Padre Gianfranco Maria Chiti, da soldato nazifascista a soldato di Gesù

Gianfranco Chiti nacque il 6 maggio 1921 a Gignese e a 15 era già entrato nella scuola militare a Roma. Come segno del suo grande amore per la patria e della sua grande fede fece una promessa alla Madonna chiedendo di passare gli esami, e in cambio avrebbe dedicato le sue vacanze ai poveri. Da allora la Madre del Cielo lo accompagnò per tutta la vita, e ovunque si trovasse voleva sempre un’immagine o una statuetta della Vergine Maria per dedicarle un piccolo altare e poterla pregare.

Dall’ottobre 1941 al maggio 1943 combatté sui fronti croato, greco e russo. Ricordava così quegli anni:

“Quando, durante la ritirata, vedevo i corpi dei miei giovani compagni riversi senza vita, mi veniva l’istinto di inginocchiarmi e baciarli, perché morivano per le colpe di altri, perché erano stati strappati alle loro famiglie, portati in territori lontani a morire. Vedevo in loro l’immagine del Redentore, perché la guerra è effetto dei peccati del mondo.

Quando ci incontravamo con gli altri, i nemici, non con le armi in pugno, fra noi non c’era né odio né violenza, ma rispetto, desiderio di aiutarci. Come saremmo ritornati vivi in Italia se non avessimo ottenuto l’aiuto delle donne russe, che ci hanno dato da mangiare quel poco che gli era rimasto, probabilmente perché nei nostri volti vedevano i volti dei loro figli e dei loro mariti che stavano dall’altra parte?”
Fu in quei momenti di grande sofferenza, in cui cercò con ogni mezzo di far sopravvivere i soldati di entrambe le parti, che nacque in lui il desiderio insistente di entrare nell’Ordine dei Cappuccini.

L’8 settembre 1943 aderì alla Repubblica Sociale Italiana (RSI), convinto di lavorare per il bene del suo Paese. Per questa scelta, alla fine del conflitto venne internato e giudicato nei campi di concentramento di Coltano e Laterina, ma nel 1946 la commissione istituita per giudicare i militari della RSI lo assolse. Il comandante Chiti aveva sempre agito tenendo fede al giuramento fatto. Molti leader partigiani e civili deposero a suo favore. Padre Flavio Ubodi, vice-postulatore della sua causa di canonizzazione, ha ricordato che grazie al suo grado nella RSI Chiti riuscì a salvare centinaia di persone, impedì delle retate e si oppose alla distruzione di intere località.

Nel 1944 salvò più di 200 partigiani dal fucilamento reclutandoli in un corso speciale che non era mai esistito nella sua compagnia di Granatieri, li “preparò” e poi li fece tornare alle proprie case. Il suo nome figura anche nel “Libro dei Giusti” della Sinagoga di Torino per aver salvato alcune famiglie ebree. Una testimonianza importante su di lui ha affermato che “il tenente Chiti riuscì a salvare il figlio del poeta Giulio Segre prendendolo sotto la propria protezione, ben sapendo che era ebreo e senza curarsi delle difficoltà e delle opposizioni avanzate dai suoi superiori”.

Nel 1948 Chiti fu reinsediato nel nuovo Esercito italiano e poi inviato in Somalia per conto dell’ONU. A 50 anni venne nominato primo colonnello e poi comandante della prestigiosa scuola di sottufficiali di Viterbo, formando intere generazioni che lo ricordano ancora con ammirazione e devozione per la disciplina salda e rigida con cui insegnava, ma anche per la sua generosità e per il fatto di essere sempre presente nei momenti felici e tristi dei suoi studenti. Aiutava molto i poveri, ed era egli stesso molto povero. Era anche molto nota la sua grande devozione alla Vergine delle Grazie di Pesaro.

A 57 anni diventò generale di brigata, e l’anno dopo lasciò tutto per vestire il saio francescano, aggiungendo al suo nome quello della sua amatissima Madre, Maria. Fu ordinato come Gianfranco Maria, con le decorazioni dei granatieri sotto il saio. Nel 1990 venne inviato a Orvieto per ricostruire dalle rovine il convento di San Crispino, che era stato profanato e coperto di scritte blasfeme. Installò una tenda militare tra le rovine, e i suoi vecchi commilitoni andarono ad aiutarlo, trasformandola in un’oasi di pace e accoglienza dei più poveri.

Risultati immagini per Padre Gianfranco Maria Chiti



È morto il 20 novembre 2004 ed è stato seppellito per sua volontà nel cimitero di Pesaro. Subito molte persone appartenenti alla diocesi di Orvieto, l’Associazione Nazionale dei Granatieri di Sardegna e molta gente comune hanno chiesto di avviare il processo per la sua beatificazione e canonizzazione.

L’8 maggio 2015 il vescovo di Orvieto, monsignor Benedetto Tuzia, ha aperto la fase diocesana del processo di beatificazione.

Per fra’ Gianfranco Maria il merito più grande è stato “cambiare l’uniforme di soldato della patria con quella di soldato di Gesù”.




Fonte it.aleteia.org/Maria Paola Daud

Ti é piaciuto l'articolo? Scrivi un tuo commento!

Letture consigliate (clicca sulla copertina, potrai acquistare a prezzi scontati!)

Il perdono di Assisi
Cento giorni con Gesu
Profumo di lavanda. Medjugorje, la storia continua di Paolo Brosio

Una proposta

Commenti

Aggiungi il tuo commento