Siamo nel mese degli Angeli e ti diamo un consiglio: fai attenzione a comunicare con gli angeli negativi

Occorre conoscere bene chi sono gli angeli e qual è la loro vera missione per non lasciarsi ingannare da persone che gratis o in cambio di una donazione volontaria affermano di essere in contatto con loro e di ricevere dei messaggi. Credo che li contattino, sì, ma anche che non si tratti di angeli buoni.

Credetemi quando dico che parlare con l’angelo custode, quello che è stato creato da Dio proprio per ciascuno di noi, è più semplice di quanto crediamo. Sviluppiamo questo rapporto con lui e rendiamolo parte della nostra vita quotidiana.
Ultimamente si parla molto degli angeli, come se fosse una cosa alla moda. È un peccato che la loro immagine e la loro missione principale siano oggi così fraintese. A causa del New Age e dell’esoterismo che dà tanta importanza a questi esseri spirituali così speciali – chiamati angeli buoni o semplicemente angeli –, vengono confusi con gli angeli negativi, più noti come demoni, e si stanno attribuendo loro capacità e poteri pericolosi.

O non sapevate che Lucifero e la sua legione sono angeli? Certamente! Sono gli angeli caduti, e la loro missione principale è far sì che la nostra anima si perda, che vada dietro a loro tra menzogne e inganni.
È proprio con loro che si collegano tutte quelle persone – ne siano consapevoli o meno – che fanno essere tanto di moda questo modo di comunicare con gli angeli attraverso carte, tarocchi, medium, pietre, ecc. Se tutte queste persone di “buona volontà” comprendessero e confidassero nel fatto che è molto più semplice essere in contatto con il proprio angelo custode, si renderebbero conto che non hanno bisogno di tutte queste aberrazioni per trovarsi in un rapporto diretto con lui.
Svegliatevi! Credetelo o no, l’unica cosa che fanno è contattare esseri che non sono propriamente di luce e che men che meno cercano il loro benessere o la loro santità. Allontanatevi da persone, programmi o filosofie a buon mercato che vi offrono di parlare o di contattare il vostro angelo perché questo non vi avvicinerà a Dio, né alla vostra pienezza come persone – al contrario, aprirà porte che poi sarà difficile richiudere.
Volete contattare il vostro angelo custode, quell’essere che è stato creato solo per voi? Parlategli, semplicemente! Chiacchierate con lui direttamente. È un messaggero meraviglioso e infallibile tra voi e Dio.

Fin dall’antichità – lo leggiamo nelle Sacre Scritture – si parla degli angeli in modo molto naturale. Vediamo che le persone convivevano con il proprio angelo custode e che era una cosa normale.

Un angelo è una creatura di Dio. È uno spirito puro come lo è Dio, e non si può divinizzare. È un essere con intelligenza e volontà senza corpo, senza dipendenza alcuna dalla materia. Per loro natura, gli angeli sono superiori a tutte le altre creature – anche agli uomini – in intelletto e volontà, ma non in dignità.

Comprendono le cose in modo diverso da noi, e captano la verità totale e completa di una questione, vedendone il principio e tutte le conseguenze e gli aspetti allo stesso tempo. Non sono onnipotenti come Dio, e il loro potere e la loro conoscenza sono limitati, ma comunque superiori ai nostri.

Contrariamente a ciò che pensano molti, gli angeli non hanno il potere di leggere la nostra mente perché questo implica la libertà. Non conoscono quello che faremo. Ciò vuol dire che non sanno quello che pensiamo noi umani né le decisioni che prenderemo in futuro.
Visto, però, che sono più intelligenti di noi, sanno quale sarà il nostro agire in base alle nostre tendenze, perché alla fin fine noi persone siamo “animali razionali” con abitudini e costumi. Conoscono quindi le nostre inclinazioni e possono predire le nostre azioni facendo congetture e deduzioni in base a queste.

È in questo che ci confondiamo quando crediamo che gli angeli sappiano o conoscano il nostro futuro. Gli angeli conoscono solo il futuro che non implica la libertà perché, ripeto, hanno una conoscenza superiore alla nostra.

Gli angeli sono mediatori, custodi, protettori e ministri della giustizia divina. La missione del nostro angelo custode è quella di proteggerci, di lottare e vincere il male. Per questo è così importante sviluppare fin da piccoli un rapporto personale con lui. A differenza di ciò che si pensa, non è necessario dargli un nome per chiamarlo.
Gli angeli sono stati creati con libertà, con la facoltà di scegliere o meno il Bene (Dio). Gli “angeli caduti” non hanno scelto il Bene; si sono sentiti umiliati quando, pur avendo tanta perfezione, non hanno tollerato che una creatura inferiore – l’uomo, ovvero voi ed io – fosse elevato a immagine di Dio.

