Speciale Papa Francesco a Napoli, 21 marzo 2015

Speciale Papa Francesco a Napoli, 21 marzo 2015Periferie, detenuti, ammalati, giovani: nelle dieci ore che Papa Francesco trascorrerà in visita pastorale nel capoluogo partenopeo incontrerà i più deboli, ma anche tanti giovani, le famiglie, il clero, i religiosi, in diversi luoghi della città.

Il Cardinale Crescenzio Sepe, con il Governatore della Regione Stefano Caldoro, il Sindaco Luigi De Magistris e i vertici delle Forze dell’Ordine, venerdì 9 gennaio nel palazzo arcivescovile, hanno presentato il programma ufficiale della visita: due incontri, in particolare, ripercorrono la lunga e indimenticata visita nel capoluogo di Giovanni Paolo II, Scampia e la grande festa con i giovani.

Papa Francesco atterrerà, infatti, alle 9 in elicottero a Scampia, dopo la sosta a Pompei per la preghiera al santuario. Alla periferia nord di Napoli, il Pontefice avrà l’appuntamento con le associazioni e le forze sociali del territorio proprio in piazza Giovanni Paolo II: ad attenderlo, l’Arcivescovo di Napoli il Governatore Caldoro, il nuovo Prefetto Gerarda Pantalone (che si è insediato il 12 gennaio scorso), il Sindaco Luigi De Magistris. «Da Scampia – ricorda l’Arcivescovo di Napoli – il Papa ora santo lanciò il suo monito ad organizzare la speranza e per Napoli la speranza vuol dire essenzialmente il lavoro e gesti che siano concreti. La venuta di Papa Francesco – ha proseguito Sepe – ci spinge a rinsaldarci nella fede come comunità cristiana, ma soprattutto ci incoraggia a mettere insieme tutte le energie positive della città per dare un segnale a quanti vivono rassegnati e bloccati nella speranza di un futuro diverso. La provvidenza e le parole di Papa Francesco faranno il resto».

speciale Papa Francesco a Napoli
Dopo la tappa di Scampia, al termine del discorso, alle 10.15, il Papa si trasferirà in auto in piazza del Plebiscito. Il corteo papale percorrerà corso Secondigliano, calata Capodichino, piazza Carlo III, via Foria, via Pessina, piazza Dante, via Toledo, piazza Trieste e Trento per arrivare in piazza del Plebiscito. In piazza la città vivrà un momento significativo in cui Pietro incontrerà la città.

Il palco, per motivi di sicurezza, dovrebbe essere allestito davanti alla chiesa e non a Palazzo Reale, come precedentemente pensato.

Massima attenzione per la sicurezza. Il prefetto uscente di Napoli, Francesco Musolino, ha fatto sapere che sarà istituita «una task-force per tutti i dettagli legati alla sicurezza». «Il Papa – ha aggiunto – si sente libero di fare quello che ritiene opportuno, viaggerà in papa-mobile e non accetta restrizioni».

Tutti gli eventi con copertura video verranno trasmessi su PAPABOYS WEB TV clicca qui e non perdere neppure uno degli eventi in diretta! Dopo l’evento ogni filmato resterà in archivio e lo potrai riguardare quando vorrai!

VISITA PASTORALE DEL SANTO PADRE FRANCESCO: 21 marzo 2015

ore 7.00 Partenza in elicottero dall’eliporto del Vaticano
ore 8.00 Atterraggio nell’Area Meeting del Santuario di PompeiAlla scaletta dell’elicottero il Papa è accolto da:

mons. Tommaso Caputo, arcivescovo di Pompei e delegato pontificio per il Santuario

Sig. Nando Uliano, sindaco di Pompei

In auto, il Papa raggiunge il Santuario di Pompei

ore 8.15 In Santuario:Preghiera del Papa

Terminata la preghiera, il Papa ritorna all’elicottero per trasferirsi a Napoli

ore 9.00 Atterraggio nel campo sportivo comunale di ScampiaIl Papa è accolto: card. Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli

Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania

Gerarda Maria Pantalone, prefetto di Napoli

Luigi De Magistris, sindaco di NapoliIn auto, il Papa raggiunge piazza Giovanni Paolo II

ore 9.30 Scampia – piazza Giovanni Paolo II:Incontro con la popolazione del Rione e con diverse categorie sociali

