Speciale Medjugorje – Intervista a Mons. Sigalini

Mons_Domenico_SigaliniTESTIMONIANZE DI FEDE – Intervista esclusiva di Rita Sberna a Mons. Sigalini, Vescovo di Palestrina legato a Medjugorje; qualche tempo fa, aveva invitato la veggente Vicka Ivankovic a tenere un incontro di preghiera nella parrocchia Gesù Redentore. Sulla base delle polemiche scaturite da alcune dichiarazioni di Papa Francesco, a cui sono state attribuite affermazioni su Medjugorje, abbiamo intervistato Mons. Sigalini in merito a ciò che i media in questi giorni scrivono.

Lei ha invitato la veggente Vicka, ed il Vaticano non gradisce questo genere di incontri, stando sulla base di ciò che ha dichiarato il Papa sui veggenti..
Diciamo che non è esattamente così. Il Vaticano vuole ricordare a tutti che le eventuali apparizioni che possono avere i cosiddetti veggenti, allo stato delle ricerche, non si può ancora dire con certezza che siano soprannaturali. Se la gente va in questi incontri solo per vedere l’apparizione ed attestare che siano visioni soprannaturali, è chiaro che questi incontri non si possono fare.
Io sono stato molto obbediente, avevo invitato già la veggente Vicka e non potevo mandarla a casa. Noi a questi incontri andiamo soltanto per ascoltare la Parola di Dio e farci aiutare dalla devozione che abbiamo per Maria e quindi alla fine abbiamo potuto realizzare l’evento.
C’è un momento di attesa per quando riguarda le apparizioni a Medjugorje, (mi riferisco anche alle dichiarazioni del Papa) al momento non si può dire né che siano fenomeni sopranaturali e né che non lo siano. Infatti nelle mie omelie dico spesso ai fedeli di pregare il Signore affinchè illumini la Chiesa, a dare le giuste indicazioni anche su questo caso.

Perché Lei è legato personalmente a Medjugorje?
Nella mia diocesi ho due Istituti religiosi che richiamano le realtà di Medjugorje, ed essendo responsabile della fede dei miei credenti, devo costatare se questa fede rispecchia ciò che dice la Chiesa.
Vado a trovarli quando mi trovo a Medjugorje, in quell’occasione faccio anche la catechesi perché solitamente vado in Bosnia per il Festival dei giovani. La centralità di Medjugorje è sempre Gesù, Maria ci aiuta ad arrivare a Suo figlio Gesù.

Cosa pensa personalmente dei veggenti di Medjugorje?
Conosco quattro dei sei veggenti, ed a mio parere sono persone serie, equilibrate ed anche tanto sofferenti perché la vita non regala loro niente. Hanno gli stessi problemi come tutte le famiglie. Ci sono molte dicerie su di essi, ma sono persone molto consapevoli del dono che hanno ricevuto e ne sono testimoni.
Da ragazzi hanno patito tanto, il regime di allora, era duro nei loro confronti, e patiscono anche per le accuse che a volte vengono fatte nei loro confronti. Nonostante tutto io li stimo come persone e come cristiani.

Il Papa entro fine mese ha annunciato che ci sarà un pronunciamento su Medjugorje. Secondo lei sarà positivo?
Attendiamo questo pronunciamento un po’ tutti, ma credo che non possiamo aspettarci miracoli, perché i veggenti sono ancora in vita, per cui i fenomeni si manifestano tutt’ora e la Chiesa non potrà definire il tutto fino a quando le apparizioni saranno in corso. Probabilmente il Papa nel frattempo, ricorderà a tutti i fedeli, che il Centro è Gesù, la Sua parola e la Sua scrittura.

Servizio di Rita Sberna

Ti é piaciuto l'articolo? Scrivi un tuo commento!

Letture consigliate (clicca sulla copertina, potrai acquistare a prezzi scontati!)

100 preghiere ai santi dell'impossibile
Cento giorni con Gesu
San Michele Arcangelo

Una proposta

Commenti

1 Commento

    Aggiungi il tuo commento