Da allora, gli angeli caduti – Satana e il suo esercito – hanno fatto di tutto per ingannare la creatura più perfetta dell’universo, l’essere umano, presentandogli le cose negative come se fossero positive con l’unica intenzione di distruggerlo.

Proprio per proteggerci da tutto questo Dio ci ha donato il nostro angelo custode, che è sempre al nostro fianco, per difenderci dalle malvagità e dalle continue tentazioni del nemico. Ve lo ripeto: anche il demonio è un angelo.

loading…



Gli angeli sono stati creati per Cristo. Ciò vuol dire che Gesù è il loro centro come lo è di tutti noi, o almeno così dovrebbe essere.

Ci sono varie gerarchie di questi in base alla loro funzione o al loro potere. Ciò vale anche per gli angeli caduti, quindi bisogna fare molta attenzione a contattarli. Questi ordini non sono dogmi di fede, credere negli angeli sì.

Ci sono tre gruppi di gerarchie, ciascuno con funzioni distinte:

Serafini, che ardono d’amore e custodiscono l’ingresso del Paradiso
Cherubini, le figure a cui Dio comanda di ornare l’Arca e il Tempio di Salomone
Troni

Questi tre hanno la missione di stare alla presenza di Dio adorandolo e lodandolo. Non comunicano con nessun altro, sono solo in continua contemplazione di Dio. Questa è la loro funzione principale.

Virtù
Potestà
Dominazioni

Questi tre sono al servizio di Dio per governare nelle cose generali, ovvero contemplano Dio e al contempo si incaricano di cose collegate alla natura, al creato.






Principati

Angeli. Qui entrano in gioco gli angeli custodi.
Arcangeli. La Chiesa ne riconosce solo 3: Gabriele (il cui nome vuol dire “Forza di Dio”), Michele (che significa “Chi come Dio”, infallibile per allontanare il nemico e le sue legioni) e Raffaele (che significa “Medicina di Dio”, Dio guarisce. A lui possiamo chiedere anche di accompagnarci nel cammino per scegliere un/a buono/a sposo/a).

La loro funzione principale è quella di essere messaggeri di Dio per l’uomo.

Ci sono anche angeli custodi, e c’è un angelo assegnato ad ogni Paese. Custodiscono gli individui e intere comunità. Tutti, assolutamente tutti, abbiamo un angelo custode che sarà solo nostro fino alla nostra morte, e fino a quel momento durerà la sua funzione di protettore e messaggero. Di fatto, si dice che quando una donna aspetta il suo bambino l’angelo custode della mamma si prende cura di entrambi fino alla nascita del piccolo, quando Dio gli assegna il suo angelo custode. Neanche questo è dogma di fede.

Come comunica con noi il nostro angelo custode? Ci renderemo conto delle sue ispirazioni nel silenzio. Una persona che vive nel rumore costante avrà difficilmente la capacità di ascoltarlo.

Gli angeli custodi sono costantemente al nostro fianco, non si separano da noi neanche per un momento, neanche quando dormiamo. Ci aiutano sempre, non solo quando ne abbiamo bisogno.

Perché il nostro rapporto con il nostro angelo sia più intimo dobbiamo trattarlo, chiamarlo, parlare con lui. Soprattutto, dobbiamo ringraziare Dio per questo compagno e protettore che è una manifestazione della sua Divina Provvidenza. È importantissimo sviluppare un rapporto stretto con il nostro angelo.

Ripeto, il nostro angelo custode non ha la facoltà di sapere cosa pensiamo, ma visto che conosce le nostre inclinazioni può intuire come possiamo reagire di fronte a una situazione o a una tentazione. Invocatelo in ogni momento. È triste pensare a come l’angelo di molte persone possa passare inosservato nella loro vita.

Diventate amici del vostro angelo. È il vostro migliore alleato con Dio. Chiedete la sua protezione dall’alba al tramonto. Chiedetegli di proteggervi evitando che cadiate in tentazione e di risolvere insieme qualsiasi cosa che si verifica nella giornata. Diventate anche amici dell’angelo custode del vostro coniuge e dei vostri figli.

Il giorno in cui Dio vi chiamerà alla vostra presenza, il vostro angelo custode sarà il vostro migliore alleato, il vostro testimone fedele, e sono certa che quando renderete conto al nostro Creatore, se vi dimenticherete di riferire a Dio qualche vostra opera buona il vostro angelo gliela ricorderà.

