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,749FollowersFollow
9,728FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo 4 Giugno 2020

Vangelo 4 Giugno 2020. Non c’è altro comandamento più grande di...

Vangelo del giorno - Giovedì, 4 Giugno 2020 Lettura e commento al Vangelo di Giovedì 4 Maggio 2020 - Mc 12,28-34: Non c’è altro comandamento...