Marcia Macerata-Loreto: ‘in collegamento con il marito di Meriam’

Stasera, alle 20 e 30, con la Messa allo stadio Helvia Recina, celebrata dal segretario di Stato Pietro Parolin, avrà inizio il pellegrinaggio Macerata-Loreto. Il cammino notturno di 27 chilometri fra le due città marchigiane è arrivato ormai alla trentaseiesima edizione e monsignor Giancarlo Vecerrica, vescovo della diocesi di Fabriano-Matelica, spiega a tempi.it che «ormai fa parte della nostra storia». Il primo pellegrinaggio partì nel lontano 1978, quando Vecerrica era insegnante di religione. Insieme a lui camminarono 300 pellegrini. «Stasera, solo di volontari, se ne conteranno 3 mila». L’anno scorso i partecipanti sono stati circa 70 mila. «Come al solito, al centro del pellegrinaggio anche quest’anno ci sarà un titolo, una domanda: “Di cosa abbiamo bisogno per vivere?”», spiega Vecerrica. «La preoccupazione sulla vita, per noi, è centrale. Ci chiediamo come vivere, ci domandiamo cosa è necessario mettere al centro delle nostre vite». Tuttavia «questo gesto, questo cammino insieme, lo proponiamo non per dare una risposta alle domanda della vita ma per offrire una compagnia a chi come noi vuole cercare il Mistero».

Sono decine di migliaia i pellegrini attesi a Macerata, in arrivo da tutta Europa (e anche dal Sud America), pronti a intraprendere il pellegrinaggio, fra cui moltissimi giovani. «Oggi le persone vengono in pellegrinaggio anche per chiedere l’intervento della Grazia per questioni di lavoro – prosegue Vecerrica – dalle nostre parti, nella diocesi di Fabiano-Matelica, c’è una tremenda crisi: ogni giorno abbiamo a che fare con il disagio umano, culturale, politico, economico e lavorativo», però, osserva il vescovo, «questa situazione di difficoltà non ha seppellito le nostre domande». «Ecco perché la Macerata-Loreto attira sempre più in massa i giovani, spesso lontani dalla fede». «L’attrattiva di questo pellegrinaggio non dipende da noi, ma dal Mistero che ci ha ispirato. Questo ci costringe a continuare il cammino, anche se sembra sempre più difficile». Il 5 giugno è stata benedetta da papa Francesco la fiaccola che brucerà le intenzioni di chi parteciperà al pellegrinaggio. «Il Papa – racconta Vecerrica – ci ha chiesto di pregare per la pace. Si è molto impressionato della coincidenza del pellegrinaggio con la preghiera per la pace in Palestina e Israele che terrà con i capi di stato in San Pietro». A proposito di questo, Vecerrica spiega che cosa accomuna i due gesti: «Il Papa non fa un tavolo per la pace, non fa un accordo, non coordina un dialogo, ma va alle radici della pace dicendo: “Preghiamo insieme”. Questo è l’elemento di novità cristiano che emerge anche nel gesto del pellegrinaggio». Insieme al cammino, nel pellegrinaggio sono previste molte testimonianze: «Dal giovane maturando che viene per ringraziare Dio, a quella di José Berdini, responsabile delle comunità Pars. Ci sarà anche un collegamento con Daniel Wani, il marito di Meriam, la giovane madre cristiana imprigionata in Sudan». di Francesco Amicone

Ti é piaciuto l'articolo? Scrivi un tuo commento!

Letture consigliate (clicca sulla copertina, potrai acquistare a prezzi scontati!)

Beata te che hai creduto
Mauro Leonardi - Mezz'ora di orazione
DOPO ANNI DI ATTESA E' FINALMENTE ARRIVATO IL DOCUMENTO DESTINATO A CAMBIARE RADICALMENTE IL MODO DI FARE CATECHESI IN ITALIA

Una proposta

Commenti

Aggiungi il tuo commento