Preghiera da recitare questo lunedì a San Giorgio martire, per vincere il ‘drago del peccato’ nella nostra vita

Giorgio, il cui sepolcro è a Lidda (Lod) presso Tel Aviv in Israele, venne onorato, almeno dal IV secolo, come martire di Cristo in ogni parte della Chiesa. La tradizione popolare lo raffigura come il cavaliere che affronta il drago, simbolo della fede intrepida che trionfa sulla forza del maligno. La sua memoria è celebrata in questo giorno anche nei riti siro e bizantino. (Messale Romano)

PREGHIERA A SAN GIORGIO MARTIRE

O glorioso san Giorgio che sacrificaste il sangue e la
vita per confessare la fede, otteneteci dal Signore la
grazia di essere disposti a soffrire per amor suo qualunque
affronto e qualunque tormento, anzi che perdere una sola
delle cristiane virtù; fate che, in mancanza di carnefici,
sappiamo da noi stessi mortificare la nostra cerne cogli
esercizi della penitenza, affinchè morendo volontariamente
al mondo e a noi medesimi, meritiamo di vivere a Dio in
questa vita, per essere poi con Dio in tutti i secoli dei secoli.
Amen.

Pater, Ave, Gloria

O San Giorgio, a te mi volgo
per chiedere la tua protezione.
Ricordati di me, tu che hai sempre aiutato
e consolato chiunque ti ha invocato
nelle proprie necessità.
Animato da grande confidenza
e dalla certezza di non pregare invano,
ricorro a te che sei così ricco di meriti
davanti al Signore: fa che la mia supplica
giunga, per tua intercessione,
al Padre della misericordia.
Benedici il mio lavoro e la mia famiglia;
tieni lontani i pericoli dell’anima e del corpo.
E fa che, nell’ora del dolore e della prova,
io possa rimanere forte nella fede
e nell’amore di Dio

Incomparabile san Giorgio, che,
dopo aver con eloquenza tutta
divina confusi coloro che male sentivano
del Cristianesimo, li commoveste
col sostenere
sempre intrepido, anzi gioioso
il laceramento delle ruote appuntite
che profondo solchi segnavano nel
vostro corpo, e scorrer facevano
a rivi il vostro sangue, impetrate a
noi tutti la grazia di confondere
coll’esempio, più ancora che con le
parole, tutti coloro che sparlano
della religione e della pietà di essere
sempre disposti a tollerar qualunque
male per sostenere una causa così
santa. Così sia.

Gloria al Padre

Ti é piaciuto l'articolo? Scrivi un tuo commento!

Letture consigliate (clicca sulla copertina, potrai acquistare a prezzi scontati!)

Profumo di lavanda. Medjugorje, la storia continua di Paolo Brosio
Cento giorni con Gesu
I fioretti di madre Teresa di Calcutta

Una proposta

Commenti

Aggiungi il tuo commento