Saluti

Discorso del Papa

ore 10.15 Il Papa, al termine del discorso, lascia il Rione Scampia, e in auto si trasferisce a piazza Plebiscito
ore 11.00 Piazza Plebiscito:Concelebrazione eucaristica

Omelia del Papa

Saluto del card. Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli

Terminata la celebrazione della Santa Messa, trasferimento in auto alla Casa Circondariale di Poggioreale

ore 13.00 Casa Circondariale “Giuseppe Salvia” a Poggioreale:Il Papa è accolto da:

1. Antonio Fullone, direttore

2. Gaetano Diglio, comandante

3. don Franco Esposito, cappellano

Lungo il corridoio che conduce alla cappella, il Papa saluta i rappresentati della direzione, della polizia penitenziaria, dei dipendenti.

Nella Cappella:

pranzo con una rappresentanza dei detenuti

Parole del Papa

Il Papa lascia la Casa Circondariale di Poggioreale e raggiunge l’Arcivescovado

ore 14.30 Sosta in Arcivescovado
ore 15.00 In Duomo:Venerazione delle reliquie di San Gennaro

Incontro con il Clero ed i Religiosi

Discorso del Papa

ore 15.45 Uscito dal Duomo, il Papa si trasferisce in auto alla Basilica del Gesù Nuovo.
ore 16.15 Basilica del Gesù Nuovo:Incontro con gli Ammalati

Discorso del Papa

Al termine dell’incontro con gli ammalati, il Papa raggiunge in auto il lungomare Caracciolo

ore 17.00 Lungomare Caracciolo:Incontro con i giovani

Saluti

Discorso del Papa

Al termine, trasferimento in auto alla Stazione Marittima

ore 18.15 Stazione Marittima:Il Papa si congeda dalle autorità che lo hanno accolto all’arrivo

Decollo da Napoli

ore 19.00 Atterraggio all’eliporto del Vaticano

 

Alle 11 la concelebrazione eucaristia:
certamente centinaia di migliaia di persone affolleranno la piazza antistante la basilica di San Francesco di Paola, come accadde per la visita di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI.

La visita prosegue con il trasferimento al carcere di Poggioreale dove, nella cappella trasformata in refettorio, Francesco ha scelto di pranzare insieme con i detenuti.

Alle 14.30 trasferimento in Curia, a largo Donnaregina, dove il pontefice riposerà per circa mezz’ora, prima di essere accompagnato al duomo dove venererà le reliquie di San Gennaro e incontrerà il clero, i religiosi e le religiose.

Alle 16.15, preghiera e conforto per gli ammalati nella chiesa del Gesù Nuovo mentre, alle 17, sul lungomare Caracciolo, l’incontro con i giovani.

«Per questo la comunità cristiana ha iniziato un cammino di preparazione – spiega Sepe – coinvolgendo le parrocchie, gli oratori, i centri di pastorale giovanile e le scuole. Per l’organizzazione dell’appuntamento – aggiunge – sarà messo in piedi un comitato del quale faranno parte un esponente per ognuna delle istituzioni coinvolte».

«Un programma molto fitto – ha affermato il sindaco De Magistris – il tempo è poco, ma Napoli dovrà farsi trovare al meglio e lo farà. La presenza del papa è un passaggio importante e un momento di riscatto per la nostra città».

Alle 18.15, alla stazione marittima, il Papa si congeda con le autorità e decolla da Napoli. Stanziato un contribuito dalla Regione Campania per la visita papale. «C’è una legge regionale con la quale è stato stabilito un contributo rivolto ai cittadini – spiega il presidente Caldoro – per garantire il massimo dell’accoglienza, dello spazio, della sicurezza, tutti gli aspetti che sono legati ai primi soccorsi. Per una visita così importante è un piccolo contributo».

GLI ARTICOLI DEL NOSTRO SPECIALE:



Ti é piaciuto l'articolo? Scrivi un tuo commento!

Letture consigliate (clicca sulla copertina, potrai acquistare a prezzi scontati!)

Pensieri e parole di madre Speranza
Santità al femminile. Donne determinate e forti
Il Rosario con Papa Francesco

Una proposta

Commenti

Aggiungi il tuo commento