Ci sono varie idee distorte sugli angeli che provocano confusione.

La prima cosa che Dio ha creato è stato ciò che era più perfetto e simile a Lui, ovvero gli angeli. Non possiamo quindi mescolarli con l’esoterismo.

Si dice che quando le persone muoiono ricevono l’opzione di restare nel mondo come angelo custode di qualcuno. Non è vero! Al di là del fatto che sarebbe assurdo pensare che il giorno in cui moriremo e la nostra anima conoscerà il cielo opterà per rimanere sulla terra anziché scegliere di vivere eternamente faccia a faccia con Dio…

Dio ha già creato tutti gli angeli, per cui nessuno si trasforma in un angelo quando muore. È molto bello e anche confortante quando perdiamo una persona cara sentirci dire che abbiamo un angelo che si prende cura di noi. Sì, è vero, abbiamo qualcuno che ci cura, ma non è proprio un angelo. Nessun essere umano – vivo o morto – si trasforma in angelo.

L’angelo custode non è una scintilla di luce che ogni uomo porta con sé per essere guidato, ed è un essere diverso dalla persona. Ciò vuol dire che io e il mio angelo siamo due esseri distinti, io con corpo e spirito, lui spirito puro.

Gli angeli hanno Paesi affidati alla loro protezione, ma non hanno l’incarico di curare i mesi dell’anno, i giorni del mese, i segni dello Zodiaco, ecc. Ad esempio, si dice che Uriele sia incaricato del mese di settembre, ma l’angelo Uriele non compare nemmeno nelle Sacre Scritture.

Il nostro angelo custode sarà sempre lo stesso. Per quanto io espanda la mia coscienza, il mio angelo non crescerà!

Tutti abbiamo la capacità di comunicare con il nostro angelo. Pretendere che il nostro angelo ci parli attraverso gli astri, le carte, i quarzi, ecc., è contrario alla fede cattolica.
Gli angeli ci proteggono e sono nostri custodi, ma non attirano la sorte, né sono la sorte. Sono messaggeri e nostri compagni perché possiamo raggiungere la santità.

Gli angeli non hanno bisogno che ci vestiamo di un certo colore per parlarci e accompagnarci o che li chiamiamo alla nostra presenza strofinando cristalli (o quarzi) perché poi si riempiano di “energia angelica”. Effondono il loro amore su di noi e non sulle pietre. Non ci parleranno nemmeno attraverso giochi o cose del genere. Ripeto, anche il demonio è un angelo, e molto astuto, che ci confonderà se gli apriremo le porte attraverso queste pratiche.

Il nostro angelo non ha bisogno di carta e penna per parlarci. Con meno rumore in testa sarà più semplice per noi ascoltarlo, perché il mezzo attraverso il quale si fanno sentire gli angeli è il silenzio. Gli angeli caduti o demoni sono rumorosi, gli angeli sono silenziosi.

Dobbiamo aprire gli occhi dell’anima e fare attenzione agli angeli che hanno scelto, usando la loro libertà, di non seguire Dio. Nelle Sacre Scritture, Timoteo ha scritto: “Lo Spirito dichiara apertamente che negli ultimi tempi alcuni si allontaneranno dalla fede, dando retta a spiriti menzogneri e a dottrine diaboliche”. Se è nella Bibbia è parola di Dio.

Seguiamo quindi – in obbedienza – il cammino della “Verità”, del positivo, e non cerchiamo il rumore perché potremmo perdere, anche l’anima.

In conclusione, gli angeli esistono. Se avete bisogno di consigli su qualcosa nella vita, perché non chiedete direttamente al vostro angelo custode senza bisogno di un intermediario come medium, carte, ecc.? Dopo tutto, chi vi conosce meglio? Si suppone che sappia tutto di voi e che sia il vostro migliore amico.

Non avete bisogno di alcun altro strumento per comunicare con voi che di “chiamarlo”, direttamente. Dio ci ha dato la capacità di farlo, e il nostro angioletto aspetta solo che lo facciamo. Non abbiamo bisogno di alcun rituale per farlo e perché ci offra il suo aiuto e la sua protezione, perché sentiamo la sua presenza (visualizzazioni, meditazioni, immaginazione guidata, occhio della mente, ecc.), e allora avvantaggiamocene. Gli angeli compiono la VOLONTÀ DI DIO, e questa è che TUTTI SI SALVINO…




Fonte it.aleteia.org

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome