Ho incontrato Gesù in una notte di Luglio. Ha cambiato i piani della mia vita. Leggi queste testimonianze

giovani.ilsignoreVi proponiamo la lettura di alcune testimonianze dirette di giovani, laici o sacerdoti, che propongono una esperienza, vissuta personalmente o in qualità di testimoni credibili della grande opera di Gesù Risorto.

E’ nell’Eucarestia che la Chiesa ed il cuore di ognuno di noi vive, nasce e rinasce ogni giorno.

Al termine della Messa del Corpus Domini del 30 maggio 2013, Papa Francesco ci ha sottolineato questa riflessione, che oggi vi riproponiamo:

“Chiediamoci adorando il Cristo presente realmente nell’Eucaristia: mi lascio trasformare da Lui? Lascio che il Signore che si dona a me, mi guidi a uscire sempre di più dal mio piccolo recinto, a uscire e non aver paura di donare, di condividere, di amare Lui e gli altri? Fratelli e sorelle: sequela, comunione, condivisione. Preghiamo perché la partecipazione all’Eucaristia ci provochi sempre: a seguire il Signore ogni giorno, ad essere strumenti di comunione, a condividere con Lui e con il nostro prossimo quello che siamo. Allora la nostra esistenza sarà veramente feconda. Amen.”

Testimonianza di Stefano, 30 anni, ricercatore universitario

“Non so dire come mi sia nato il desiderio di fare Adorazione Eucaristica. So, comunque, che adesso tengo molto a quell’ora settimanale in cui posso stare a tu per tu con Gesù. E’ un’ora in cui riscopro me stesso, perché davanti a chi ti ama di amore eterno non si ha paura di mostrare il proprio vero volto. E’ adorando Gesù che ho imparato ad accettare me stesso, i miei limiti e le mie debolezze; davanti a Lui rassicuro il mio cuore perché Egli è più grande del mio cuore”.




Testimonianza di Gisella, 26 anni, studentessa

“Sono Gisella una assidua adoratrice, guarita da Dio e rinata nello spirito. A quanti si sentono tristi, soli, inutili,insoddisfatti, disperati, lancio un invito:Adorate Gesù Eucaristia, egli è la nostra speranza, la nostra gioia, la nostra eterna felicità.  Ho scoperto che è bello e riposante sostare davanti a Gesù Eucaristia, per ossigenarsi,  riflettere, esaminarsi,ascoltare la parola nel silenzio. Tu guardi lui e lui guarda te, mentre lo guardi e stai alla sua presenza lui ti riempie del suo amore, della sua luce, della sua grazia. Più passano i giorni più il rapporto con Gesù si fa sempre più intimo, non ti basta un ora di adorazione alla settimana, ma diventano tre, quattro e tutte le volte che senti questo richiamo d’amore e di tenerezza. Più sta alla sua presenza e più il quotidiano appare meno faticoso, il normale diventa straordinario, ciò che prima era abitudinario diventa nuovo ed originale, rivestito dalla sua luce. Di giorno in giorno il bisogno di Dio cresce, diventa desiderio di amarlo, di appartenergli, di compiacerlo, pertanto ci si abbandona con fiducia al suo amore, ed è proprio con questo abbandono in lui che inizia il nostro cambiamento e quello delle persone che ci stanno intorno. Mi ha cambiato senza che me ne accorgessi. Insieme a lui tutto e più bello e si nasce a nuova vita, dimenticavo : si ottengono grandi grazie, per noi e per gli altri. Voglio augurare a tutti di fare la mia stessa esperienza, adoriamolo e accogliamolo come Maria, nascerà in noi poveri e ci riempirà delle sue ricchezze. Se lui è con noi il paradiso è qui.”

384248_431780930219674_1026852111_n



Testimonianza di Don Bruno, 36 anni, sacerdote

“È il primo novembre 2006, Solennità di Tutti i Santi. Suonano a festa le campane della chiesa parrocchiale di Scilla-Favazzina intitolata alla Beata Vergine Immacolata, mentre canti solenni e fumi di incenso si levano verso il Cielo. Il cuore è ricolmo di consolazione e gli occhi umidi. Nella mia parrocchia e nella mia vita di prete esplode una novità  meravigliosa: l’adorazione eucaristica perpetua. Gesù si fa dono 24 ore su 24 grazie alla generosa disponibilità di circa 350 adoratori! Dopo tre anni di evangelizzazione eucaristica culminata nella settimana missionaria portata avanti dalle Figlie di nostra Signora dell’Eucaristia e da don Roberto Pedrini, il sogno diventa realtà e il Tabernacolo si apre per non essere più chiuso.Da quel giorno un vero e proprio miracolo d’amore si realizza quotidianamente nella vita della mia gente, scandito dai battiti di cuori eucaristici oranti che incessantemente si sforzano di accogliere l’amore di Dio per dare senso e vigore alla propria esistenza umana e alla propria testimonianza cristiana. Gesù, nel semplice candore dell’Ostia consacrata, esprime la Sua divina Signoria sulla storia, innestando nella comunità cristiana di Scilla un frammento di eternità, che permette allo spirito di dilatarsi all’infinito, travalicando gli angusti confini dello spazio e del tempo. La chiesa è sempre aperta e qualcuno trema al pensiero di un impegno d’amore stretto con Cristo per tutta la vita: un coraggio soprannaturale che prolunga la follia della Croce per la salvezza dell’umanità; una dilatazione d’amore che si offre in riparazione di tutte le mancanze d’amore e di gratitudine verso Colui a cui ogni uomo deve tutto.

Davanti al Signore Gesù si piegano le ginocchia e si schiudono le porte dello spirito di tanti fratelli, alcuni dei quali non erano soliti frequentare la Chiesa. Molti di loro, dopo la preghiera si avvicinano e mi ringraziano: “Don Bruno avete fatto una cosa stupenda… grazie!”. Non  posso fare altro che protestare commosso: “Non ringraziare me. Io non ho alcun merito. Loda con me il Signore per essersi degnato di piantare la sua tenda eucaristica nel deserto della mia esistenza di prete e nelle tante povertà della nostra parrocchia. Lodiamo il Signore: Lui solo è l’autore di questo prodigio d’amore”. Dal primo novembre mi sento ancora più prete, attratto in modo “irresistibile” dall’Eucaristia e continuo ad implorare per me e per i fratelli che Dio ha affidato alla mia cura pastorale il dono di una fede matura, eucaristica e trinitaria, da alimentare nel grembo materno e fecondo della santa Chiesa, alla scuola di Maria, Regina dell’Eucaristia. Il sangue dell’anima è liquefatto quando sosta in adorazione, nell’attesa di “essere versato” per la salvezza di tutti, per la gloria di un Dio che, nella totalità del suo dono, suscita in me il desiderio di un’esistenza cristiana più coerente e radicale. Lui ha dato tutto per me…tutto il suo Sangue. Lui vuole tutto da me ed esige che il sangue dell’anima venga effuso attraverso la mia oblazione sacerdotale. Grazie Signore Gesù perché ti sei fatto e sei Eucaristia. Grazie Padre, per il dono del tuo Figlio e per Maria. Grazie per l’adorazione eucaristica perpetua che grida la tua fedeltà alla Chiesa, alla mia parrocchia e al mio sacerdozio. “




di D.V. per la Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome